La nuova riprogettazione dell’app Google Home è la piattaforma per lo standard di casa intelligente Matter

Google sta visualizzando in anteprima la sua nuovissima app Home per controllare i suoi dispositivi per la casa intelligente e molti altri gadget che si aspetta che le persone aggiungano alle loro case una volta arrivato il nuovo standard di casa intelligente Matter. La nuova app viene inizialmente rilasciata come file anteprima pubblica Inizia tra poche settimane e puoi registrarti per provarlo presto.

Anish Kattukaran di Google Nest ha descritto la nuova app Home, che aggiunge una nuova pagina dei preferiti e il supporto per i sensori per attivare l’automazione e porta l’interfaccia della videocamera dall’app Nest, come “il posto migliore per configurare, controllare e automatizzare il tuo Nest. Hardware e ogni dispositivo è importante.”

La nuova app Google Home arriva su Wear OS

L’azienda ha anche portato Google Home sul Web entro la fine dell’anno, consentendoti di visualizzare i feed della videocamera Nest e del campanello da un browser Web su home.google.com. Inoltre, sarai in grado di controllare la tua casa dal tuo polso. L’app Home arriva questa settimana su Wear OS, debuttando sul nuovo Google Pixel Watch per poi iniziare a lavorare su Wear OS 3 subito dopo. L’app ti consentirà di spegnere le luci, regolare il termostato Nest e ricevere notifiche dalle videocamere Nest al polso.

Fast Pair di Google fornisce una presa intelligente con Matter.
Foto: Google Nest

È davvero importante per Google

Google è pienamente impegnata in Matter, il nuovo standard di connettività per la casa intelligente che mira ad affrontare molte debolezze del settore come configurazioni complesse, integrazioni confuse e scarsa affidabilità.

In briefing con il bordo, Kevin Boe di Google Nest mi ha assicurato che Google Nest Hub Max, Nest Hub (2a generazione) e tutti i router Google Nest Wifi (incluso il Nest Wifi Pro appena annunciato) saranno controller importanti per Google Home quando lo standard arriverà più tardi. generale. Ciò significa che questi dispositivi possono controllare qualsiasi dispositivo Matter localmente in casa, tramite la loro interfaccia o tramite l’app Home.

I dispositivi Nest saranno anche router di confine filiformi per fornire connettività tra Thread mesh e Wi-Fi. Il thread è un protocollo importante del materiale; Consente ai dispositivi di connettersi in modo più efficiente alla rete domestica.

Inoltre, Po ha confermato che Fast Pair per Android funzionerà con Matter, consentendo ai telefoni Android di rilevare automaticamente qualsiasi dispositivo Matter sulla tua rete e aiutarti a configurarli con pochi clic, incluso il collegamento a qualsiasi app Matter compatibile sul tuo smartphone. Po ha mostrato una configurazione smart plug con la possibilità di aggiungerla all’app Google Home o all’app Eve.

La pagina Preferiti include una sezione Preferiti dedicata e nuovi pulsanti di scelta rapida Spaces.

La pagina Preferiti include una sezione Preferiti dedicata e nuovi pulsanti di scelta rapida Spaces.
Foto: Google Nest

La nuova app Google Home prende spunto dall’app Nest

La personalizzazione è al centro della nuova app Google Home, con la home page dell’app ora denominata Preferiti. Qui puoi creare una visualizzazione personalizzata dei dispositivi, delle azioni o dell’automazione a cui desideri accedere più spesso.

Ciò include i feed direttamente da qualsiasi fotocamera tu scelga come preferita, che verranno riprodotti nella casella non appena apri l’app. Inoltre, qualsiasi dispositivo che aggiungi, dalle lampadine ai lucchetti, ti darà uno stato in tempo reale quando apri l’app in modo da poter vedere rapidamente cosa c’è nella tua casa.

Nella parte superiore della pagina Preferiti c’è una nuova funzione Spaces simile ai nuovi pulsanti di scelta rapida per l’app Apple Home. Questi ti portano a una gamma di dispositivi simili come luci, fotocamere, clima e dispositivi Wi-Fi.

Puoi avere uno spazio per animali domestici per la fotocamera del tuo animale domestico, una mangiatoia per animali domestici, un aspirapolvere e un purificatore d’aria

ha detto Katukaran il bordo Google ha in programma di aggiungere un’opzione Spaces personalizzata in cui è possibile raggruppare i dispositivi al di fuori dei gruppi di stanze tradizionali l’anno prossimo. Ad esempio, potresti avere uno spazio per animali domestici per la fotocamera del tuo animale domestico, una mangiatoia per animali domestici, un aspirapolvere e un purificatore d’aria.

Nella scheda Preferiti c’è anche un piccolo lettore multimediale mobile, che ti dà un rapido accesso ai controlli per qualsiasi file multimediale riprodotto nella tua casa, inclusa l’interfaccia remota di Google TV. Ti consente anche di scorrere per controllare qualsiasi altro dispositivo che riproduce musica o video nella tua casa.

La scheda Dispositivi ti porta alla visualizzazione della stanza tradizionale, sempre in ordine alfabetico ma ora con anteprime live di tutte le telecamere in ogni stanza. Qui puoi controllare e vedere lo stato di qualsiasi dispositivo.

Nell'app viene visualizzato un lettore multimediale mobile quando qualsiasi dispositivo Google Home riproduce musica o video.

Nell’app viene visualizzato un lettore multimediale mobile quando qualsiasi dispositivo Google Home riproduce musica o video.
Foto: Google Nest

Quando fai clic sul riquadro della telecamera, verrai indirizzato alla pagina della console della telecamera dove vedrai una vista dal vivo della telecamera su una timeline verticale. Qui puoi scorrere qualsiasi cronologia video nella stessa visualizzazione dell’app Nest. Ciò include piccole istantanee lungo la sequenza temporale in modo da poter vedere rapidamente ciò che potrebbe essere più rilevante. Puoi scegliere di visualizzare ogni evento di azione o filtrare per attività, come una persona o un animale. Questo è un enorme miglioramento rispetto alla vecchia app Home, in cui dovevi toccare più volte per accedere al video registrato.

L’anteprima pubblica dell’app Home funzionerà con tutte le videocamere Nest attuali e fuori produzione, ma mostrerà comunque solo la cronologia video delle videocamere costruite dopo il 2021. Kattukaran afferma che nel prossimo anno Google sposterà le videocamere più vecchie interamente nell’app Home. “L’app Nest è progettata per videocamere cablate, non per videocamere alimentate a batteria”, afferma, spiegando perché la transizione richiede del tempo.

Risparmia il meglio per la fine

Infine, Google sta portando il supporto dei sensori nell’ecosistema di Google Home. Ciò significa che sarai in grado di azionare l’automazione con il movimento. Non è chiaro se funzioneranno anche i sensori di contatto o altri tipi di sensori come rilevatori di perdite o fumo. Ho contattato Google per chiarimenti.

Kattukaran ha già affermato che i rilevatori di fumo Nest Protect verranno migrati alla nuova app Home, quindi spero che possano essere utilizzati anche come trigger di automazione. Inoltre, ha mostrato che premendo il campanello si attiva l’automazione, segno che le telecamere potrebbero essere attivate anche in base al rilevamento del movimento.

Presto potrai utilizzare i sensori come

Presto potresti utilizzare i sensori come “antipasti” per la domotica di Google, una funzionalità che Amazon Alexa e Apple Home hanno da tempo.
Immagine: google

La mancanza di trigger (o trigger, come li chiama Google) è stato un grosso problema per la domotica di Google. Finora si poteva avviare l’automazione solo in base all’ora del giorno, alla disattivazione dell’allarme, al tocco nell’app o con un comando vocale.

Sebbene le funzionalità di automazione dell’app sembrino ancora abbastanza basilari, sebbene ora includa la possibilità di programmare l’accensione e lo spegnimento delle telecamere, Google sta introducendo un editor di testo all’inizio del prossimo anno. Questo editor basato sul Web è progettato per utenti esperti che desiderano creare automazioni più complesse con “trigger complessi e condizioni multiple”, afferma Katukaran.

L’anteprima pubblica della nuova app Google Home verrà eseguita per un po’ prima del lancio ufficiale dell’app Home, afferma Kattukaran. Presto potrai registrarti per l’anteprima nell’app Google Home e gli aggiornamenti inizieranno a essere disponibili tra “poche settimane”. L’anteprima continuerà una volta arrivata la nuova app Home, con Google che afferma che continuerà a perfezionare l’app in base al feedback degli utenti.

Correzione martedì 4 ottobre alle 9:45: Questo articolo originariamente menzionava che puoi registrarti per partecipare all’anteprima dell’app Google Home oggi, ma Google ha chiarito che la pagina di registrazione sarà disponibile in un secondo momento. Inoltre, il nome di Kevin Poe è scritto in modo errato. Siamo spiacenti per l’errore.

READ  Il modder sta portando collaborazioni ancora migliori su Elden Ring questo fine settimana

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply