La Russia lancia un razzo Soyuz per riportare gli astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo la fuga di notizie

MOSCA (Reuters) – La Russia ha dichiarato mercoledì che lancerà un altro razzo Soyuz il 20 febbraio per riportare due cosmonauti e un astronauta americano dalla Stazione spaziale internazionale dopo che la loro capsula originale ha perso refrigerante il mese scorso.

La perdita ha avuto origine da un piccolo foro nel refrigerante esterno della capsula Soyuz MS-22 attualmente attraccata sulla Stazione Spaziale Internazionale e i tre membri dell’equipaggio avrebbero dovuto tornare sulla Terra a marzo.

“Il volo di Sergei Prokopyev, Dmitry Petlin e Francisco Rubio verso la Stazione Spaziale Internazionale è stato esteso. Torneranno sulla Terra a bordo della Soyuz MS-23”, ha detto Roskosmos.

“La Soyuz MS-23 sarà lanciata il 20 febbraio 2023 in modalità senza pilota”, ha affermato Roscosmos.

Il lancio dell’MS-23 è previsto per metà marzo. Ha aggiunto che la Soyuz MS-22 scenderà sulla Terra senza equipaggio.

Roscosmos ha affermato che il danno alla tubazione del radiatore è stato causato da un meteorite.

“Il diametro del foro è inferiore a un millimetro”, ha aggiunto.

L’incidente ha interrotto le attività della Stazione Spaziale Internazionale della Russia, costringendo gli astronauti a sospendere le passeggiate nello spazio mentre i funzionari si concentravano sulla capsula che perdeva, che funge da scialuppa di salvataggio per l’equipaggio.

La perdita è anche un problema per la NASA. L’agenzia statunitense ha dichiarato il mese scorso che stava esplorando se la navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX potesse offrire un volo alternativo per alcuni membri dell’equipaggio della ISS, nel caso in cui la Russia non potesse lanciare un’altra Soyuz.

(Segnalazione di Reuters. Scrittura di Mark Trevelyan; Montaggio di Guy Faulconbridge e Gareth Jones)

READ  Il rover Mars fa una scoperta inaspettata e banale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply