La vela solare appena lanciata si sta preparando per essere lanciata nell’orbita terrestre bassa

Illustrazione della missione Gamma Alpha in orbita.

Illustrazione della missione Gamma Alpha in orbita.
una precisazione: gamma

Un nuovo veicolo spaziale potrebbe presto volare attraverso l’orbita terrestre mentre viene spinto delicatamente dai fotoni del sole.

La società aerospaziale francese Gamma ha lanciato la sua missione a vela solare Gamma Alpha per testare la tecnologia di propulsione fotovoltaica, che mantiene in orbita il veicolo spaziale senza bisogno di carburante. I cubi Gamma Alpha sono stati caricati a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 e È stato lanciato martedì mattina Dallo Space Launch Complex 40 alla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida.

Gamma Alpha – Missione Vela Solare

Come prima missione di navigazione solare dell’azienda, Gamma Alpha è un primo test della sua tecnologia. I cubi hanno all’incirca le dimensioni di una scatola da scarpe, mentre la sua grande vela solare ha all’incirca le dimensioni di un campo da tennis. Il piano prevede che la vela orbiti attorno alla Terra a un’altitudine di 340 miglia (550 chilometri), dipendente Per una dichiarazione rilasciata da Gama. “La prima fase consisterà nell’accendere il satellite, stabilire le comunicazioni e controllare che tutti i segni vitali siano buoni”, ha dichiarato Jordan Collieux, Ingegnere principale del sistema Gamma. “La seconda fase sarà il dispiegamento della vela”.

Le vele solari raccolgono i fotoni dal sole, provocando piccole esplosioni di quantità di moto che spingono il veicolo spaziale. Quando i fotoni colpiscono le vele, la navicella spaziale viene allontanata dal sole. Se un veicolo spaziale è in grado di bypassare le nuvole dall’atmosfera terrestre, potrebbe potenzialmente raggiungere altitudini molto elevate.

“Nello spazio, la pressione di radiazione consente al Sole di accelerare continuamente. Il risultato? Missioni che costano da 10 a 20 volte in meno e non sono più vincolate da un budget di carburante “, ha dichiarato Andrew Nutter, co-fondatore di Gamma. “Una vela solare è idilliaca, intrinsecamente sostenibile e riduce significativamente i costi di accesso allo spazio profondo o orbite instabili”.

Il satellite entrerà in una rotazione lenta una volta dispiegata la sua vela solare. Lo scopo principale della missione Gamma Alpha è dimostrare che una grande vela può essere dispiegata e controllata da piccoli cubi, nonché raccogliere dati di volo per migliorare le simulazioni della tecnologia delle vele solari, secondo Gamma.

Gama Alpha ha raggiunto l’orbita meno di due mesi dopo LightSail 2, una pionieristica missione a vela solare, bruciato nell’atmosfera terrestre per finire il suo periodo di tre anni e mezzo. LightSail 2 è stato lanciato nel 2019 per testare le vele solari controllate nell’orbita terrestre, ispirando una nuova generazione di veicoli spaziali volanti a seguire.

Diverse altre missioni di vele solari sono attualmente in lavorazione, tra cui Advanced Composite Solar Sail System della NASA per testare il materiale del boom dell’aliante in orbita terrestre (previsto per il lancio quest’anno) e Incrociatore solare della NASA (L’uscita è prevista per il 2025). La missione della vela solare NEA Scout della NASA è stata lanciata a bordo di Artemis 1 nel novembre 2022, ma il team dietro la missione era Impossibile comunicare con lui da allora.

Gama Alpha sarà seguita anche da una missione successiva chiamata Gama Beta. Per la missione di follow-up, l’obiettivo principale sarà dimostrare la navigazione continua da un’altezza doppia rispetto a quella del suo predecessore. Se le missioni di navigazione solare avranno successo, Gama spera di diventare un leader del settore con questa esclusiva tecnologia a basso costo.

“Stiamo costruendo l’infrastruttura di trasporto spaziale di domani”, ha dichiarato Louis de Guyon-Matignon, co-fondatore di Gamma, nella dichiarazione. “Mentre oggi le aziende si concentrano sull’orbita terrestre bassa, abbiamo deciso di guardare oltre e prepararci per le operazioni spaziali del futuro”.

Di più: LightSail 2, azionato dalla luce solare, solleva l’orbita di 10.500 piedi in sole due settimane

READ  Gli astronomi del MIT hanno scoperto il misterioso sistema binario "Black Widow".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply