La Russia dice che l’assedio di Azovstal è finito, il video mostra i difensori che si arrendono

(Reuters) – Il ministero della Difesa russo ha dichiarato venerdì che l’ultimo gruppo di truppe ucraine rintanato nelle acciaierie Azovstal a Mariupol si era arreso, segnando la fine di un’offensiva durata settimane che ha devastato la città.

Il completo abbandono di bunker e tunnel presso l’impianto bombardato dal reggimento Azov significa la fine del più devastante assedio della guerra iniziata quando la Russia invase l’Ucraina quasi tre mesi fa.

“Le terre dello stabilimento metallurgico Azovstal… sono state completamente liberate”, ha affermato il ministero in una nota. Ha aggiunto che il gruppo che si è arreso era composto da 531 persone.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un video del Dipartimento della Difesa che pretendeva di mostrare la resa mostrava un gruppo di uomini disarmati che si avvicinavano ai soldati russi fuori dalla fabbrica e davano i loro nomi. Quindi i russi hanno perquisito attentamente ogni uomo e i loro beni e sembravano chiedere ai difensori di mostrare i loro tatuaggi.

Mosca chiama il battaglione Azov “nazisti”. L’unità, formata nel 2014 come milizia per combattere i separatisti sostenuti dalla Russia, nega di essere fascista e l’Ucraina afferma di essere stata riformata dalle sue origini nazionaliste radicali.

“Le strutture segrete del progetto, dove si nascondono i militanti, sono sotto il pieno controllo delle forze armate russe”, si legge nel comunicato russo, aggiungendo che 2.439 difensori si sono arresi nei giorni scorsi.

Ha aggiunto che il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha detto al presidente Vladimir Putin che Mariupol e l’acciaieria erano stati completamente liberati.

L’Ucraina ha ordinato alla guarnigione dell’esercito di ritirarsi lunedì. Ore prima dell’annuncio russo, il presidente Volodymyr Zelensky ha detto che l’esercito ucraino aveva detto ai difensori che potevano uscire e salvarsi la vita.

Kiev chiama i difensori eroi, dicendo che la loro posizione intransigente ha contribuito a limitare le forze russe e consentire all’Ucraina di avere successo altrove sul campo di battaglia.

Zelensky ha detto che l’aviazione ucraina ha cercato di trasportare rifornimenti a Mariupol, ma è stata sconfitta e ha subito pesanti perdite.

“Purtroppo, troppi dei nostri piloti sono stati uccisi”, ha detto alla televisione ucraina. “Erano persone assolutamente eroiche e sapevano che era quasi impossibile volare lì, volare ad Azovstal con medicine, cibo, acqua e riportare in vita i morti e i feriti”.

Anton Gerichenko, consigliere del ministero dell’Interno ucraino, ha affermato che la difesa dell’impianto sarà insegnata nelle scuole militari per gli anni a venire. Ha detto che quelli all’interno non avevano acqua pulita, avevano solo cibo a sufficienza per un pasto al giorno e quasi nessuna scorta medica.

“Capisci cosa significa amputare un arto senza anestetico? Quello che vedi nei film horror di Hollywood non è nulla in confronto a ciò che i difensori dell’Azovstal hanno visto e sopportato”, ha detto alla televisione ucraina prima dell’annuncio russo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Riferisce David Leungren). Montaggio di Grant McCall e Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Aggiornamenti in tempo reale di Russia e Ucraina: Mosca ordina truppe nelle regioni separatiste

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply