La settimana dell’aumento dei prezzi ha le azioni sulla buona strada per il calo più grande dal 2020

  • Tutti tranne la Banca del Giappone stanno facendo un’escursione
  • Le azioni scendono con l’aumento dei rischi economici
  • Lo yen scende mentre la Banca del Giappone lascia la politica invariata

SINGAPORE (Reuters) – Le azioni globali si stanno avviando verso la settimana peggiore dal crollo del mercato pandemico nel marzo 2020, poiché i rialzi dei tassi di interesse negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e una sorpresa in Svizzera hanno preoccupato gli investitori per la crescita economica futura.

La Bank of Japan è stata l’unica banca centrale nella settimana in cui i prezzi monetari sono aumentati in tutto il mondo e venerdì ha mantenuto la sua strategia di mantenere i rendimenti a 10 anni vicino allo zero. Leggi di più

Lo yen è sceso di oltre l’1% a 133,88 per dollaro in un commercio instabile. I futures statunitensi hanno cercato di riprendersi e le azioni cinesi sono aumentate, ma ciò è stato contrapposto a una settimana di perdite e alla preoccupazione che l’aumento dei tassi di interesse avrebbe soffocato la crescita per anni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PUS.) È sceso al minimo di cinque settimane, influenzato dal sell-off in Australia, dove l’ASX 200 (.AXJO) È sceso dell’1,8%. Indice Nikkei del Giappone (.N225) È sceso dell’1,7% e si è diretto verso un calo settimanale di circa il 7%.

I futures S&P 500 sono aumentati dello 0,8% e i futures Nasdaq 100 sono aumentati dell’1%, ma durante la settimana sono rimasti ben sott’acqua.

I futures EuroSTOXX 50 sono in rialzo dell’1% e i futures FTSE dello 0,5%.

READ  Azioni e petrolio inciampano mentre le preoccupazioni per la recessione hanno compensato l'allentamento dei voti in Francia

“Stiamo entrando in una difficile fase di trasformazione sistemica, in cui i rischi per la crescita economica si aggiungono al già caldo contesto inflazionistico”, ha affermato Vincent Mortier, chief investment officer di Amundi, il più grande gestore di fondi d’Europa.

“L’attuale repricing sta assorbendo la maggior parte della sopravvalutazione fuori mercato, ma i livelli attuali sono vulnerabili a qualsiasi deterioramento dei fondamentali dell’azienda”.

azioni globali (.MIWD00000PUS) Finora è in calo del 5,7% per la settimana, sulla buona strada per registrare il suo più grande calo percentuale settimanale in più di due anni.

Senso unico

Obbligazioni e valute erano nervose dopo una settimana volatile. Nelle ultime sessioni, il dollaro si è ritirato da un massimo di 20 anni, ma non è sceso molto e sembra che finirà la settimana piatta.

Il salto del franco svizzero ha fatto un ulteriore pareggio questa settimana poiché viene utilizzato come valuta di finanziamento e viene spesso scambiato con dollari prima di scambiarli con rendimenti più elevati, il che significa vendere i dollari quando il commercio si inverte.

Il dollaro è stato forte venerdì e, a parte il rally dello yen, è salito di circa lo 0,3% a $ 1,0518 sull’euro e di circa lo 0,5% a $ 0,7012 sul dollaro australiano.

“Il percorso di minor resistenza è scorte inferiori e un dollaro più forte”, ha affermato Brent Donnelly di Spectra Markets. “La Fed non sa dove sta andando l’inflazione, e nemmeno noi”.

Oltre alla Federal Reserve e alla Banca centrale svizzera, questa settimana la Banca d’Inghilterra ha annunciato un aumento del tasso di 25 punti base. È stato meno del previsto, ma ha fatto aumentare la vendita di obbligazioni auree e la sterlina britannica scommettendo sul fatto che gli aumenti futuri arriveranno a ritmo serrato. Leggi di più

READ  Finora lo shock del prezzo della benzina ha distrutto la domanda? Dove andranno i prezzi della benzina da qui?

“Se la banca centrale non si muove in modo aggressivo, i rendimenti e il rischio di prezzo ostacolano maggiormente gli aumenti dei tassi lungo la strada”, ha affermato John Briggs, stratega di NatWest Markets.

“I mercati possono adeguarsi continuamente alle aspettative di tassi più elevati della politica globale… poiché l’impulso politico della banca centrale globale è a senso unico”.

La sterlina è cresciuta dell’1,4% giovedì e ha mantenuto i suoi guadagni fino a venerdì mentre si dirige verso una settimana piatta. Il Tesoro biennale è salito di 18 punti base giovedì al 2,143%.

Giovedì i dati sull’occupazione e sulle abitazioni negli Stati Uniti sono stati deboli, a seguito dei dati delle vendite al dettaglio deludenti, con l’ansia che ha colpito il dollaro e ha aiutato i Treasury. Leggi di più

I rendimenti dei titoli di stato del Tesoro a 10 anni di riferimento sono scesi di quasi 10 punti base durante la notte, ma hanno oscillato fino al 3,2133% durante la mattinata asiatica. I rendimenti aumentano quando i prezzi scendono.

I timori per la crescita hanno portato a un breve calo del petrolio prima che i prezzi si stabilizzassero. I future sul greggio Brent erano a $ 119,70 al barile all’ultimo prezzo. L’oro si è attestato a 1.844$ l’oncia e il Bitcoin è rimasto sotto pressione a 20.700$.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Tom Westbrook. Montaggio del Lincoln Fest.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply