La Russia afferma che 82.000 coscritti di leva di emergenza sono già in Ucraina | Ucraina

Il ministro della Difesa russo ha affermato che sono già state inviate 82.000 reclute Ucrainariflettendo quello che l’Occidente ha descritto come uno sforzo disperato per fermare il contrattacco di Kiev con forze scarsamente addestrate.

Sergei Shoigu ha detto al presidente, Il presidente russo Vladimir Putinche altri 218.000 si stavano addestrando in caserma, e che la controversa “mobilitazione parziale” era terminata, anche se non è stato possibile verificare i dati citati.

L’incontro tra i due è stato trasmesso dalla televisione di stato russa, con Shoigu che ha detto a Putin: “Il compito che hai assegnato (mobilitazione) a 300.000 persone è stato completato. Non sono previste ulteriori misure”.

La leva di emergenza è iniziata a settembre, dopo che l’Ucraina ha ottenuto una serie di vittorie nel nord-ovest vicino a Kharkiv, spingendo alcuni russi a protestare e altri a fuggire Paese. Decine di reclute furono uccise dopo essere state gettate in prima linea per proteggere le truppe più esperte nelle retrovie.

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato venerdì che la Russia stava cercando di consolidare i suoi attuali guadagni dopo otto mesi di duri combattimenti facendo affidamento su una “forza gravemente incompleta e scarsamente addestrata” che era “capace solo di svolgere operazioni difensive”.

Ma, nonostante l’analisi critica, ci sono indicazioni che il maggiore utilizzo di coscritti da parte della Russia abbia rallentato i progressi dell’Ucraina sia nell’est che nel sud del Paese, con l’autunno che si avvicina all’inverno.

“Il progresso delle forze ucraine in avanti non sta procedendo così rapidamente come vorremmo”, ha affermato Serhiy Hayday, il governatore ucraino della regione di Luhansk orientale, in un’intervista televisiva, perché la Russia è riuscita a ripristinare le sue riserve e i suoi pozzi.

READ  Tyler Jacob, un insegnante americano in Ucraina, rilasciato dalla custodia russa

Migliaia di coscritti furono sparsi in luoghi come Bakhmut, dove Hayday disse che furono rapidamente uccisi o feriti dopo essere stati lanciati in battaglia contro gli ucraini snocciolati. “La durata media della vita delle persone mobilitate è di circa due settimane”, ha aggiunto il governatore.

Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato venerdì che fino a 1.000 reclute russe sono state inviate attraverso il fiume Dnipro per fortificare Kherson, dimostrando che il Cremlino non è pronto ad abbandonare la città senza alcun tipo di combattimento. Le truppe saranno schierate nelle case dei residenti che sono fuggiti dalla guerra.

Una settimana fa, la Russia sembrava temere di perdere la città e aveva spostato gli ufficiali in comando attraverso la sponda orientale del fiume – e ha iniziato evacuare i civiliuna pratica che secondo l’Ucraina equivaleva all’espulsione forzata.

L’Ucraina ha riconquistato una serie di villaggi vicino a Kherson all’inizio di ottobre, ma il ministro della Difesa Oleksiy Reznikov ha avvertito all’inizio di questa settimana che le piogge autunnali ci avevano “rallentato un po’” e che i progressi stavano diventando graduali.

La gente del posto dice che il terreno tra le città di Mykolaiv e Kherson controllate dall’Ucraina è particolarmente difficile perché la pianura è tagliata da grandi canali di irrigazione, alcuni dei quali si sono prosciugati, ma in entrambi i casi è facilmente fortificata.

Gli esperti militari occidentali prevedono da tempo che il ritmo dei combattimenti rallenterà a novembre poiché piogge torrenziali hanno sparso il terreno e reso sempre più difficile il funzionamento fuoristrada dei veicoli corazzati. Potresti non rivivere la battaglia di nuovo fino al cuore dell’inverno, quando il terreno si congela.

Il governatore di Kherson nominato dalla Russia ha dichiarato all’inizio di questa settimana che la tomba e le spoglie del principe Grigory Potemkin, un tempo primo ministro e amante del sovrano del 18° secolo Caterina la Grande, erano state spostate da una cattedrale a Kherson e si erano spostate più in profondità nei territori occupati.

“Abbiamo spostato i resti tranquilli di Sua Maestà il principe Potemkin dalla chiesa di Santa Caterina e dal memoriale stesso sulla riva sinistra” a est del fiume Dnipro, ha affermato l’agenzia di stampa ufficiale russa Volodymyr Saldo.

Un altro funzionario russo ha detto che l’evacuazione dei civili da Kherson era terminata. “I lavori sono stati completati per organizzare la popolazione in partenza per la riva sinistra del fiume Dnipro verso aree sicure in Russia”, ha detto giovedì scorso Sergei Aksyonov, il capo della Crimea nominato da Mosca, dopo una visita nella regione.

L’aviazione ucraina ha dichiarato di aver abbattuto finora più di 300 droni kamikaze Shahed-136, sebbene quel numero sia solo una frazione dei 2.400 aerei che il paese ritiene che la Russia abbia acquisito da Teheran.

La Russia ha sfruttato la difficoltà di rilevare i droni per aiutare a prendere di mira le centrali elettriche e la rete elettrica dell’Ucraina nel mese di ottobre. Le interruzioni di corrente, destinate a destabilizzare l’alimentazione elettrica, sono diventate una routine in molte delle principali città del paese.

Vitali Klitschko, sindaco di Kiev, ha affermato che la rete elettrica della città funziona in “modalità di emergenza”, con la fornitura di energia elettrica dimezzata rispetto ai livelli prebellici. Quattro ore di interruzione di corrente Pubblicizzato dentro e intorno alla capitale.

Oleg Sinihopov, il governatore della regione di Kharkiv, ha annunciato su Telegram che lunedì inizierà un blackout di un’ora, anche nella capitale regionale, che è la seconda città più grande dell’Ucraina.

L’ufficio presidenziale ucraino ha affermato che almeno quattro civili sono stati uccisi e 10 feriti negli ultimi attacchi russi e pesanti bombardamenti hanno danneggiato dozzine di condomini e linee elettriche vicino alla città meridionale di Nikopol.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply