L’Europa sospetta un sabotaggio dopo una misteriosa fuga di gas negli oleodotti russi

  • Primo ministro polacco: perdite causate da atti vandalici
  • L’operatore afferma che il danno al Nord Stream 1 è “senza precedenti”
  • La crisi del gas russo ha fatto salire i prezzi
  • L’Europa corre per trovare alternative

STOCCOLMA/COPENHAGEN, 27 set. (Reuters) – L’Europa ha gareggiato martedì per indagare sul possibile sabotaggio dietro le perdite improvvise e inspiegabili di due gasdotti russi sotto il Mar Baltico al centro di una crisi energetica da quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha affermato che le perdite sono state causate da un sabotaggio, mentre il primo ministro danese e la Russia hanno affermato che non si può escludere poiché le forniture di gas all’Europa sono state tagliate dopo le sanzioni occidentali. Ma chi potrebbe esserci dietro a qualsiasi azione scorretta, se provata, e un motivo non sono chiari.

L’autorità marittima svedese ha emesso un avviso su due perdite nel gasdotto Nord Stream 1, il giorno dopo la scoperta di una perdita nel vicino gasdotto Nord Stream 2, spingendo la Danimarca a limitare le spedizioni e imporre una piccola no-fly zone.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Entrambi i gasdotti sono stati punti di crisi nell’escalation della guerra energetica tra le capitali europee e Mosca, che ha colpito le principali economie occidentali, fatto salire i prezzi del gas e alimentato la ricerca di forniture di energia alternativa. leggi di più

“Oggi abbiamo subito un sabotaggio, non conosciamo tutti i dettagli di quello che è successo, ma vediamo chiaramente che si tratta di un atto di sabotaggio legato al prossimo passo nell’escalation della situazione in Ucraina”, ha affermato Mateusz Morawiecki. Apertura di un nuovo gasdotto tra Norvegia e Polonia.

READ  Uvalde ha chiesto a un ufficiale il permesso di sparare all'uomo armato prima che entrasse nella scuola, ma non è tornato indietro nel tempo, secondo il rapporto.

Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha affermato che il sabotaggio non può essere escluso. “Stiamo parlando di tre fuoriuscite con una certa distanza tra loro, quindi è difficile immaginare che sia una coincidenza”, ha detto.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che le perdite hanno influito sulla sicurezza energetica dell’intero continente. leggi di più

Nessun gasdotto stava consegnando gas all’Europa nel momento in cui le perdite sono state scoperte tra le polemiche sulla guerra in Ucraina, ma gli incidenti potrebbero vanificare le speranze rimaste che l’Europa potesse ricevere gas tramite il Nord Stream 1 prima dell’inverno.

“La distruzione simultanea di tre serie di gasdotti offshore del sistema Nord Stream nello stesso giorno è senza precedenti”, ha affermato l’operatore di rete Nord Stream AG.

Sebbene nessuno dei due sia operativo, entrambi i tubi contengono gas sotto pressione.

Gazprom (GAZP.MM)La società controllata dal Cremlino, che ha il monopolio delle esportazioni di gas russe tramite gasdotto, ha rifiutato di commentare.

“Ci sono alcune indicazioni che si tratti di un danno deliberato”, ha affermato una fonte della difesa europea, aggiungendo che era ancora troppo presto per trarre conclusioni. “Bisogna chiedere: a chi giova?”

Una seconda fonte europea, alla domanda se ci fossero informazioni specifiche che indicano un sabotaggio, ha detto: “Non è ancora specifico, ma sembra che questa caduta di pressione si verificherebbe solo se un tubo fosse completamente tagliato. Questo dice tutto”.

La Russia ha tagliato le forniture di gas all’Europa tramite il Nord Stream 1 prima di chiudere del tutto i flussi ad agosto, incolpando le sanzioni occidentali di causare problemi tecnici. I politici europei affermano che questa è una scusa per interrompere le forniture di gas.

Il nuovo gasdotto Nord Stream 2 non è ancora entrato in esercizio commerciale. La Germania ha annullato i piani per utilizzarlo per le forniture di gas pochi giorni prima che la Russia inviasse truppe in Ucraina a febbraio.

Una nota di Eurasia Group afferma che gli sversamenti non pianificati negli oleodotti sottomarini sono rari.

“Indipendentemente dalle molteplici perdite sottomarine e dagli sviluppi politici nella guerra in Ucraina, nessun gasdotto consegnerà gas all’UE il prossimo inverno”, ha affermato. “A seconda dell’entità del danno, le perdite potrebbero significare la chiusura permanente di entrambe le linee”.

Malfunzionamento o sabotaggio?

I prezzi del gas in Europa sono aumentati alla notizia delle perdite, con i prezzi olandesi di ottobre in aumento di quasi il 10% martedì. I prezzi sono ancora al di sotto dei massimi stratosferici di quest’anno, ma superiori del 200% rispetto all’inizio di settembre 2021.

“L’aspetto della sicurezza dei gasdotti in tutta l’UE è una preoccupazione, che sembra essere atti di vandalismo… e aumenterà i problemi di approvvigionamento per il prossimo inverno”, ha affermato l’analista di Refinitiv Timothy Crump.

La fuga di notizie è arrivata poco prima del cerimoniale di lancio di martedì di un gasdotto baltico che trasporta gas dalla Norvegia alla Polonia, un fulcro degli sforzi di Varsavia per tagliare le forniture russe.

READ  Quando Biden ha avvertito del declino della democrazia, le reti televisive sono tornate in onda

Lunedì l’Autorità norvegese per la sicurezza petrolifera (PSA) ha esortato le compagnie petrolifere a prestare attenzione ai droni non identificati che volano vicino alle piattaforme petrolifere e del gas offshore della Norvegia. leggi di più

Un portavoce dell’amministrazione marittima svedese (SMA) ha affermato che ci sono state due perdite nel Nord Stream 1, una nella zona economica svedese e l’altra nella zona danese, entrambe nel nord-est dell’isola danese di Bornholm.

“Siamo sotto controllo per assicurarci che nessuna nave si avvicini troppo al sito”, ha affermato un secondo portavoce della SMA.

Le navi potrebbero perdere galleggiabilità se entrassero nell’area e il gas fuoriuscito potrebbe rischiare di incendiarsi in acqua e aria, ha affermato l’Agenzia per l’energia danese, aggiungendo che non vi sono rischi associati alla fuoriuscita al di fuori della zona di esclusione.

Ha affermato che la perdita interesserebbe solo l’ambiente nella regione in cui si trova il pennacchio di gas nella colonna d’acqua e la fuoriuscita del metano, gas serra, danneggerebbe il clima.

Le autorità danesi hanno chiesto al settore danese dell’elettricità e del gas di aumentare il livello di preparazione dopo le fuoriuscite, un passo che richiede procedure di sicurezza più elevate per gli impianti e gli impianti elettrici.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto degli uffici Reuters; Scritto da Mathias Williams; A cura di Edmund Blair e John Harvey

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply