Le immagini della NASA mostrano la bellezza inquietante dell’inverno su Marte

Il permafrost nel suolo ha lasciato modelli poligonali su Marte. (NASA, JPL-Caltech, Università dell’Arizona)

Tempo di lettura stimato: 4-5 minuti

ATLANTA — Marte può sembrare un luogo arido e desolato, ma il Pianeta Rosso si trasforma in un paese delle meraviglie invernale ultraterreno, secondo Nuovo video condiviso dalla NASA.

È inverno inoltrato nell’emisfero settentrionale di Marte, mentre il rover Perseverance e l’elicottero creativo esplorano un antico delta fluviale che un tempo confluiva nel cratere Jezero miliardi di anni fa.

Essendo la caratteristica principale del pianeta, è la polvere che determina anche il clima marziano. La polvere di solito annuncia l’arrivo dell’inverno, ma il pianeta non è estraneo a neve, ghiaccio e nevischio. Ai poli di Marte, la temperatura può scendere fino a meno 190 gradi Fahrenheit.

Ci sono due tipi di neve su Marte. Uno di questi è il tipo che viviamo sulla Terra, fatto di acqua ghiacciata. La sottile aria marziana e le temperature sotto lo zero fanno sì che la neve convenzionale sublimi, o passi direttamente da un solido a un gas, prima che tocchi il suolo su Marte.

L’altro tipo di neve marziana è a base di anidride carbonica, o ghiaccio secco, e può atterrare sulla superficie. Qualche metro di neve tende a cadere su Marte nelle zone pianeggianti vicino ai poli.

Sylvain Piccio, uno scienziato marziano del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, ha dichiarato in una nota. Versione NASA. “Se stai cercando di sciare, dovrai andare su un cratere o su un pendio, dove la neve può accumularsi su una superficie inclinata.”

Finora, nessun orbiter o rover è stato in grado di vedere la neve cadere sul Pianeta Rosso perché il fenomeno meteorologico si verifica solo ai poli sotto la copertura nuvolosa di notte. Le telecamere in orbita non possono guardare attraverso le nuvole e non sono stati sviluppati esploratori robotici in grado di resistere alle temperature gelide ai poli.

Nevischio irregolare di anidride carbonica, o ghiaccio secco, può essere visto all'interno di un cratere durante l'inverno nell'emisfero meridionale di Marte.
Nevischio irregolare di anidride carbonica, o ghiaccio secco, può essere visto all’interno di un cratere durante l’inverno nell’emisfero meridionale di Marte. (Foto: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona)

Tuttavia, il Mars Climate Sounder sul Mars Reconnaissance Orbiter può rilevare la luce che non è visibile all’occhio umano. Neve di anidride carbonica è stata osservata ai poli di Marte. il Fenice Lander Arrivato su Marte nel 2008, ha anche utilizzato uno dei suoi strumenti laser per rilevare il ghiaccio d’acqua dalla sua posizione a circa 1.000 miglia dal polo nord marziano.

Grazie ai paparazzi, sappiamo che i fiocchi di neve sulla Terra sono unici ea sei facce. Al microscopio, i fiocchi di neve marziani sembrano probabilmente un po’ diversi.

“Poiché il ghiaccio di anidride carbonica ha una simmetria di quattro, sappiamo che i fiocchi di neve secca saranno a forma di cubo”, ha detto Becchio. “Grazie al clima marziano più sicuro, possiamo dire che questi fiocchi di neve saranno più piccoli della larghezza di un capello umano”.

Anche il ghiaccio e l’anidride carbonica si formano su Marte e possono trovarsi lontano dai poli. L’orbiter Odyssey (che è entrato nell’orbita di Marte nel 2001) ha osservato la formazione di brina e trasformarsi in gas alla luce del sole, mentre il lander Viking ha individuato la brina ghiacciata su Marte quando è arrivato negli anni ’70.

Alla fine dell’inverno, il ghiaccio accumulato durante la stagione può sciogliersi e trasformarsi in gas, creando forme uniche che ricordano agli scienziati della NASA formaggi svizzeri, macchie dalmate, uova fritte, ragni e altre formazioni insolite.

in occasione Inverno al cratere JezeroI massimi recenti sono stati intorno a 8F, mentre i minimi sono stati intorno a meno 120F.

Nel frattempo, a Gale Crater nell’emisfero australe Vicino all’equatore marziano, il rover Curiosity, che è atterrato su Marte nel 2012, ha visto massime di 5 gradi Fahrenheit e minime di meno 105 gradi Fahrenheit.

Le stagioni su Marte tendono a durare più a lungo perché l’orbita ellittica del pianeta attorno al sole significa che un anno marziano equivale a 687 giorni, o circa due anni terrestri.

Gli scienziati della NASA hanno celebrato il capodanno su Marte il 26 dicembre, che ha coinciso con l’arrivo dell’equinozio di primavera nell’emisfero settentrionale.

“Gli scienziati calcolano gli anni marziani a partire dall’equinozio di primavera settentrionale del pianeta che si è verificato nel 1955 – un punto di partenza arbitrario, ma aiuta ad avere ordine”, secondo un post su Pagina Facebook della NASA su Marte. “Numerare gli anni marziani aiuta gli scienziati a tenere traccia delle osservazioni a lungo termine, come i dati meteorologici raccolti nel corso di decenni dalla navicella spaziale della NASA”.

Immagini

storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Gli scienziati credono di aver risolto uno dei problemi più antichi dell'universo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply