La polizia della regione di Kiev afferma che il giornalista americano è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dalle forze russe a Irbin

Fino a domenica mattina, la regione di Leopoli nell’Ucraina occidentale era un porto sicuro in un paese dilaniato dalla guerra.

Era il luogo in cui le famiglie che vivevano in Oriente mandavano i loro figli più lontani per tenerli al sicuro.

Fino ad ora, quando le sirene hanno suonato segnalando un possibile attacco aereo, Vasyl Konets, un autista che vive a Novoyavorivsk, una cittadina a circa 20 miglia da Leopoli, ha detto di non essere troppo preoccupato. Sarebbe andato in salvo, ma forse non così in fretta come avrebbe dovuto.

La guerra era ancora lontana.

Tutto è cambiato quando gli attacchi russi hanno colpito il campo di addestramento militare di Yavoriv alla periferia di Novoyavorsk, uccidendo 35 persone, ha detto domenica l’amministrazione regionale di Leopoli.

Più di 30 missili lanciati da aerei da guerra sul Mar Nero e sul Mar d’Azov hanno colpito la base militare, ha affermato Maxim Kozytsky, capo dell’amministrazione militare regionale di Leopoli, in una dichiarazione pubblicata domenica su Facebook.

Improvvisamente, la guerra era alle porte di Konitz.

La base formativa si intreccia con la vita cittadina. Molti dei suoi residenti lavorano lì o nei suoi servizi di supporto. Chi non ci lavora conosce in prima persona qualcuno che lavora.

Konitz ha visto in prima persona il danno che hanno causato.

“Quando il missile ha colpito il suolo, ho visto l’esplosione e il fumo, una nuvola di fumo e fuoco a forma di funghi”, ha detto alla CNN.

“E’ durato 30 minuti e ho sentito forse otto colpi, forse alcuni missili che cadevano o parte dei missili esplodere separatamente, non lo so”.

READ  L'Ucraina completa il questionario sull'adesione all'UE

Konitz ha detto alla CNN che l’attacco alla base “ha cambiato tutto”.

“Siamo preoccupati ora. Non sono preoccupato per me stesso ma per i miei figli. Le persone sono preoccupate per la sicurezza delle loro famiglie e alcune di loro stanno pensando di trasferirsi altrove”, ha detto.

Konitz ha detto che ora sta valutando la possibilità di mandare i suoi due figli lontano dall’Ucraina, qualcosa a cui non aveva necessariamente pensato prima.

“Sembra meno sicuro e più pericoloso. Ieri e ieri eravamo più rilassati e quando abbiamo sentito gli allarmi non ci siamo mossi così velocemente, non l’abbiamo preso sul serio. Ma oggi ci stiamo mobilitando e ci stiamo preparando a partire molto velocemente quando sentiamo l’allarme”.

Sofia Harbozyuk della CNN ha contribuito a questo post.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply