L’economia cinese ha vacillato lo scorso anno a causa dello stallo della crescita a causa del coronavirus

L’economia cinese ha registrato la peggiore performance degli ultimi decenni lo scorso anno, poiché la crescita è rallentata a causa di diversi blocchi di Covid-19, seguiti da un’epidemia mortale a dicembre che ha colpito il paese con notevole velocità.

I dati pubblicati martedì hanno mostrato che la Cina è cresciuta del 3% nel corso dell’anno, meno della metà di quanto fatto nel 2021 e ben al di sotto dell’obiettivo di Pechino del 5,5%. A parte il 2020, è stato il risultato più deludente dal 1976, l’anno successivo alla morte di Mao Zedong, quando l’economia si è contratta dell’1,6%.

Il 7 dicembre, Cina Sollevato senza preavviso Le sue rigide restrizioni sono “zero Covid” dopo quasi tre anni. In poche settimane, il virus ha infettato centinaia di milioni di persone, mettendo a dura prova i reparti ospedalieri e le pompe funebri e lasciando fabbriche, uffici e ristoranti privi di lavoratori e clienti.

Un’inversione di politica da parte di Xi Jinping, il leader supremo della Cina, ha paralizzato l’economia a dicembre e ha fatto sperare che avrebbe riguadagnato terreno entro la fine dell’anno. Se questo è di grande importanza per il resto del mondo. I consumatori in Cina sono una fonte di reddito quasi indispensabile per le aziende nazionali ed estere. Le sue fabbriche producono una quota maggiore della produzione industriale mondiale rispetto a Stati Uniti, Germania e Giappone messi insieme. Il Partito Comunista Cinese ha fatto affidamento sulla crescita per la legittimità politica.

Nonostante il colpo inferto da “zero Covid”, la Cina sembra essere cresciuta più velocemente lo scorso anno rispetto ai principali concorrenti come Stati Uniti, Giappone e Germania, che gli economisti stimano siano cresciuti meno del 2 per cento lo scorso anno.

Nel decennio precedente la pandemia, l’economia cinese era una delle più dinamiche al mondo, crescendo a un tasso medio annuo del 7,7%. Ma negli ultimi tre mesi del 2022, la crescita è rallentata al 2,9% ed è scesa da trimestre precedente.

I funzionari cinesi insistono sul fatto che l’economia si riprenderà dopo il picco delle infezioni. Sono riapparsi gli ingorghi e le metropolitane sono sempre più affollate a Pechino e Shanghai. I negozi lungo la famosa Nanjing Road di Shanghai, la Fifth Avenue cinese, non sono più vuoti. I terminal nazionali dei grandi aeroporti cinesi sono affollati di passeggeri. L’ottimismo si riflette nei mercati azionari cinesi, che sono saliti nelle ultime settimane.

READ  Lo sciopero ferroviario è stato evitato a causa dell'accordo ferroviario che ha concesso ai lavoratori più tempo

Ma la strada da percorrere è molto vaga. Gran parte della popolazione cinese, in particolare gli anziani, non è completamente vaccinata, il che comporta un aumento del rischio di contrarre nuove varianti di Covid. Il settore immobiliare dell’economia, normalmente uno dei principali motori della ricchezza, è appesantito da un massiccio debito societario.

Molti economisti stanno già cancellando gennaio e forse anche febbraio. Un numero enorme di lavoratori si è già diretto verso le proprie città per celebrare il capodanno lunare, in molti casi per la prima volta in tre anni. Nessuno sa quando torneranno nelle città per lavorare.

“I dati sull’attività e sulla fiducia per marzo potrebbero iniziare a sorprendere al rialzo”, ha affermato Louise Law, economista presso Oxford Economics a Singapore.

Le cicatrici economiche di “Zero Covid” sono visibili a Yiwu, una città fluviale un tempo animata da industria leggera e mercati all’ingrosso nel sud-est della Cina. Nelle interviste di questo mese, quasi una dozzina di residenti ha affermato che anche se la marea di casi si è attenuata a dicembre, il danno era ancora presente.

Yiwu ha subito un duro blocco di 10 giorni ad agosto per eliminare un’epidemia di virus di 500 casi, solo per subire un’ondata di casi a metà dicembre quando le misure “zero Covid” sono state revocate.

Oggi i ristoranti sono pieni solo per un terzo e molti hanno chiuso definitivamente. Molti negozi erano quasi vuoti quando avrebbero dovuto essere pieni di gente che comprava regali prima delle celebrazioni del capodanno lunare che dovrebbero iniziare questo fine settimana.

Yuan Hao, il proprietario di un negozio di fiori non più grande di un grande armadio, ha detto che in alcune vetrine vicino a lui, molti negozi hanno aperto e poi chiuso rapidamente nell’ultimo anno. I commercianti hanno scoperto che quasi nessuno ha mai speso soldi. Ha detto che ora quasi nessuno compra fiori per il capodanno lunare.

“Tutti i soldi che abbiamo guadagnato sono stati spesi e non c’è modo di risparmiare di più”, ha detto.

READ  Esclusivo: dietro la caduta di FTX, la lotta dei miliardari e il salvataggio delle criptovalute sono falliti

Jin Weiying gestisce un negozio all’ingrosso che vende decorazioni e accessori per il capodanno lunare. Ma i suoi clienti – rivenditori di tutta la Cina – ordinano forniture più piccole del solito e chiedono forti sconti.

“In passato, era normale che i clienti ordinassero otto o dieci scatole per operazione, ma ora ordinano solo due o tre set”, ha affermato il signor Jin. “Anche se torna alla normalità, il pubblico in generale non ha soldi in mano”.

I dati nazionali confermano le esperienze dei negozianti.

In tutto il paese, i prezzi della carne di maiale, un punto culminante dei banchetti del capodanno lunare, sono più bassi del solito per questo periodo dell’anno, ha affermato Darren Friedrich, direttore delle ricerche di mercato presso Cetonia Consulting, un’azienda di prodotti agricoli a Shanghai.

L’Ufficio nazionale di statistica ha anche annunciato martedì che le vendite al dettaglio della Cina sono diminuite dell’1,8% a dicembre rispetto allo stesso mese del 2021. Per rilanciare la spesa dei consumatori, la Cina deve ripristinare la propria fiducia: un compito difficile. L’indice di fiducia dei consumatori del governo è sceso il mese scorso al livello più basso misurato in più di tre decenni.

I dati della banca centrale cinese hanno mostrato che le famiglie hanno risparmiato denaro durante i blocchi che le hanno costrette a rimanere a casa. Ma gran parte dell’aumento risiede nei conti di deposito fissi, che vengono chiusi per periodi di tempo più lunghi. Inoltre, un’indagine della banca centrale sui depositanti urbani il mese scorso ha rilevato numeri record del piano della Cina per aumentare i loro risparmi, una tendenza che potrebbe smorzare i consumi almeno nel breve termine.

Un’altra difficoltà per i politici di Pechino è che la domanda esterna è diminuita. Gli alti tassi di interesse imposti dalla Federal Reserve statunitense e da altre banche centrali hanno indebolito le loro economie e ridotto il loro appetito per le importazioni dalla Cina.

I funzionari cinesi hanno annunciato venerdì che le esportazioni sono diminuite del 9,9% a dicembre rispetto allo stesso mese di un anno fa, comprese le picchiate, del 19,5% verso gli Stati Uniti e del 17,5% verso i paesi dell’Unione Europea.

A Yiwu, migliaia di acquirenti stranieri visitavano il mercato all’ingrosso per l’esportazione all’ingrosso. Ma la maggior parte di loro non ha potuto visitare dopo che la Cina ha chiuso i suoi confini nel marzo 2020, pochi mesi dopo lo scoppio dell’epidemia. Molti hanno cercato fornitori altrove.

READ  Elon Musk ha twittato di aver affrontato Bill Gates sulla vendita allo scoperto di Tesla

Una società con uffici vendite nel mercato di esportazione di Yiwu è Tian Cheng Glass, che produce brocche e boccali, principalmente per clienti in Medio Oriente. Zheng Xiaohong, responsabile della vendita al dettaglio dell’azienda, ha affermato che prima dell’epidemia, le vendite di Tiancheng erano di circa 10 milioni di dollari all’anno. Ora sono meno della metà.

“Era molto meglio nel 2019, e allora avresti incontrato stranieri casuali”, ha detto, in piedi in una bancarella abbandonata nel mercato di esportazione, circondata da scaffali coperti di bicchieri. “Allora non sono venuti qui.”

Mentre molti governi locali sono profondamente indebitati, nuove connessioni tra quartieri e città potrebbero rendere la Cina più competitiva. Yiwu, ad esempio, ha aperto le sue prime due linee di metropolitana leggera negli ultimi sei mesi.

Il governo nazionale ha anche iniziato a salvare il settore immobiliare cinese con linee di credito delle banche statali. La costruzione di alcuni dei numerosi complessi di appartamenti del paese è terminata mentre i lavori si sono fermati, come un vasto complesso a Dongguan, una città vicino a Hong Kong, costruito da Evergrande, un promotore immobiliare quasi insolvente.

La velocità con cui il Covid ha attraversato il Paese nell’ultimo mese è stata un disastro per la salute pubblica della Cina. Alcuni analisti ritengono che tassi di infezione più elevati, salvo ulteriori focolai, potrebbero aiutare a far progredire l’economia lasciando la popolazione generale più resiliente a malattie gravi.

Wang Xiongfeng, 46 anni, residente a Yiwu, ha detto che lui e molte altre persone che conosceva a Yiwu si sono ammalate a metà dicembre. Ma per lo più si sono ripresi e hanno ripreso a vivere più di quanto non facessero prima della pandemia.

Il signor Wang ha detto che si aspetta che più acquirenti stranieri vengano presto a Yiwu per effettuare ordini per l’esportazione e che l’economia della città cominci a riprendersi. Ha predetto che “le cose andranno meglio”.

io te Contribuire alla ricerca.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply