La Stranieri sarà la sede di un Centro interuniversitario internazionale di studi

La proposta arriva da 10 cattedre Unesco italiane e sarà presentata mercoledì 10 gennaio a palazzo Gallenga

0
1085
Università per Stranieri

L’università per Stranieri di Perugia sarà la sede di un Centro interuniversitario internazionale di studi, a carattere umanistico, relativi alla conservazione e gestione del patrimonio culturale tangibile.
La proposta arriva da 10 cattedre Unesco italiane che fanno parte del gruppo TEST “Assetto del Territorio, Sostenibilità Urbana, Turismo”, formato dalla Commissione nazionale Italiana per l’Unesco e ha, tra gli obiettivi, quello di istituire in Italia, con un diretto riferimento alla regione mediterranea, un polo di ricerca e formazione, fondato su principi umanistici, relativo al patrimonio culturale tangibile. Obiettivi e programmi di questo ambizioso progetto saranno, tra l’altro, al centro del meeting delle cattedre Unesco italiane “Assetto del Territorio, Sostenibilità urbana, Turismo”, in programma mercoledì 10 gennaio, con inizio alle ore 10, a palazzo Gallenga, nella Sala Riunioni del Rettorato.

All’importante incontro, promosso in collaborazione con la cattedra Unesco in “Water resources management and culture“, prenderanno parte, oltre a tutti i componenti del gruppo nazionale Unesco (TEST), il rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, prof. Giovanni Paciullo, il prof. Paolo Ceccarelli, docente di “Pianificazione urbana e regionale per lo sviluppo sostenibile locale all’Università di Ferrara che introdurrà la “Proposta per la istituzione di un Centro internazionale interuniversitario di studi, a carattere umanistico, relativi alla conservazione e gestione del patrimonio culturale tangibile”.

Programma

ore 10:00 – Apertura lavori
Prof. Giovanni PaciulloRettore Università per Stranieri di Perugia

ore 10:30 – Relazione introduttiva
Prof. Paolo Ceccarelli

“Proposta per la istituzione di un centro internazionale interuniversitario di studi, a carattere umanistico, relativi alla conservazione e gestione del patrimonio culturale tangibile

ore 11:00 – dibattito

ore 13- 14 Pausa

ore 14 – 15 visita campus della Università per Stranieri di Perugia

15 – 16 sintesi e conclusioni

PARTECIPANO LE CATTEDRE UNESCO ITALIANE:

1. Università della Basilicata
cattedra “Mediterranean cultural landscape and communities of knowledge”

2. Università di Bologna, Campus di Rimini
cattedra Rete Unitwin UNESCO Parigi “Culture, tourisme, développement”

3. Università di Ferrara
cattedra “Urban and Regional Planning for Local Sustainable Development”

4. Università di Firenze
cattedra “Prevention and Sustainable Management of  Geo-hydrological hazards “

5. Università per Stranieri di Perugia,
cattedra Unesco “Water resources management and culture “

6. Università La Sapienza di Roma
cattedra “Sustainable Urban Quality and Urban Culture, notably in Africa”

7. Politecnico di Milano, Mantova
cattedra “Architectural Preservation and Planning in Heritage Cities”

8. Università di Torino
cattedra “Sustainable Development and Territory Management”

9. Politecnico di Torino
cattedra “New paradigms and instruments for the management of Bio-Cultural Landscape”

10. Università IUAV di Venezia,
cattedra “Heritage and Urban Regeneration”