Le azioni stanno salendo e l’S&P 500 continuerà a perdere terreno per 7 settimane consecutive

Venerdì le azioni statunitensi sono aumentate e gli indici chiave hanno chiuso una serie di sconfitte di una settimana dopo che una serie di decisioni aziendali incoraggianti ha temporaneamente compensato i timori di una forte recessione economica.

L’S&P 500 ha realizzato un profitto. L’indice blue-chip è salito del 4% settimanalmente alla chiusura di giovedì, che, se mantenuto, sarà il massimo da metà marzo. L’S&P 500 è in calo da sette settimane consecutive nella sua serie di sconfitte più lunga dal 2000. Il Dow Jones Industrial Average e il Nasdaq sono aumentati entrambi venerdì.

Gli investitori hanno digerito nuovi dati economici venerdì mattina, comprese le ultime stampe Costi maggiori per consumi personali (PCE) – La misura dell’inflazione core preferita dalla Federal Reserve. Questi mostrano che le pressioni inflazionistiche ad aprile si sono attenuate solo moderatamente rispetto a marzo. Indice dei prezzi al consumo ancora elevato E l’indice dei prezzi del produttore è stato rilasciato all’inizio di questo mese. Il PCE principale è aumentato del 6,3% ad aprile dello scorso anno rispetto a un aumento del 6,6% a marzo e il PCE principale è aumentato del 4,9% rispetto al 5,2% del mese precedente. Ma dati separati hanno mostrato che ad aprile la spesa personale è stata adeguata all’inflazione, rispetto a marzo.

Nelle ultime sessioni, gli investitori hanno valutato a favore dei risultati trimestrali più recenti e della guida di rivenditori come Macy’s (M), Nordstrom (JWN), Dollaro generale (DG) E l’albero del dollaro (DLTR) Queste società spesso sopravvalutano i valori di Wall Street, contribuendo ad affrontare le preoccupazioni sulle recenti pressioni sui profitti riportate da Walmart (WMT), Obbiettivo (Cifra) E Coles (KSS) Echeggiava allo stesso modo in tutte le aziende che si rivolgono ai consumatori. E le compagnie aeree al di fuori della vendita al dettaglio, inclusa JetBlue (JBLU) E sud-ovest (LUV) Ha aumentato la guida alle vendite per il trimestre in corso, suggerendo che la domanda di viaggi preferiti è forte.

“Nel complesso i consumatori statunitensi sono in una posizione migliore. Hanno escogitato questi aumenti dei prezzi, questa inflazione, il loro bilancio. Ovviamente l’occupazione è alta, quindi nel complesso i consumatori statunitensi sono in una posizione molto forte”, ha affermato Brent Schutte, Chief Investment Officer , Northwest Mutual Wealth Management, Yahoo Finance Live.

READ  Il giudice ha sventato il tentativo di Elon Musk di porre fine all'ordine di approvazione della SEC

“Il grande timore è che l’inflazione continui a crescere e la banca centrale dovrà spingere l’economia statunitense in recessione”, ha aggiunto. “Penso che inizieremo gradualmente a raggiungere la realtà che la spesa per le merci … è stata spostata in avanti. Le scorte sono state ristrutturate e il costo delle merci ha causato l’inflazione che vedi. Si ripercuoterà sulle persone. Vai alla spesa del settore dei servizi”.

“Quindi potrebbe sembrare una recessione in alcune parti dell’economia, ma altre parti dell’economia stanno andando bene”, ha detto Shoot. “L’inflazione sta scendendo, la banca centrale sta andando un po’ più facile”.

Tuttavia, altri strateghi sono scettici sulla sostenibilità dei guadagni visti sul mercato finora questa settimana, soprattutto perché l’inflazione ha mostrato alcuni segnali significativi di arrivare in modo significativo fino ad oggi.

“Secondo noi non è altro che un bear hop. Guardando i luppoli che avevamo, erano molto bassi, non molto ottimisti”, ha affermato Eddie Kapoor, co-fondatore e socio amministratore. Yahoo Finance Live ha detto. “I dati che stiamo ottenendo ora stanno facendo questa vendita, ricorda, i dati del primo trimestre. I dati in arrivo nel secondo trimestre saranno peggiori del primo trimestre. E non avremo queste notizie fino a luglio … quindi penso che Creerò un mercato molto insidioso nei prossimi mesi.

10:06 ET: il sentimento dei consumatori si indebolisce alla fine di maggio, il livello più basso dal 2011

Il sentimento dei consumatori è ulteriormente diminuito a fine maggio, principalmente a causa dei timori sull’inflazione e sulle condizioni economiche.

Il Final Monthly Sense Index dell’Università del Michigan è sceso a 58,4, in calo rispetto al 59,1 precedentemente annunciato il mese scorso. Ciascuno dei sottoindici che tengono traccia delle prospettive dei consumatori sulle condizioni attuali e sulle aspettative future è stato leggermente declassato e le aspettative di inflazione a un anno sono leggermente cambiate del 5,3%.

Il recente crollo del sentiment è stato “guidato da una prospettiva negativa continua sulle attuali condizioni di acquisto di case e beni durevoli e sulle prospettive future dei consumatori per l’economia, principalmente sui problemi di inflazione”, ha affermato John Hsu, direttore del Consumer Survey. Scritto in una dichiarazione. “Allo stesso tempo, i consumatori hanno espresso meno ottimismo sulle prospettive future per i loro fondi personali rispetto alle condizioni di negoziazione dei futures”.

READ  Il capitano del Chelsea Thomas Duchess denuncia la mancanza di "coraggio" dell'arbitro dopo la sconfitta del Real Madrid

“A lungo termine, la maggior parte dei consumatori prevede un miglioramento della propria situazione finanziaria nei prossimi cinque anni; questo titolo rimarrà sostanzialmente invariato nel 2022”, ha aggiunto Hsu. “Una prospettiva stabile per i fondi personali può attualmente supportare la spesa dei consumatori. Tuttavia, le persistenti opinioni negative sull’economia potrebbero dominare i singoli fattori che influiscono sul comportamento dei consumatori in futuro”.

9:32 ET: le azioni aprono al rialzo

Ecco le principali mosse nei mercati fino alle 9:32 ET:

  • S&P 500 (GSPC): +32,86 (+ 0,81%) a 4.090,70

  • Colomba (DJI): +56,27 (+ 0,17%) a 32.693,46

  • Nasdaq (IXIC): +165,04 (+ 1,41%) a 11.905,69

  • GrezzoCL = F): – $ 0,12 (-0,11%) a $ 113,97 al barile

  • Oro (GC = F): + $ 10,30 (+ 0,56%) a $ 1.864,20 per oncia

  • 10 anni di tesoreria (DNX): -3,1 bps 2,7250% di rendimento

8:58 ET: Disavanzo commerciale di materie prime inferiore al previsto ad aprile dopo la lettura di marzo

Divario commerciale nelle merci statunitensi Ad aprile è sceso più del previsto Dopo aver raggiunto quasi $ 126 miliardi a marzo.

Il deficit commerciale del Commodity Exchange per gli Stati Uniti è stato di $ 105,9 ad aprile, ha affermato venerdì il Dipartimento del Commercio. È stato rivisto al rialzo da $ 125,3 miliardi del mese scorso, dopo un gap di $ 125,9 miliardi a marzo.

Axis suggerisce che all’inizio del secondo trimestre, il commercio ha prodotto una trazione leggermente inferiore nell’economia statunitense rispetto al primo trimestre. Nel primo trimestre, Le esportazioni nette hanno tagliato il PIL degli Stati Uniti di 3,23 punti percentuali (PIL) Il PIL è sceso a un tasso annuo dell’1,5% nei primi tre mesi dell’anno.

8:42 e: la spesa personale reale accelera ad aprile, mentre il tasso di risparmio è il più basso dal 2008

I consumatori statunitensi hanno continuato a trascorrere la primavera come uno dei principali contributori all’attività economica statunitense, nonostante l’aumento dell’inflazione il mese scorso. Tuttavia, il tasso di risparmio personale è sceso al livello più basso in un decennio, sollevando alcune preoccupazioni sulla durata della stagnazione dell’economia.

La spesa reale pro capite è aumentata dello 0,7% su base mensile ad aprile, ha affermato venerdì il Bureau of Economic Affairs, accelerando il suo aumento allo 0,2% a marzo. Senza adeguarsi all’inflazione, la spesa personale è aumentata dello 0,9%, aumentando le aspettative economiche di consenso dello 0,8%, secondo i dati di Bloomberg. La misura è aumentata dell’1,1% a marzo.

READ  La vicina Finlandia della Russia ha annunciato la sua intenzione di entrare a far parte della NATO

Il reddito personale, tuttavia, è leggermente diminuito il mese scorso, salendo dello 0,4% dopo un aumento dello 0,5% a marzo. Il tasso di risparmio personale, o reddito pro capite spendibile, è sceso al 4,4% dal 5,0% di marzo, il livello più basso dal 2008. Dopo essere aumentato durante il periodo epidemico, il tasso di stoccaggio è ora molto inferiore alla media. Prima dell’eruzione del 2019, il tasso di risparmio era in media del 7%.

8:38 ET: L’inflazione diminuisce leggermente ad aprile poiché il PCE aumenta del 6,3% su base annua

L’inflazione, misurata dall’indice Personal Consumption Expenditure (PCE) del Bureau of Economic Analysis, è scesa solo moderatamente ad aprile rispetto a marzo, con alcune indicazioni di prezzi in rapido aumento in tutta l’economia statunitense.

Secondo i dati di Bloomberg, la misura generale di PCE è aumentata dello 0,2% ad aprile, in linea con le aspettative economiche di consenso. Ciò si confronta con un aumento mensile dello 0,9% a marzo. Tuttavia, su base annua, il PCE è ancora aumentato del 6,3%, si è riscaldato leggermente più del previsto e si è moderato leggermente dal suo massimo del 6,6% su base annua di marzo.

Il Core PCE, che ha evitato la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è aumentato del 4,9% ad aprile rispetto allo scorso anno. Ciò è in linea con le stime e ha continuato a crescere del 5,2% a marzo. La lettura di febbraio era del 5,3%, la più alta dal 1983.

7:23 ET: I futures su azioni salgono mentre guardi gli indici per registrare guadagni settimanali

Ecco dove si scambiano i mercati del venerdì mattina:

  • Future S&P 500 (ES = F): +11 punti (+ 0,27%) a 4.066,75

  • Dow Futures (YM = F): +26 punti (+ 0,08%) a 32.626,00

  • Future Nasdaq (QN = F): +54,25 punti (+ 0,44%) 12.333,50

  • GrezzoCL = F): – $ 0,46 (-0,40%) a $ 113,63

  • Oro (GC = F): + $ 8,80 (+ 0,47%) a $ 1.862,70 per oncia

  • 10 anni di tesoreria (DNX): -3,3% 2,725% per ottenere pp

New York, New York – 23 maggio: I commercianti lavorano sulla piattaforma della Borsa di New York (NYSE) il 23 maggio 2022 a New York City. Dopo una settimana di pesanti perdite, lunedì mattina i mercati sono stati visti in rialzo. (Photo by Spencer Flat / Getty Images)

Emily McCormick è una corrispondente di Yahoo Finance. Seguila su Twitter.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Segui Yahoo Finanza Twitter, Instagram, Luce web, Facebook, FlipboardE LinkedIn

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply