Le Filippine iniziano una nuova era di governo di Marcos, decenni dopo il suo rovesciamento

  • “Lo farò”, dice Marcus.
  • Marcos elogia il controverso governo del padre
  • Promesse di riforme economiche per sanare la frattura

MANILA (Reuters) – Il figlio del defunto dittatore Ferdinand Marcos ha prestato giuramento giovedì, completando una straordinaria rimonta per una delle dinastie politiche più famose dell’Asia, 36 anni dopo che era stata rovesciata dal governo popolare. rivolta.

Marcus Jr. ha ottenuto una rara vittoria schiacciante nelle elezioni del mese scorso, aiutato da quello che i suoi critici vedono come uno sforzo decennale per cambiare la percezione pubblica di una famiglia che viveva sontuosamente a capo di uno dei peggiori regimi corrotti del mondo. Leggi di più

In un discorso che riprendeva gli slogan della sua campagna, Marcus Jr., meglio conosciuto come “Bong Pong”, ha promesso di prendere il paese alla sprovvista con politiche vantaggiose per tutti e ha ringraziato il pubblico per aver consegnato quello che ha definito “il più grande mandato elettorale del paese. ” Una storia della democrazia filippina”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Non rimarrai deluso, non temere”, ha detto al suo insediamento, circondato dalla sua famiglia immediata e con sua sorella Amy, senatrice, e sua madre di 92 anni, Imelda, un’ex deputata. Seduto vicino.

Anche Marcus Jr., 64 anni, ha elogiato il governo del suo defunto padre, ma ha detto che la sua presidenza non riguardava il passato ma un futuro migliore.

Ha detto: “Una volta ho conosciuto un uomo che ha visto ciò che poco era stato ottenuto dall’indipendenza … ma lo ha fatto a volte con il supporto necessario, a volte senza di esso”.

READ  I leader del G7 prendono in giro Vladimir Putin per la foto di un cavallo senza maglietta

“Così sarà con suo figlio. Non avrai scuse da me.” “Non guardiamo indietro con rabbia o nostalgia”, ha aggiunto.

Padre Ferdinand Marcos ha governato le Filippine dal 1965 per due decenni, di cui circa la metà sotto la legge marziale, aiutandolo a estendere la sua presa sul potere fino alla sua cacciata e al ritiro della sua famiglia in esilio durante la rivoluzione del “Potere popolare” del 1986.

Migliaia di oppositori di Marcos furono imprigionati, uccisi o scomparsi durante il suo regno e il nome della famiglia divenne sinonimo di nepotismo, stravaganza e scomparsa di miliardi di dollari dalle casse statali. La famiglia Marcos ha respinto le accuse di appropriazione indebita.

Ci si aspettava che centinaia di attivisti protestassero per l’inaugurazione di Marcos Jr, arrabbiati per una campagna sostenuta da una potente rete di sostenitori e influencer dei social media decisi a sfatare i resoconti storici dell’era di Marcos.

L’ex senatore e membro del Congresso ha cantato “Insieme, risorgeremo”, invocando nostalgia per il governo di suo padre, che la sua famiglia e i suoi sostenitori hanno descritto come un’età d’oro per le Filippine, l’ex colonia americana.

Gli elettori contano su di lui per mantenere i suoi impegni di creare posti di lavoro e abbassare i prezzi al consumo in un paese di 110 milioni di persone, quasi un quarto delle quali vive con meno di 2 dollari al giorno.

In un entusiasmante discorso di 30 minuti, Marcos Jr. ha promesso riforme nell’istruzione, per migliorare la sufficienza alimentare, le infrastrutture, la gestione dei rifiuti e l’approvvigionamento energetico e per supportare pienamente milioni di lavoratori filippini all’estero.

“Comprendo appieno la gravità della responsabilità che è stata riposta sulla mia spalla – ha detto – Non la sottovaluto, ma sono pronto per il compito”.

READ  I casi di COVID nel Regno Unito aumentano dopo il Giubileo; BA.4 e BA.5 divennero dominanti

“Lo farò”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Martin Petty e Michael Berry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply