L’attacco missilistico russo uccide almeno 22 persone nel giorno dell’Indipendenza

Gli ucraini hanno festeggiato con aria di sfida tra le tensioni su potenziali scioperi.

Kiev, Ucraina – Il Monumento alla Patria – un gigantesco acciaio inossidabile alto 335 piedi sopra la capitale ucraina Kiev – è stato progettato per sottolineare l’invincibilità sovietica. Mercoledì, la tentacolare bandiera nazionale ucraina blu e oro è stata issata in un simbolo di sfida.

Il segretario generale sovietico Leonid Brezhnev ha inaugurato il monumento nel 1981: un ritratto di una donna con una spada nella mano destra e uno scudo nella sinistra decorato con la falce e il martello sovietici. Dieci anni dopo, l’Unione Sovietica crollò e l’Ucraina divenne libera.

I volontari in occasione del Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina hanno attaccato la bandiera nazionale a un drone e l’hanno alzata in cielo sopra un gigante d’acciaio. Gli ucraini hanno usato la celebrazione – esattamente sei mesi dopo l’invasione della Russia – per esprimere questo Il presidente Vladimir Putin Alla Russia che i suoi sogni di impero non passino attraverso l’Ucraina.

“La statua fa parte della nostra storia e non possiamo negarlo”, ha affermato Yury Shegul, capo dell’agenzia per la sicurezza informatica dell’Ucraina. “Ma 31 anni fa siamo diventati indipendenti. Oggi lottiamo per mantenere la nostra indipendenza”.

La sfida era l’umore del giorno, con Il presidente Volodymyr Zelensky Dare il tono a un discorso non detto davanti a una fila di carri armati russi distrutti e veicoli militari nel centro della città.

Ma il momento misterioso del paese è stato confermato dalla quiete delle strade, dal divieto di manifestazioni di massa. Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che la pace è poi crollata quando un missile ha colpito una stazione ferroviaria nella cittadina di Chaplin vicino alla città di Dnipro, uccidendo almeno 22 persone.

READ  Zelensky promette che l'Ucraina vincerà, Boris Johnson promette un sostegno duraturo

Funzionari ucraini e statunitensi hanno avvertito che Mosca potrebbe celebrare la festa sparando una raffica di missili arrabbiati. Ma a Kiev, quando la mattina è trascorsa con allarmi di incursioni aeree ma senza scioperi, la gente ha iniziato a prendersi un’avventura.

Furono aperti diversi caffè, anche se a volte il servizio veniva interrotto per le sirene. Di sera, la sfilata di carri armati nel centro della città era affollata, molti di loro indossavano abiti tradizionali e drappeggiavano bandiere ucraine sulle spalle.

Dopo la messa in chiesa, Victoria Soshina, 32 anni, che era in visita a Kiev dalla città meridionale di Odessa, ha detto che non avrebbe lasciato che la paura la tenesse dentro.

“Siamo forti, siamo insieme e vinceremo”, ha detto.

Era appena arrivata dal monastero di San Michele dalla cupola dorata, nel mezzo della Chiesa ortodossa ucraina, dove il leader dei seguaci della nazione stava tenendo una cerimonia per onorare i soldati e pregare per la loro vittoria.

Uno dei soldati, Vadim Omelchuk, 58 anni, alto circa 6 piedi e 5 pollici, prestò servizio nell’esercito sovietico dal 1985 al 1991, quando il paese divenne indipendente.

Credeva che non sarebbe mai più stato un soldato e si concentrò sull’addestramento dei pugili a Kiev. Ma il giorno dopo l’invasione russa, si arruolò per combattere. In qualità di membro delle forze di difesa regionali, ha contribuito a liberare i sobborghi di Irbin e Bucha a Kiev, dove le atrocità russe hanno sconvolto il mondo.

“Ho visto cosa hanno fatto: era il livello più basso che un essere umano potesse affondare”, ha detto.

Il leader della Chiesa ortodossa ucraina, il metropolita Epiphanius Domenko, ha dichiarato in un’intervista dopo la cerimonia che il momento più difficile della guerra per lui è stato accettare che ciò stesse realmente accadendo.

READ  Gli argentini desiderano Evita, 70 anni dopo la sua morte

Ma ha aggiunto che ora è fiducioso nella vittoria.

“Ho potuto vedere che le persone erano spiritualmente forti e unite, e questo mi ha dato speranza”, ha detto. Nessuno credeva che saremmo rimasti in piedi tre giorni, o una settimana, o un mese. Eppure siamo in piedi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply