Lego inizierà a costruire i suoi mattoncini negli Stati Uniti

La società ha annunciato mercoledì l’intenzione di costruire uno stabilimento di 1,7 milioni di piedi quadrati in Virginia, che impiegherà quasi 1.800 persone una volta completato nel 2025. Sarà il settimo stabilimento globale dell’azienda danese e il secondo in Nord America, e l’altro si trova a Monterrey, Messico.

La Lego aveva in precedenza una fabbrica negli Stati Uniti nel Connecticut, ma quella struttura è stata chiusa nel 2006 perché la società diceva che i bambini preferivano giocare con l’elettronica. I tempi sono cambiati: come altri produttori di giocattoli, Lego è nel bel mezzo di un La mutazione causata dall’epidemia Dove le famiglie cercano divertimento a casa.

Le sue vendite sono aumentate del 27% lo scorso anno, guidate dalle nuove aperture di negozi in Cina e dal ritorno dei clienti nei negozi riaperti. L’azienda a conduzione familiare ha affermato di aver sovraperformato l’industria dei giocattoli in tutti i principali mercati durante l’anno, quando le sue vendite di mattoni di plastica hanno totalizzato più di 8 miliardi di dollari.

“Sempre più famiglie si stanno innamorando della costruzione di Lego e non vediamo l’ora di produrre i mattoncini Lego negli Stati Uniti, uno dei nostri mercati più grandi”, ha dichiarato il CEO Nils P. Christiansen in una nota.

La costruzione di uno stabilimento negli Stati Uniti aiuta anche l’azienda a soddisfare la domanda qui, in particolare quando le catene di approvvigionamento sono intasate e il costo della spedizione delle merci aumenta a causa dei prezzi record del carburante.

“Le nostre fabbriche si trovano vicino al nostro mercato più grande, il che riduce la distanza che i nostri prodotti devono percorrere”, ha affermato il direttore delle operazioni di Lego, Carsten Rasmussen, nella dichiarazione. “Il nostro nuovo stabilimento negli Stati Uniti e l’ampliamento della capacità nella nostra attuale sede in Messico significano che saremo in grado di supportare al meglio la crescita a lungo termine nelle Americhe”.

READ  5 cose da sapere prima dell'apertura del mercato azionario martedì

Christiansen ha anche osservato che la Virginia è stata scelta per l’impianto a emissioni zero perché consente loro di “costruire un parco solare che supporta le nostre ambizioni di sostenibilità e fornisce facili collegamenti alle reti di trasporto nazionali”.

L’azienda è stata a lungo un bersaglio dei sostenitori del clima a causa dei suoi mattoni e imballaggi di plastica. L’azienda ha intensificato i suoi sforzi nel campo della sostenibilità negli ultimi anni. Ha annunciato nel 2020 che prevede di farlo Imballaggio dei loro prodotti in carta riciclabile Invece di plastica monouso. E l’anno scorso, Lego ha presentato a modello in mattoni Realizzato in plastica riciclata.

L’azienda attualmente impiega 2.600 persone negli Stati Uniti e ha più di 100 negozi.

– Reuters ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply