L’industria dei videogiochi non è “a prova di recessione”, le vendite dovrebbero diminuire nel 2022

Il logo di PlayStation 5 è raffigurato in un negozio a Cracovia, in Polonia.

Norfoto | Getty Images

Le vendite di videogiochi sono destinate a diminuire ogni anno per la prima volta dopo anni, poiché un altro settore che ha prosperato nell’era del coronavirus deve affrontare la cupa prospettiva di una recessione.

Secondo una ricerca della società di dati di mercato Ampere Analysis, il mercato globale dei giochi e dei servizi dovrebbe ridursi dell’1,2% su base annua a 188 miliardi di dollari nel 2022.

Il settore è cresciuto del 26% dal 2019 al 2021, raggiungendo una dimensione record di 191 miliardi di dollari. I dati Ampere mostrano che le vendite di videogiochi sono cresciute costantemente almeno dal 2015.

I giochi hanno ricevuto una grande spinta dai blocchi di Covid-19 nel 2020 poiché le persone hanno trascorso la maggior parte del loro tempo al chiuso. Lancio della prossima generazione di console da Microsoft E il Sony Nello stesso anno, ha anche aumentato le fortune del settore.

Tuttavia, l’arrivo di Xbox Series X e S di Microsoft e PlayStation 5 di Sony si è rivelato un’arma a doppio taglio: interruzioni logistiche e carenza di componenti vitali hanno reso gli acquirenti difficili da trovare una qualsiasi delle nuove console sugli scaffali dei negozi o su tutta la linea. Internet.

L’invasione russa dell’Ucraina, insieme ai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e all’aumento dell’inflazione, ha esacerbato le aspettative di gioco. Molti produttori di software e hardware di gioco Hanno deciso di sospendere le loro operazioni In Russia, inclusi Microsoft e Sony.

La Russia era il decimo mercato di gioco più grande del mondo nel 2021, secondo Ampere. La società ha affermato che quest’anno dovrebbe scendere al 14° posto nella classifica e perdere $ 1,2 miliardi di valore.

READ  I giocatori di "Fortnite" affrontano code di 90 minuti per la Stagione 2, ed ecco perché

Piers Harding Rolls, direttore della ricerca di Ampere, ha affermato che i numeri mostrano che l’industria dei giochi non è “a prova di recessione”, poiché è probabile che le sfide del costo della vita causate dall’aumento dei prezzi influiscano sui consumi.

“Dopo due anni di massiccia espansione, il mercato dei giochi è pronto a riportare parte di quella crescita nel 2022 poiché molteplici fattori si combinano per minare le prestazioni”, ha affermato Harding Rolls.

“Nonostante ciò, l’anno si concluderà ben prima della performance pre-pandemia e le prospettive per il settore nel suo insieme rimangono positive, con una crescita prevista per il ritorno nel 2023”, ha aggiunto.

Il mercato dovrebbe tornare a crescere nel 2023, con vendite che dovrebbero raggiungere i 195 miliardi di dollari, secondo Ampere.

Altre sfide che il settore deve affrontare includono le modifiche alla privacy da mela Ciò rende difficile per gli sviluppatori di giochi per dispositivi mobili tenere traccia degli utenti di iPhone, oltre a ritardi nelle versioni massicce come Starfield e Redfall di Microsoft.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply