La Russia dice che sta ritirando alcune truppe dalle aree vicino all’Ucraina, ma continuano le grandi esercitazioni

Il ministero della Difesa russo ha affermato che le forze provengono dai distretti militari meridionali e occidentali e parti di essi adiacenti Ucraina – Cominciarono a tornare alle loro posizioni originarie, anche se l’annuncio non menzionava specificamente dove si trovavano permanentemente quelle forze, o dove stavano esercitando i loro esercizi, o quante si sarebbero ritirate.

La Russia ha ammassato più di 130.000 soldati vicino al confine ucraino nelle ultime settimane, secondo le stime degli Stati Uniti, sollevando preoccupazioni tra i funzionari dell’intelligence occidentale e ucraina che un’invasione potrebbe essere imminente.

“Dopo che le unità dei distretti militari meridionali e occidentali hanno adempiuto ai loro compiti, hanno già iniziato a caricare sulle ferrovie e sulle strade e oggi inizieranno a trasferirsi nelle loro guarnigioni militari. Le singole unità avanzeranno da sole come parte della colonna militare ”, disse il Mag. Lo ha detto il generale Igor Konashenkov in una dichiarazione pubblicata su Facebook.

Ma Konashenkov ha aggiunto che gli esercizi su larga scala sono continuati.

“Nelle forze armate della Federazione Russa, esiste un complesso di misure di addestramento operativo su larga scala per le truppe, a cui partecipano quasi tutti i distretti militari, le flotte e le forze aviotrasportate”, ha affermato. Nell’ambito della sperimentazione delle forze di reazione dello Stato dell’Unione, sul territorio della Repubblica di Bielorussia è in corso un’esercitazione congiunta russo-bielorussa intitolata “Risoluzione alleata 2022”.

Ω Inoltre, Konashenkov ha affermato che una serie di esercitazioni navali – che coinvolgono navi di superficie, sottomarini e aviazione navale – si stanno svolgendo in “aree operativamente importanti degli oceani del mondo” e nelle acque adiacenti al territorio russo.

“Proseguono gli esercizi con le formazioni e le unità militari in altri campi di addestramento sul territorio della Federazione Russa”, ha affermato. “Un certo numero di misure di addestramento al combattimento, comprese le esercitazioni, sono state eseguite secondo i piani”, ha aggiunto.

READ  Ad Hong Kong i ricordi del massacro di piazza Tienanmen in Cina sono stati cancellati

L’annuncio di Mosca, accolto con scetticismo dai funzionari ucraini, è arrivato il giorno dopo che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov aveva affermato che c’era ancora spazio per una soluzione diplomatica alla crisi.

In questa immagine tratta da un video fornito martedì dal ministero della Difesa russo, i veicoli corazzati russi vengono caricati sulle piattaforme ferroviarie dopo la fine delle esercitazioni militari.
In un incontro attentamente progettato, trasmesso lunedì dalla televisione russa, Il presidente Vladimir Putin Lavrov ha chiesto: c’è “la possibilità di raggiungere un accordo con i nostri partner sulle principali questioni che ci riguardano, o è solo un tentativo di trascinarci in un processo di negoziazione senza fine che non ha una soluzione logica?”

“Se siamo disposti ad ascoltare alcune controproposte, mi sembra che le nostre possibilità siano tutt’altro che esaurite”, ha risposto Lavrov, seduto all’estremità opposta di un lunghissimo tavolo.

Martedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha espresso dubbi sull’annuncio delle forze russe in una conferenza stampa a Kiev.

“Dichiarazioni diverse vengono costantemente fatte dalla Federazione Russa, quindi abbiamo già una regola:” Non ascoltare e poi credere. Ma guarda e poi credi: “Quando vedremo il ritiro, crederemo nella riduzione dell’escalation”.

Nel frattempo, la raffica di diplomazia di alto livello è continuata martedì quando il cancelliere tedesco Olaf Scholz è diventato l’ultimo leader a recarsi a Mosca per colloqui.

La Russia ha circondato l'Ucraina da tre lati.  Ecco dove può essere lanciata un'invasione

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha riconosciuto il ritorno di alcune truppe russe alle loro basi, osservando durante una conferenza stampa martedì che si trattava di un “processo normale” dopo il completamento delle esercitazioni militari.

Ma mentre il Cremlino parlava di portare le truppe a casa, le immagini satellitari rilasciate da Maxar Technologies hanno rivelato nuovi segni di un’impennata delle forze russe.

READ  Grandi chicchi di grandine uccidono almeno una persona e ne feriscono dozzine in Spagna

Un’analisi delle immagini ha mostrato che negli ultimi giorni almeno 60 elicotteri sono atterrati in una base aerea precedentemente vuota nella Crimea occupata dalla Russia.

Gli elicotteri sono un misto di velivoli da trasporto e d’attacco. Le immagini satellitari d’archivio esaminate dalla CNN indicano che la base sul lago Donozlav, sulla costa nord-occidentale della Crimea, un’area annessa alla Russia dall’Ucraina nel 2014, è vuota almeno dal 2003.

Ulyana Pavlova e Nathan Hodge della CNN hanno riferito da Mosca, mentre Ivana Kutsova, Tim Lister e Olga Voitovich della CNN hanno riferito da Kiev.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply