L’esercito americano conferma che un oggetto interstellare ha colpito la Terra nel 2014.

noirlab2205a

In questa illustrazione, un asteroide è in primo piano in basso a sinistra. I due punti luminosi sopra di esso all’estrema sinistra sono la Terra (a destra) e la Luna (a sinistra). Il sole appare sulla destra.

NOIRLab / NSF / AURA / J. da Silva / Spaceengine

misterioso oggetto rettangolo umuamua Probabilmente va ai registri scientifici come il primo oggetto interstellare conosciuto ad essere osservato nel nostro sistema solare, ma ora è chiaro che alcune rovine cosmiche che hanno colpito la nostra atmosfera alcuni anni fa provenivano anche da uno spazio molto profondo.

Nel 2019, due ricercatori di Harvard che hanno studiato Oumuamua hanno redatto un nuovo articolo che ipotizzava che anche un meteorite molto veloce che si è fatto strada attraverso l’atmosfera nel 2014 fosse interstellare. Il record del suo impatto e i riferimenti alla sua origine insolita si nascondono in bella vista nel database delle palle di fuoco della NASA da anni.

“La sua alta velocità … indica una possibile origine dall’interno profondo di un sistema planetario o di una stella nel disco spesso della Via Lattea”, si legge nel riassunto. la carta Dallo studente Amir Siraj e dall’astronomo veterano Avi Loeb.

Tuttavia, come SI Di recente detto vizioLa revisione tra pari e la pubblicazione del documento sono state sospese perché le forze armate statunitensi hanno compilato alcuni dei dati necessari per confermare i calcoli degli scienziati.

Ora sembra che l’impasse burocratica sia crollata.

Una nota insolita del comando spaziale degli Stati Uniti al capo della scienza della NASA è stata condivisa tramite l’account Twitter dell’USSC la scorsa settimana dopo che il vice comandante, il tenente generale John Shaw, ha rivelato la sua presenza all’annuale Space Symposium in Colorado.

“Dott. Joel Moser, capo scienziato, comando per le operazioni spaziali … vedere l’analisi dei dati aggiuntivi disponibili per il Dipartimento della Difesa relativi a questa scoperta”, si legge nella nota. “Il dottor Moser ha confermato che la stima della velocità riportata alla NASA è sufficientemente accurata da indicare un percorso interstellare”.

Si stima che il meteorite fosse relativamente piccolo, probabilmente vicino alle dimensioni di un microonde. Ciò significa che la stragrande maggioranza di essa si è bruciata nell’atmosfera e tutti i frammenti rimanenti sono caduti nell’Oceano Pacifico.

Tuttavia, Siraj sta esaminando la possibilità di cercare eventuali frammenti rimanenti sul fondo dell’oceano, che secondo Loeb potrebbero contenere prove di vita da altri sistemi stellari.

“La meteora segnalata è entrata nel sistema solare a una velocità di 60 km/s [134,216 mph], “Me l’ha detto Loeb nel 2019.” Una velocità di espulsione così elevata può essere prodotta solo nei nuclei più interni dei sistemi planetari – all’interno dell’orbita della Terra attorno a una stella come il Sole, ma nella zona abitabile delle stelle nane, consentendo così a tali corpi di trasportare la vita dal loro genitore pianeti.”


Ora gioca:
Guarda questo:

Domande e risposte con Avi Loeb dell’Università di Harvard sui nostri cosiddetti alieni…


5:01

Da allora, Loeb è diventato una figura controversa nei circoli scientifici a causa della sua affermazione che la “spiegazione più semplice” per l’origine di Oumuamua è che è stata creata dall’intelligenza extraterrestre.

Sarebbe difficile provare questa ipotesi, perché Oumuamua si sta attualmente allontanando da noi nello spazio profondo. Allo stesso modo, le probabilità di trovare un granello di meteorite sul fondo dell’oceano sono pari a quelle dell’attesa che un ET si presenti di persona ad Harvard.

READ  Il telescopio spaziale Webb ricerca i buchi neri primordiali

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply