L’elefante non è una persona legalmente, soddisfatta delle principali regole del tribunale di New York

L’elefante asiatico felice Elephant, che è stato allo zoo di Franks per più di 40 anni, sarà lì martedì dopo che la Corte Suprema di New York ha stabilito che non era una persona in senso legale e quindi non idoneo per i diritti umani fondamentali.

Con 5 voti contro 2, Happy è stato detenuto illegalmente allo zoo e la Corte d’Appello ha respinto l’argomento dell’organizzazione degli avvocati degli animali secondo cui dovrebbe essere trasferito nell’ambiente naturale.

La questione è se il principio giuridico alla base dell’Habeas corpus – proteggere la libertà fisica delle persone e combattere la detenzione illegale – debba essere esteso ad animali autonomi e intellettualmente complessi come gli elefanti. No, ha detto il tribunale.

“Sebbene nessuno neghi le straordinarie capacità degli elefanti, respingiamo l’argomento del firmatario secondo cui Habeas Corpus ha il diritto di cercare un accordo con Habeas Corpus”, ha scritto il giudice capo Janet Defier. “L’habeas corpus non è un animale disumano, ma un veicolo pratico per difendere i diritti umani degli esseri umani che sono controllati illegalmente”.

Ma secondo un’opinione diversa, il giudice Rowan D. Wilson ha detto: “La corte ha il dovere di riconoscere il diritto di presentare una petizione per la libertà del marito perché è un animale selvatico, non da imprigionare e mostrare, ma a causa dei diritti. Come comunità diamo agli altri ciò che siamo .

Questo è il primo caso in cui il mondo anglofono merita di essere definito una personalità animale per raggiungere una corte così alta. Mentre la fine è felice dove si trova, è improbabile che la doppia estremità smorzi il dibattito sull’opportunità di cercare animali più intelligenti oltre alle cose o ai beni.

Il caso è stato avviato nell’ambito della campagna della Commissione per i diritti umani Motivazione legale a lungo termine Da fare Animali in cattività liberi. Il mese scorso, il gruppo ha insistito su una richiesta di habeas corpus di rimuovere tre elefanti da uno zoo in California, nonostante il destino di Happy.

A New York, il gruppo ha cercato di spostare Happy dallo zoo del Bronx, dicendole che era una prigione, uno dei due grandi santuari degli elefanti, descrivendolo come un ambiente naturale che avrebbe felicemente cambiato la vita di Happy.

“È un’elefantessa depressa e contorta”, ha detto il fondatore del gruppo, Steven Weiss, in un’intervista prima dell’annuncio del verdetto.

Dall’altra parte del caso c’era la Wildlife Conservation Association, che gestisce lo zoo e ha completamente respinto le affermazioni del gruppo sull’esistenza di Happy’s Bronx. La comunità ha affermato in una dichiarazione prima del verdetto che “è ben tenuto e fortemente legato a lui da professionisti con decenni di esperienza”, aggiungendo che il caso equivaleva a un “palese sfruttamento”.

READ  La Svizzera afferma che sta congelando i beni russi

Il Comitato per i diritti umani e la Wildlife Conservation Society non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento sul verdetto.

Il significato dell’argomento è diventato chiaro in una fredda e limpida giornata di maggio da un carrello della monorotaia che attraversa l’area dell’Asia selvaggia dello zoo. Lei e sua nonna, un altro elefante asiatico, si muovevano lentamente, circa due acri[3 ettari]separati da un recinto circondato da alberi, con alberi sparsi, e uno stagno nelle vicinanze.

“I nostri due elefanti sono bellissimi”, ha detto una guida turistica, dando una valutazione difficile da contraddire per l’uomo medio. Al sole del mattino la nonna era felicissima di vagare nel suo prato in direzione di muovere le orecchie, il tronco e la coda. “Attirano più attenzione”.

Gli elefanti sono per natura molto socievoli, vagano in branchi e interagiscono tra loro su qualsiasi cosa, dai suoni a bassa frequenza al più piccolo angolo del loro corpo. In essi sono osservati Vari comportamenti di lutto se uno dei loro numeri muore.

La felicità non gode molto di quella vita naturale. Nato nei primi anni ’70, probabilmente in Thailandia, fu catturato in giovane età e portato negli Stati Uniti. È stata ferita insieme ad altri sei elefanti in un parco per animali della FloridaOgnuno è stato chiamato per i personaggi “Biancaneve e i sette nani”.

Lo zoo del Bronx acquistò lei e un altro dei sette, Crumby, nel 1977. I due inizialmente vivevano a Elephant House con Dus, un’anziana femmina di elefante (non nella sezione dell’Asia selvaggia dove ora è tenuto Happy).

Dus, Happy e Crumby sono stati addestrati per fare acrobazie, cavalcare per i bambini e organizzare spettacoli.Fine settimana degli elefanti“Suonare” con i costumi realizzati da un duro artista di performance del centro Vigili del fuoco E Giocatori di football universitari. (Di solito vincono gli elefanti.)

Alla fine si sono trasferiti nell’Asia selvaggia mentre gli zoo di tutto il paese hanno rivendicato o abbandonato le loro mostre di elefanti. Movimento emergente per i diritti degli animali. Dus è morto nel 2002. Pochi mesi dopo, la nonna e il secondo elefante, Maxine, attaccarono Crumby e la ferirono. Non posso più essere felice con loro.

READ  Manchester City vs. Real Madrid in diretta: aggiornamenti UEFA Champions League

Nel 2006, una giovane femmina di elefante, Sami, è stata introdotta come nuova compagna di Happy, ma è morta quando è arrivata. Lo zoo ha deciso di non aggiungere più elefantiSi concentra sull’assistenza ai membri della fauna selvatica in via di estinzione.

Lascia la felicità da sola da un lato di un recinto, con la nonna – e, fino alla sua morte molti anni fa, Maxine – dall’altro. Nonostante il divieto, i funzionari dello zoo affermano che Happy non è isolata e che lei e sua nonna toccano i tronchi, annusano e comunicano tra loro.

Eugene M., che all’epoca era un giudice del tribunale. Fahe, insieme ai suoi colleghi, si è unito a Simp per archiviare il caso. Ma consensualmente, ha affermato, la questione presentava un “profondo dilemma di etica e politica che attirerebbe la nostra attenzione”.

“La questione se l’animale disumano abbia un diritto fondamentale alla libertà protetto dall’Habeas Corpus Act è profonda e lungimirante”, ha scritto. “Parla del nostro rapporto con tutti gli esseri viventi che ci circondano. Alla fine, non possiamo ignorarlo.

Sig. Per Wise, l’opinione del giudice Fahey ha dato un barlume di speranza. Dopo aver esaurito gli appelli nel caso Simp, si rivolse a Happy, distinguendosi per aver avanzato intellettualmente, soprattutto per una razza nota per la sua intelligenza.

Nel 2005 ha superato il test di auto-riconoscimento del vetro e, guardandosi allo specchio, ha toccato con la proboscide la X segnata sulla testa, il primo elefante a mostrare tale autoconsapevolezza (prima lo facevano solo umani, scimmie e delfini). .

Progetto sui diritti disumani La petizione Habeas è stata presentata per conto di Happy, E nel febbraio 2020 un giudice del tribunale lo ha respinto. Alison Dwight, un giudice della Corte Suprema dello Stato del Bronx, ha affermato di essere vincolata dal precedente legale e di essersi “rammaricata” della sua decisione.

“Questa Corte concorda sul fatto che la felicità è più di una cosa o di una proprietà legale”, ha scritto. “Lei è intelligente, autonoma, va trattata con rispetto e dignità e merita la libertà”.

Una corte d’appello ha confermato la sentenza del tribunale di grado inferiore, preparando il terreno per un’udienza il mese scorso davanti a una corte d’appello di sette giudici.

Il giudice Jenny Rivera ha interrogato Monica Miller, un avvocato che rappresenta il Programma per i diritti disumani, sui cambiamenti ai proprietari di animali domestici.

“Significa che non posso allevare un cane?” Lei chiese. “Voglio dire, i cani possono memorizzare le parole.”

No, la signora Miller ha risposto che le argomentazioni del gruppo non si applicavano ai cani: “Non abbiamo prove che i cani abbiano elefanti”.

Rispondendo a una domanda sul fatto che la giuria avesse chiesto un verdetto che potesse applicarsi solo a Happy, la signora Miller ha detto: “È disgustoso non pensare che questo sia un precedente per un altro elefante”.

L’argomento principale dell’associazione di difesa è che Happy non è stato detenuto illegalmente, ma il suo avvocato, Kenneth Manning, ha detto che il sig. Ha anche sollevato il timore che se la corte si fosse pronunciata a favore del pannello di Wise, gli esseri umani avrebbero perso il controllo su tutti i tipi di animali.

“Non lo definirei un’increspatura, Vostro Onore”, disse al giudice Rivera.

Il giudice Fahey si è ritirato dalla corte l’anno scorso e non ha preso parte al dibattito. Ma ha votato per il tribunale prima di dimettersi e, in un’intervista prima di annunciare la decisione, ha affermato che si trattava di un passo importante indipendentemente dalla decisione.

“La cosa reale è se hanno un senso complesso di se stessi”, ha detto di animali più intelligenti come elefanti e sempliciotti. Ha detto che c’era “un’enorme quantità di prove” a sostegno di tale argomentazione e “nessuna prova” per il contrario.

Sebbene un dizionario possa definire “persona” in un certo modo, ha notato che il significato della parola secondo la legge è cambiato nel tempo. Ha notato che le società ora sono considerate persone in determinate circostanze.

Rifiutandosi di dire in un’intervista in che modo avrebbe votato nel caso Happy, il giudice Fahey ha affermato che i progressi tecnologici – come quelli che coinvolgono l’intelligenza artificiale – hanno reso ancora più importante affrontare le domande sulla personalità.

“Quando la scienza cambierà, la natura dell’umanità e la natura dell’intelligenza cambieranno”, ha detto. “Se non affrontiamo il modo in cui definiamo queste cose ora, non creeranno nulla per noi quando arriveranno quei cambiamenti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply