La Saudi Electricity Company propone più requisiti di informativa per i fondi ESG

WASHINGTON – Le autorità di regolamentazione hanno proposto nuovi requisiti per i fondi di investimento che capitalizzano le preoccupazioni dell’opinione pubblica sui cambiamenti climatici o sulla giustizia sociale, nel tentativo di affrontare le preoccupazioni sul “greenwashing” da parte dei gestori patrimoniali che cercano commissioni più elevate.

La Securities and Exchange Commission ha votato mercoledì per rilasciare due proposte volte a fornire agli investitori maggiori informazioni su fondi comuni di investimento, fondi negoziati in borsa e strumenti simili che tengano conto di un cosiddetto ESG, il che significa Governance ambientale, sociale e aziendale-Fattori. Una delle regole proposte amplierebbe le regole della SEC che regolano i nomi dei fondi, mentre l’altra aumenterebbe i requisiti di informativa per i fondi incentrati sulla governance ambientale, sociale e aziendale.

Hester Pierce, l’unico repubblicano nel panel di quattro persone, ha votato contro entrambe le proposte, dicendo che imporrebbero oneri indebiti agli asset manager e li spingerebbero verso decisioni di allocazione del capitale che solo alcuni investitori preferiscono.

Il boom di quello che chiamano i tifosi Investimento verde o sostenibile Negli ultimi anni ha rappresentato una sfida crescente per le autorità di regolamentazione. Le attività in fondi che affermano di concentrarsi sulla sostenibilità o su fattori ambientali, sociali e di corporate governance hanno raggiunto $ 2,78 trilioni nel primo trimestre, rispetto a meno di $ 1 trilione di due anni fa, secondo il

stella del mattino.

Sebbene le commissioni addebitate da questi fondi siano generalmente molto più elevate di quanto pagano gli investitori per i fondi indicizzati a basso costo, Ci sono pochi standard coerenti Cosa costituisce un’azione, un’obbligazione o una strategia ESG.

“Quello che stiamo cercando di affrontare è la verità nell’annuncio”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente della Securities and Exchange Commission Gary Gensler in una conferenza stampa virtuale dopo il voto del comitato.

READ  Bitcoin potrebbe ancora avere un weekend "selvaggio" poiché il prezzo di BTC evita un'importante area di $ 22.000

Alcuni gestori di fondi ESG acquistano solo azioni di società che ritengono abbiano già una ridotta impronta di carbonio, mentre altri possono investire in società che si sono pubblicamente impegnate a migliorare le prestazioni. Un’altra strategia include Costruire una partecipazione in un inquinatore cronico Sperando di vincere seggi nel consiglio di amministrazione o di forzare i voti per delega per fare pressione sulla società affinché cambi tattica.

L’ambiguità ha portato a una diffusa preoccupazione tra gli investitori e le autorità di regolamentazione sul fatto che banche e gestori patrimoniali che vendono denaro stiano “riciclando l’ambiente” o esagerando la loro sostenibilità ambientale o sociale per aumentare i loro rendimenti.

all’inizio di questa settimana, Multa alla Securities and Exchange Commission braccio di gestione degli investimenti

Banca di New York Mellon corp.

$ 1,5 milioni per affermazioni ingannevoli sui criteri utilizzati per selezionare le azioni ESG. BNY Mellon non ha né ammesso né negato alcun illecito.

Anche le autorità stanno controllando

Banca tedesca di AG

Il braccio di asset management dopo che il Wall Street Journal ha riportato l’anno scorso che il gruppo DWS aveva sovrastimato sforzi di investimento sostenibili. All’epoca, un portavoce di DWS ha affermato che la società non commenta questioni relative a contenziosi o questioni normative. Un portavoce della Deutsche Bank ha rifiutato di commentare.

La prima proposta all’ordine del giorno della Securities and Exchange Commission di mercoledì riformerebbe i requisiti sui nomi dei fondi.

In base a una regola approvata due decenni fa, se il nome di un fondo implica un focus su determinati settori, aree geografiche o tipi di investimento, deve investire almeno l’80% delle sue partecipazioni in tali attività.

Gli Stati Uniti sono diventati rapidamente il leader mondiale nel mining di bitcoin dopo che la Cina ha represso le valute digitali lo scorso anno. Shelby Holiday di WSJ esamina cosa significa per la trasformazione globale della rete Bitcoin, dell’industria energetica e dell’ambiente. Foto: Marc Felix/AFP/Getty Images

La proposta di mercoledì amplierebbe la cosiddetta base dei nomi per coprire fondi che indicano un focus su fattori di governance ambientale, sociale e istituzionale, o su strategie come “crescita” o “valore”. Un fondo che considera i fattori ESG in tandem con – ma non più di – altri input non potrà utilizzare nel suo nome termini ESG o correlati.

“Il nome del fondo è spesso una delle informazioni più importanti che gli investitori utilizzano nella scelta di un fondo”, ha affermato Gensler.

La seconda proposta in esame richiede che i fondi siano presi in considerazione ESG nelle loro operazioni di investimento Per rivelare maggiori informazioni. I cosiddetti fondi a impatto che perseguono un obiettivo correlato ai criteri ESG devono indicare come misurare i progressi verso tale obiettivo. I fondi per i quali investire in ESG è una considerazione significativa o essenziale dovrebbero compilare una tabella consolidata e ulteriori informazioni sulle emissioni di gas serra che le società o gli emittenti producono nei loro portafogli.

Gensler paragona spesso queste informazioni ai dati nutrizionali stampati sul retro di una lattina di latte scremato.

“Quando si tratta di investire in ESG, tuttavia, attualmente esiste un’ampia gamma di ciò che i gestori patrimoniali possono rivelare o intendere con le loro affermazioni”, ha affermato mercoledì, aggiungendo che può essere difficile per gli investitori capire o confrontare i fondi. “Le persone prendono decisioni di investimento sulla base di queste informazioni, quindi è importante che siano presentate in un modo che sia significativo per gli investitori”.

I Commissari hanno votato 3-1 per aprire le due proposte al commento pubblico.

La sig.ra Pierce, il commissario repubblicano, ha affermato che gli aggiornamenti alla regola del nome rischiano di cambiare il modo in cui alcuni fondi vengono gestiti poiché le società cercano di evitare di essere rilevate dai criteri proposti, che ha descritto come soggettivi. La sig.ra Pierce ha affermato che i nuovi requisiti di informativa intensificheranno la pressione sui fondi per votare su azioni o costruire i loro portafogli in conformità con Desideri di investitori attivi.

“Se la domanda di rilevamento dei gas serra diventa la norma, lasciamo che gli standard e le aspettative si evolvano organicamente”, ha affermato la signora Pierce. “Consenti agli investitori di plasmare le pratiche del settore attraverso le loro decisioni di investimento, non attraverso mandati normativi su ciò che gli investitori dovrebbero pensare”.

L’American Securities Association, un gruppo di pressione che rappresenta gli intermediari regionali ei servizi finanziari, ha applaudito le proposte della SEC, affermando che era opportuno esaminare attentamente la pubblicità, la performance e le commissioni dei fondi ESG.

“ASA sostiene gli sforzi della Securities and Exchange Commission per fermare le truffe di marketing fuorvianti e ingannevoli che circondano i fondi ESG”, ha affermato il CEO del gruppo, Chris Iacovella, in una dichiarazione inviata via email.

L’Investment Company Institute, che esercita pressioni per conto dell’industria monetaria, non ha risposto a una richiesta di commento.

scrivere a Paul Kiernan a paul.kiernan@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply