Le ultime notizie della crisi Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale

Una dura risposta globale alle mosse del presidente russo Vladimir Putin contro l’Ucraina ha iniziato a emergere martedì mentre i paesi europei e gli Stati Uniti si preparavano a imporre sanzioni e la Germania ha fermato un importante gasdotto, ma il presidente russo è rimasto provocatorio. Il volto della condanna globale.

Un giorno dopo il signor Putin Riconosciute due regioni separatiste Nell’Ucraina orientale come indipendente, due funzionari europei hanno affermato martedì che la Russia aveva inviato truppe nella regione, ma il ministero degli Esteri russo ha negato di averlo fatto finora.

Martedì mattina presto, John Viner, vice consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Ha detto che le forze russe avevano iniziato a trasferirsi in Ucraina, dichiarando alla CNN che “un’invasione è un’invasione, ed è quello che sta succedendo”.

Gli ucraini spaventati sono saliti a bordo degli autobus dalle regioni separatiste anche se il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha esortato il suo paese in guerra a “mantenere la calma” durante la crisi.

Ma allo stesso tempo, il signor Zelensky ha insistito sul fatto che l’Ucraina non avrebbe rinunciato al territorio e il suo ministro della Difesa, Oleksiy Reznikov, sembrava stesse preparando le truppe del suo paese per la battaglia.

“Avremo un processo difficile”, ha detto il signor Reznikov in una triste lettera rilasciata dai militari. Ci saranno perdite. Dovrai affrontare il dolore e superare la paura e la disperazione”.

Tuttavia, non vi era alcuna indicazione immediata di una grande escalation militare nell’Ucraina orientale, e gran parte dell’attenzione di martedì era nelle capitali europee, poiché i leader si preparavano a quello che dicevano sarebbe stato un duro pacchetto di sanzioni contro Mosca. I leader statunitensi ed europei hanno condannato lunedì la decisione di Putin di riconoscere le regioni separatiste, le cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, che sono state create dopo che la Russia ha innescato una guerra separatista nell’Ucraina orientale nel 2014.

READ  Le azioni globali scendono con l'attacco della Russia all'Ucraina

Era l’amministrazione Biden martedì mattina Discutere le sanzioni che dovrebbero essere lanciate contro Putin, i suoi associati e il sistema finanziario russo. Gli Stati Uniti devono affrontare un compito difficile, cercando di chiarire che le azioni di Putin nell’Ucraina orientale non rimarranno impunite, lasciando aperta la possibilità di ulteriori sanzioni se Putin attacca il resto del paese.

Il governo britannico ha affermato che punirà i membri del parlamento russo che hanno votato per riconoscere l’indipendenza delle regioni separatiste e attuerà una legislazione per garantire che nessun individuo o azienda britannica possa fare affari con Donetsk e Luhansk.

A Mosca, Putin ha negato quella che ha descritto come speculazione secondo cui Mosca intende “ristabilire l’impero russo entro i confini dell’impero”.

“Questo non corrisponde assolutamente alla realtà”, ha detto Putin in un commento televisivo insieme al presidente azerbaigiano Ilham Aliyev, un’ex repubblica sovietica con stretti legami con l’Ucraina e la Russia.

Il giorno prima, Putin ha pronunciato un lungo discorso infuocato descrivendo l’Ucraina come parte della Russia, descrivendo il governo di Kiev non solo come un “fantoccio” degli Stati Uniti e dei suoi leader l’unico responsabile di qualsiasi “spargimento di sangue” che potrebbe venire dopo. .

“Per quanto riguarda coloro che hanno preso il potere a Kiev e lo detengono ancora, chiediamo che fermino immediatamente l’azione militare”, ha detto, riferendosi alla capitale ucraina.

Nelle ultime settimane, da 150 a 190mila soldati russi, secondo stime occidentali, hanno gradualmente represso i loro vicini e gli Stati Uniti hanno ripetutamente avvertito che la domanda sull’invasione russa non era se lo fosse o meno.

Il segretario di Stato Anthony J. Sbattere le palpebre su Twitter Che “la mossa della Russia di riconoscere l'”indipendenza” delle cosiddette repubbliche controllate dai suoi delegati è una vergogna prevedibile”. Ha aggiunto di aver detto al ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, che gli Stati Uniti condannano queste azioni “nei termini più forti possibili”.

READ  Il videomessaggio di Arnold Schwarzenegger esorta i russi a superare la disinformazione del governo

In una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite alla fine di lunedì, diversi paesi hanno criticato la Russia, affermando che la mossa equivaleva a una violazione della Carta delle Nazioni Unite e a un assalto alla sovranità dell’Ucraina. Sebbene l’incontro si sia concluso senza un’azione, Linda Thomas Greenfield, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha affermato che i membri del consiglio hanno “inviato un messaggio unificato: che la Russia non dovrebbe iniziare una guerra”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply