L’adolescente campione di droni ucraino “felice di aver distrutto qualcuno”

Andrey Pokrasa, 15 anni, fa atterrare il suo drone in mano durante un’intervista con l’Associated Press a Kiev, Ucraina, sabato 11 giugno 2022. Andrey è accolto in Ucraina per una ricognizione aerea invisibile che lui e suo padre hanno fatto al lavoro in corso . guerra con la Russia. Hanno usato i loro droni per aiutare i militari a scoprire, localizzare e distruggere obiettivi russi nei primi giorni dell’invasione russa.

Natascia Pisarenko | AP. foto

Mentre carri armati e camion russi si precipitano vicino al loro villaggio, un adolescente ucraino e suo padre lanciano furtivamente in aria il loro minuscolo drone.

Lavorando come una squadra, hanno scattato ampie immagini della colonna corazzata in movimento verso Kiev e ne hanno determinato le coordinate, e presto hanno trasmesso le preziose informazioni all’esercito ucraino.

In pochi minuti, batterie di artiglieria piovvero sulle forze d’invasione con proiettili mortali.

Andrei Pokrasa, 15 anni, e suo padre, Stanislav, furono accolti in Ucraina per il loro lavoro di ricognizione aerea volontario nei primi giorni dell’invasione, quando le forze russe che arrivavano di corsa dal nord fecero un tentativo, alla fine senza successo, di impadronirsi della capitale e portare il paese in ginocchio.

Per un’intera settimana dopo l’invasione del 24 febbraio, la coppia ha effettuato ripetuti sorvoli con il loro drone, rischiando la cattura, o peggio, se le forze russe fossero state a conoscenza della loro intrusione.

“Sono stati alcuni dei momenti più spaventosi della mia vita”, ha raccontato Andre mentre mostrava le sue capacità di leadership a un team di giornalisti dell’Associated Press.

“Abbiamo fornito le foto e il sito web alle forze armate”, ha detto. “Hanno ristretto le coordinate con maggiore precisione e le hanno trasmesse tramite walkie-talkie, al fine di regolare l’artiglieria”.

READ  Il brasiliano Bolsonaro incontra il russo Putin a Mosca nel mezzo della crisi ucraina

Suo padre era felice di lasciare la guida al ragazzo.

“Posso azionare il drone, ma mio figlio lo fa meglio. Abbiamo deciso subito che lo avrebbe fatto”, ha detto Stanislav Pokrasa, 41 anni.

Non sono sicuri di quanti obiettivi russi siano stati distrutti usando le informazioni che hanno fornito. Ma hanno visto la devastazione del convoglio russo quando in seguito hanno rimesso il drone sugli scafi carbonizzati di camion e carri armati vicino a una città a ovest di Kiev e fuori da un’autostrada strategicamente importante che porta alla capitale.

“Più di 20 veicoli militari russi sono stati distrutti, tra cui camion di carburante e carri armati”, ha detto il padre.

Mentre le forze russe e ucraine combattevano ferocemente per il controllo dei sobborghi di Kiev, i soldati ucraini alla fine esortarono la famiglia Pokrassa a lasciare il loro villaggio, che fu poi occupato dalle forze russe.

Con tutti gli uomini adulti fino all’età di 60 anni che avevano l’ordine del governo di rimanere nel paese, Bukrassa il Vecchio non fu in grado di ricongiungersi con sua moglie e suo figlio quando fuggirono nella vicina Polonia.

Sono tornati qualche settimana fa, quando Andrei ha finito il suo anno scolastico.

“Sono stato contento di aver distrutto qualcuno”, ha detto. “Sono stato contento di aver contribuito, perché sono stato in grado di fare qualcosa. Non è solo stare seduto ad aspettare”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply