Le azioni globali rimbalzano nonostante le preoccupazioni per l’economia; guadagni in dollari

  • L’ACWI di MSCI ha registrato la sua serie di sconfitte più lunga dal 1990
  • Il dollaro sale mentre gli investitori diventano avversi al rischio
  • I rendimenti dei Treasury USA scendono mentre aumentano i timori di rallentamento
  • I prezzi del petrolio aumentano poiché i rischi dell’offerta superano le preoccupazioni economiche
  • Grafico: performance patrimoniale globale

NEW YORK (Reuters) – I mercati azionari globali sono rimbalzati dopo che lo Standard & Poor’s 500 ha ridotto le perdite che li hanno spinti brevemente in territorio di mercato ribassista, e il dollaro è salito venerdì, mentre gli investitori preoccupati per una politica restrittiva della Federal Reserve per frenare l’inflazione hanno sollevato i timori di un crisi. Recessione.

Le azioni sono rimbalzate in precedenza in Europa e in Asia dopo che la Cina ha tagliato un benchmark di prestito chiave per rilanciare la sua debole economia, aiutando inizialmente a guidare i guadagni a Wall Street.

La Cina ha ridotto di 15 punti base il tasso di interesse chiave per i prestiti a cinque anni, che influenza i tassi ipotecari, in un calo più netto del previsto mentre le autorità cercano di mitigare l’impatto di un rallentamento economico. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Mentre un rally di fine giornata ha impedito all’S&P 500 di confermare un mercato ribassista, l’oscurità di Wall Street ha fatto scendere il benchmark per la settima settimana consecutiva, un evento che si è verificato solo cinque volte dal 1928, secondo l’S&P Dow Jones Indexes.

Quanto tempo ci vorrà per incassare le azioni dipenderà da quando l’inflazione crollerà, ha affermato Peter Toze, presidente di Chase Investments a Charlottesville, in Virginia.

READ  La prossima settimana a Wall Street mentre i mercati ribassisti incombono, Wall Street malconcia cerca lo "status della Fed" fuori portata

“Ciò che ha davvero affascinato gli investitori questa settimana, me compreso, è quando hai il tipo di società che normalmente si comportano bene in termini di resilienza economica, e lo fanno terribilmente”, ha detto Toze, riferendosi ai deboli risultati degli utili di Walmart. (WMT.N) e azienda target (TGT.N).

S&P 500. Indice (.SPX) Ha chiuso in rialzo dello 0,01% dopo essere sceso del 2,27% a un certo punto o meno dal livello che confermerebbe un mercato ribassista, un calo del 20% dal massimo record di chiusura del 3 gennaio.

Media industriale del Dow Jones (.DJI) Il Nasdaq è in rialzo dello 0,03%. (diciannovesimo)già in territorio ribassista, è in calo dello 0,3%.

Stephen Outh, chief equity investment officer di Federated Hermes, ha affermato che le valutazioni delle azioni devono diminuire e il ritorno sugli investimenti previsto e il tasso di sconto dovrebbero aumentare.

“Il mercato sta iniziando a farsi un’idea che questo potrebbe essere un nuovo mondo in cui il tasso di sconto sugli asset rischiosi non è più zero”, ha affermato Owth.

“Vedi tutte queste diverse aree del mercato bombardate allo stesso tempo ed è stato molto preoccupante per gli investitori”, ha aggiunto.

L’indicatore delle scorte di MSCI in 47 paesi (.MIWD00000PUS) Ha chiuso in rialzo dello 0,37%, ma ha continuato a diminuire per la settima settimana consecutiva, la serie di sconfitte più lunga da quando l’indice è stato lanciato nel 1990.

In precedenza, in Europa, l’indice STOXX 600 era a livello regionale (.stoxx) È aumentato dello 0,73%.

I rendimenti dei Treasury USA sono scesi per la terza sessione consecutiva a causa dei timori sulle prospettive di crescita. Il rendimento del benchmark decennale è sceso di 6,5 punti base al 2,790%.

READ  Set record per nuove dimensioni ipotecarie medie

I futures sui fondi federali sono stati più solidi, indicando che il mercato dei tassi di interesse negli Stati Uniti è leggermente scivolato rispetto ad alcune delle stime di aumento dei tassi più estreme. Il tasso di mercato sui fed funds si attesterà al 2,783% entro la fine del prossimo anno, rispetto all’attuale livello dello 0,83%. Era fino al 2,9% due settimane fa.

I guadagni del dollaro di oggi non sono stati sufficienti per cancellare le forti perdite subite all’inizio di questa settimana che hanno mantenuto il dollaro da un massimo di cinque anni contro la moneta unica, tra i timori che il suo rally di mesi possa essere esagerato.

Il dollaro ha ricevuto una spinta negli ultimi mesi scappando verso la salvezza nel mezzo di una disfatta attraverso i mercati a causa dei timori di un aumento dell’inflazione, dei falchi della Federal Reserve e della guerra in Ucraina.

L’indice del dollaro è salito dello 0,146%, con l’euro che è scivolato dello 0,3% a 1,0554$. Lo yen giapponese è scivolato dello 0,09% a 127,92 per dollaro.

I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona sono aumentati dopo due giorni di forte calo, poiché il sentimento di rischio è migliorato dopo che la Cina ha tagliato i tassi di interesse.

Il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni è aumentato di 0,1 punti base allo 0,9450%, al di sotto del massimo di otto anni della scorsa settimana dell’1,189%.

I mercati stanno scontando 38 punti base di inasprimento da parte della Banca centrale europea entro la riunione di luglio. Ciò indica che il rally di 25 punti base è completamente prezzato e il mercato vede una probabilità del 50/50 di un movimento aggiuntivo di 25 punti base. Leggi di più

READ  Concentrarsi sui futures Dow Jones dopo la brutta inversione di tendenza del mercato; Tesla taglia i guadagni bruschi

I prezzi del petrolio si sono stabilizzati, sulla buona strada per un piccolo cambiamento questa settimana, poiché il previsto divieto dell’Unione Europea sul petrolio russo ha compensato i timori che il rallentamento della crescita economica danneggerà la domanda.

I future sul greggio statunitense hanno chiuso in rialzo di $ 1,02 a $ 113,23 e il greggio Brent è salito di 51 centesimi per attestarsi a $ 112,55 al barile.

L’oro è salito, dirigendosi verso la sua prima settimana di guadagni in cinque settimane a causa delle continue preoccupazioni per la crescita economica e il calo del dollaro durante la settimana.

I futures sull’oro USA sono aumentati dello 0,1% a $ 1.842,10.

Bitcoin è sceso del 3,36% a 2.9272,33$.

Le azioni globali scendono di $ 13 trilioni
Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Herbert Lash a New York Reportage di Samuel Indyk a Londra e Andrew Galbraith a Shanghai Montaggio di Kirsten Donovan e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply