L’ex portiere di Chattanooga Malachi Smith si impegna nella squadra di basket maschile dei Gonzaga Bulldogs

Ex portiere di Chattanooga Malachia Smithil miglior trasferimento di basket maschile disponibile al cancello, impegnato con i Gonzaga, è Pubblicizza sui social Giovedì.

“Volevo avere l’opportunità di giocare per l’allenatore della Hall of Fame Mark Few, per far parte di una cultura vincente, per una squadra che ha un’atmosfera familiare”, ha detto Smith a ESPN.

Smith ha scelto il ferro su un gruppo che includeva Louisville, Texas Tech, DePaul e Stanford, ma ha avuto interesse da quasi tutte le scuole che hanno bisogno di una guardia da quando è entrato nel gate di trasferimento alla fine di aprile.

Smith, il giocatore dell’anno della Southern Conference di quest’anno, è stato uno dei migliori giocatori medi del paese la scorsa stagione, con una media di 19,9 punti, 6,7 rimbalzi e 3,0 assist a partita e sparando il 40,7% da un intervallo di 3 punti. Stava anche testando per il draft NBA prima di abbandonare la scadenza NCAA e dice di aver raccolto preziosi feedback dai team su ciò su cui vogliono vederlo lavorare per migliorare la sua carriera.

“Vogliono che dimostri che posso essere un difensore versatile contro un talento del calibro della NBA, pur mostrando il mio gioco offensivo come portiere chiave”, ha detto. “Vogliono vedere che posso competere a questo livello”.

Smith si unisce a Gonzaga che guadagnerà l’attenzione come prima squadra pre-stagione del paese insieme alla Carolina del Nord dopo il ritorno di diversi giocatori chiave. Ciò include il candidato pre-stagione National Player of the Year Disegna Tim E altri due novizi del torneo NCAA dell’anno scorso si sono classificati al primo posto nel quinto anno Il pilota Bolton e giovane Giuliano Strother – Entrambi i marcatori sono a doppia cifra.

Due grandi riserve della scorsa stagione in grande forza in avanti Anton Watson La guardia del secondo anno Nolan Hickman Tornano anche loro, si uniscono al centro di trasferimento della LSU Ifton Rosso.

Smith dice che far parte di una squadra che aspira al campionato nazionale era attraente, anche se non ci fossero garanzie che sarebbe stato il punto focale dell’attacco con così tanti giocatori di talento che sarebbero tornati.

“Molte squadre vincenti in lizza per i titoli hanno grandi pezzi”, ha detto. “Il Kansas ha avuto quattro o cinque ragazzi che potrebbero essere il ragazzo in squadre diverse. Le Final Four di Gonzaga hanno avuto quattro o cinque ragazzi che potrebbero giocare nella NBA. So che facendo parte di una grande squadra tutto andrà bene da Si suppone essere così, finché vinciamo le partite”.

Forse la cosa più importante per Gonzaga è che Smith porti una guardia esperta e collaudata, nota per il suo comando vocale, qualcosa che attualmente manca al roster.

“Porta talento”, ha detto, “ma ero anche a March of Madness”. “Ho guidato una squadra in un corso. Ho esperienza come leader, usando la mia voce e sapendo dove devono essere i ragazzi per aiutare tutto a funzionare senza intoppi. Il mio obiettivo è far parte di qualcosa di speciale, migliorare il mio gioco. “

READ  Note sui gemelli: Gray, Rodriguez, Buxton

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply