L’Italia sequestra la barca a vela del miliardario russo Melnichenko

L’ufficio del Primo Ministro italiano ha dichiarato sabato che la polizia aveva sequestrato un gigantesco yacht di proprietà del miliardario russo Andrei Igorevich Melnichenko, pochi giorni dopo che l’uomo d’affari era stato inserito nell’elenco delle sanzioni dell’Unione Europea a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il governo ha dichiarato che lo yacht A di 143 metri, al prezzo di 530 milioni di euro (578 milioni di dollari), è stato prenotato nel porto settentrionale di Trieste.

Porta la tua attività FOX in movimento facendo clic qui

Progettata da Philippe Starck e costruita da Knopskrug in Germania, il governo ha affermato che la nave è lo yacht a vela più grande del mondo.

Melnichenko possedeva il più grande produttore di fertilizzanti EuroChem Group e la compagnia di carbone SUEK. Giovedì le società hanno dichiarato in dichiarazioni di essersi dimesso dal consiglio di amministrazione delle due società e di essersi ritirato dalla carica di beneficiario a partire da mercoledì.

Lo yacht di lusso dalla forma unica “Sailing Yacht A”, costruito per il miliardario russo Andrey Melnichenko, attraversa l’isola italiana dell’Isola del Giglio il 10 luglio 2018, vicino agli scogli “Scole” dove naufraga la Costa Concordia (Foto di VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images/Getty Images)

Il portavoce di Melnichenko, Alex Andreev, ha affermato che l’uomo d’affari “non ha nulla a che fare con i tragici eventi in Ucraina. Non ha affiliazioni politiche”.

Yacht oligarchi russi, una lussuosa proprietà costiera sequestrata dall’Italia: foto

“Non c’è assolutamente alcuna giustificazione per inserirlo nell’elenco delle sanzioni dell’UE”, ha affermato Andreev. “Discuteremo di queste sanzioni infondate e ingiustificate e crediamo che prevarranno lo stato di diritto e il buon senso.

READ  Mosca minaccia di vendicarsi se la NATO si muove con armi nucleari vicino ai suoi confini

Il ministro dell’Economia italiano Daniele Franco ha dichiarato sabato che la polizia italiana ha confiscato dalla scorsa settimana ville e yacht per un valore di oltre 700 milioni di euro (763,63 milioni di dollari) a importanti figure russe che sono state inserite nell’elenco delle sanzioni dell’Unione europea.

Questa foto scattata il 10 marzo 2022 mostra lo yacht a vela A di proprietà dell’oligarca russo Andrei Melnichenko a Trieste, in Italia. – Uno yacht a vela è il più grande yacht a motore privato con l’assistenza della vela nel mondo. (Foto della giuria Makovich/AFP) (Foto (Foto di JURE MAKOVEC/AFP via Getty Images/Getty Images)

“Finora siamo arrivati ​​a ciò che è stato visibile, e ora dobbiamo colpire il resto come frecce. Stiamo facendo un ottimo lavoro per evidenziare ciò che i trust e i nomi di facciata proteggono”, Giuseppe Zavarana, capo della Guardia di Finanza italiana, ha detto ai giornalisti a Bergamo sabato.

Le operazioni di polizia facevano parte di una campagna coordinata dei paesi occidentali per punire i ricchi russi che si dicono legati al presidente Vladimir Putin.

Lo yacht da 600 milioni di dollari dell’oligarca russo Alisher Usmanov ha prenotato in Germania: rapporti

Nel frattempo, lo yacht di lusso che si dice fosse di proprietà dell’uomo d’affari russo Roman Abramovich è arrivato sabato mattina nelle acque territoriali del Montenegro, secondo un fotografo della Reuters.

Solaris è uno di una serie di yacht di proprietà del proprietario del Chelsea Football Club Abramovich, secondo le pubblicazioni di beni di lusso SuperYachtFan, SuperYacht Times e Forbes.

La nave di 140 m (460 piedi) è ormeggiata al largo del resort di lusso di Porto Montenegro a Tivat. La barca ha lasciato Barcellona martedì.

CLICCA QUI PER LEGGERE DI PIÙ SUL BUSINESS FOX

Giovedì la Gran Bretagna ha imposto sanzioni ad Abramovich e ha congelato i suoi beni, citando quello che ha definito il suo stretto rapporto con Putin. Abramovich ha negato l’esistenza di tali relazioni.

(1 dollaro = 0,9167 euro)

(Reportage aggiuntivo di Emilio Parodi a Bergamo e Stevo Vasyljevic a Tivat; scrittura di Giselda Fagnoni; Montaggio di Francis Kerry)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply