L’inflazione ha raggiunto l’8,6% a maggio: aggiornamenti CPI in tempo reale

L’inflazione al consumo negli Stati Uniti ha raggiunto un tasso annuo dell’8,6% a maggio, il livello più alto da oltre quattro decenni, poiché l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari ha spinto i prezzi al rialzo.

Il Dipartimento del lavoro ha dichiarato venerdì che il suo indice dei prezzi al consumo è aumentato dell’8,6% a maggio rispetto allo stesso mese di un anno fa, segnando il suo ritmo più veloce da dicembre 1981. Anche questo è stato in aumento rispetto alla lettura dell’IPC di aprile, che era appena inferiore a -40. Il livello più alto dell’anno a marzo. L’indice dei prezzi al consumo misura ciò che i consumatori pagano per beni e servizi.

L’aumento di maggio è stato trainato da forti aumenti dei prezzi dell’energia, che sono aumentati del 34,6% rispetto all’anno precedente, e dei generi alimentari, che sono aumentati dell’11,9% nel corso dell’anno. I prezzi di auto e camion usati sono aumentati dell’1,8% a maggio rispetto ad aprile, invertendo i ribassi di tre mesi. I costi di rifugio, un indicatore di ampie pressioni inflazionistiche, sono aumentati di mese in mese a maggio e sono aumentati del 5,5% rispetto a un anno fa.

L’elevata inflazione è un aspetto negativo della forte crescita negli Stati Uniti, guidata in parte dai bassi tassi di interesse e dagli stimoli del governo per contrastare l’impatto della pandemia di Covid-19. L’inflazione annuale è aumentata notevolmente dall’inizio del 2021, quando la ripresa dell’economia statunitense dalla pandemia ha subito un’accelerazione, provocando interruzioni dell’offerta e altri squilibri che esercitano pressioni al rialzo sui prezzi più a lungo di quanto previsto dai responsabili politici.

READ  Wayfair (W) annuncia le perdite del primo trimestre 2022

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply