La nave lunare Artemis torna sulla Terra con un tuffo perfetto nell’Oceano Pacifico

Agenzia della NASA Nave lunare Artemis 1 È tornato sulla Terra domenica, attraversando l’atmosfera superiore a più di 24.000 miglia all’ora e sopportando un inferno di rientro di 5.000 gradi prima di stabilirsi in un Oceano Pacifico stellare per chiudere un volo di prova di 25 giorni, 1,4 milioni di miglia verso il Luna e ritorno.

Scendendo sotto tre enormi paracadute, la capsula Orion da 9 tonnellate si è schiantata dolcemente nell’acqua a 200 miglia a ovest della Bassa California alle 12:40 EDT, 20 minuti dopo aver incontrato le prime tracce dell’atmosfera osservate a un’altitudine di 76 miglia.

“Sono confuso. Questo è un giorno insolito”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson. “È storico, perché ora stiamo tornando nello spazio profondo con una nuova generazione”.

121122-splash-pool1.jpg
La capsula Orion senza equipaggio della NASA sta scendendo per un atterraggio domenica nell’Oceano Pacifico a ovest della Baja California per sigillare un volo di prova di 25 giorni intorno alla luna e ritorno. La missione dovrebbe aiutare a spianare la strada alla prima missione di prova sulla luna Artemis nel 2024.

Pool TV di rete (superiore e inferiore)


121122-splash2.jpg

In una comoda, anche se non pianificata, coincidenza, la regressione è avvenuta 50 anni esatti dopo l’ultimo allunaggio dell’Apollo 17 nel 1972 e solo 10 ore dopo SpaceX. Lanciato Un lander lunare giapponese, inviato per la prima volta in un’impresa puramente commerciale, da Cape Canaveral.

“Dalla Tranquility Base alla Taurus-Littrow fino alle calme acque dell’Oceano Pacifico, il capitolo finale del viaggio della NASA verso la Luna si è avvicinato”, ha detto il commentatore della NASA Rob Navias al momento della caduta di Orion. .

Nelson ha anche parlato dell’Apollo, dicendo che il presidente John F. Kennedy “ha sbalordito tutti i membri della generazione Apollo e ha detto che avremmo ottenuto ciò che pensavamo fosse impossibile”.

“È un nuovo giorno”, ha detto Nelson. “Un nuovo giorno è sorto. E la generazione di Artemis ci sta portando lì.”

121120-welldeck1.jpg
La capsula Orion viene tirata verso la superficie del pozzo allagato sulla USS Portland, una nave da trasporto anfibia. Una volta all’interno, il ponte verrà sigillato, l’acqua verrà pompata fuori e la navicella verrà lasciata su una culla protettiva per il viaggio di ritorno alla Base Navale di San Diego.

NASA


Una squadra di recupero congiunta Navy-NASA era in vista dell’irrigatore Orion per ispezionare la capsula bruciata e, dopo un ultimo giro di test, l’ha tirata fino al ponte del pozzo allagato della USS Portland, una nave anfibia.

Dopo aver pompato l’acqua di mare, Orion riposerà su una culla protettiva per il viaggio di ritorno alla base navale di San Diego e, infine, per un viaggio al Kennedy Space Center.

Il rientro e il riscaldamento sono stati gli obiettivi principali finali del volo di prova di Artemis 1, dando agli ingegneri la certezza che lo scudo termico Avcoat largo 16,5 piedi funzionerà come previsto quando quattro astronauti torneranno dalla Luna dopo il prossimo volo di Artemis nel 2018. 2024 .

Il responsabile della missione Mike Saravin ha dichiarato venerdì che i test sugli scudi termici erano, in effetti, una priorità assoluta per la missione Artemis 1, “ed è il nostro primo e principale obiettivo per un motivo”.

“Non esiste un getto ad arco o una struttura termica ad aria qui sulla Terra in grado di ripetere l’ingresso a velocità supersonica con uno scudo termico di queste dimensioni”, ha affermato. “È un design completamente nuovo per uno scudo termico, ed è un pezzo di equipaggiamento fondamentale per la sicurezza. È progettato per proteggere il veicolo spaziale e (i futuri astronauti)… quindi lo scudo termico deve funzionare.”

E chiaramente ha fatto proprio questo, senza segni visibili di danni importanti. Allo stesso modo, tutti e tre i paracadute principali si sono aperti normalmente così come gli airbag necessari per stabilizzare la capsula in caso di leggero gonfiaggio perimetrale.

121122-terra.jpg
Una telecamera su una delle quattro ali solari della capsula di Orione ha catturato immagini mozzafiato della Terra mentre la navicella spaziale si chiudeva domenica per il rientro e la dispersione. Questa ripresa è arrivata sotto quella che avevamo prima del rientro.

NASA


Un volo di prova di successo è “ciò di cui abbiamo bisogno per provare questo veicolo in modo da poter volare con un equipaggio”, ha affermato il vice amministratore Bob Cabana, ex comandante dello space shuttle. “Quindi ecco il passaggio successivo, e non vedo l’ora… alcuni piccoli problemi lungo il percorso, ma (nel complesso) ha funzionato in modo impeccabile.”

Lanciato 16 novembre Nel primo volo del nuovo imponente razzo Space Launch System della NASA, una capsula Orion senza equipaggio è stata spinta dall’orbita terrestre alla Luna per eseguire una serie esaustiva di test, mettendo alla prova i sistemi di propulsione, navigazione, alimentazione e computer in uno spazio profondo ambiente.

Orion ha attraversato metà di una “orbita molto retrograda” attorno alla Luna che lo ha portato più lontano dalla Terra – 268.563 miglia – rispetto a qualsiasi precedente veicolo spaziale classificato dall’uomo. Due lanci critici del suo motore principale hanno avviato un sorvolo a bassa quota della superficie lunare lunedì scorso, che, a sua volta, mette il rover in rotta per un atterraggio domenica.

Inizialmente la NASA aveva pianificato di portare la nave a ovest di San Diego, ma l’anticipazione di un fronte freddo che portava venti più forti e mari più agitati ha spinto i responsabili della missione a spostare il sito di atterraggio a sud di circa 350 miglia, in un punto a sud dell’isola di Guadalupe a circa 200 miglia a ovest. Bassa California.

Dopo un’ultima manovra di correzione della rotta all’inizio di domenica, la sonda Orion è tornata nell’atmosfera distinta a 400.000 piedi alle 12:20 p.m.

La bobina di rientro è progettata per garantire che Orione salti una volta attraverso la parte superiore dell’atmosfera come una pietra piatta che salta attraverso acque calme prima della sua discesa finale. Come previsto, Orion è sceso da 400.000 piedi a un’altitudine di circa 200.000 piedi in soli due minuti, quindi è risalito fino a circa 295.000 piedi prima di riprendere la sua caduta sulla Terra guidata dal computer.

Entro un minuto e mezzo dall’ingresso, l’attrito atmosferico ha iniziato a generare temperature attraverso lo scudo termico di quasi 5.000 gradi Fahrenheit – metà della temperatura della superficie visibile del Sole – avvolgendo il veicolo spaziale in un plasma elettricamente carico che ha bloccato le comunicazioni con gli strumenti di controllo del volo per cinque anni circa anni Minuti.

121122-skip2-chart.jpg
La navicella spaziale Orion ha seguito un’insolita traiettoria di “salto ingresso” quando è tornata sulla Terra, costeggiando l’atmosfera superiore riconoscibile come una pietra attraverso acque calme prima di una seconda valanga.

NASA


Dopo un’interruzione delle comunicazioni di due minuti e mezzo durante la sua seconda discesa nell’atmosfera inferiore, il veicolo spaziale ha continuato a rallentare mentre si avvicinava al sito di atterraggio, rallentando a circa 650 mph, all’incirca la velocità del suono, circa 15 minuti dopo l’inizio dell’ingresso.

Infine, a un’altitudine di circa 22.000 piedi ea una velocità di poco inferiore a 300 miglia orarie, sono stati dispiegati piccoli paracadute per ciclisti e la copertura protettiva è stata tirata insieme a tre corsie di pilotaggio. Alla fine, in una vista gradita per il vicino equipaggio di recupero, i paracadute principali della capsula sono decollati a circa 5.000 piedi, rallentando Orion a 18 mph o giù di lì per un tuffo.

La durata della spedizione è stata di 25 giorni, 10 ore e 52 minuti.

“È stata una missione straordinaria. Abbiamo raggiunto tutti i nostri principali obiettivi di missione”, ha affermato Michele Zaner, ingegnere di pianificazione della missione di Orion. “La macchina si è comportata come speravamo e per molti versi anche meglio.

“Questa è la distanza più lontana mai percorsa da un veicolo spaziale classificato dall’uomo, e ha richiesto molte analisi complesse e pianificazione della missione. Vedere tutto riunirsi e avere una missione di prova così riuscita è stato sorprendente.”

Mentre i controllori di volo hanno riscontrato problemi ancora inspiegabili nel loro sistema di alimentazione, il “burlesque” iniziale con il tracciamento delle stelle e le prestazioni degradate dall’antenna phased array, la navicella spaziale Orion costruita dall’ESA e il modulo di servizio generalmente hanno funzionato bene, ottenendo quasi tutto. dei loro obiettivi principali.

121122-moonb.jpg

121122-luna.jpg
Durante la missione Artremis 1, le telecamere a bordo della capsula Orion hanno trasmesso immagini mozzafiato della Luna e della Terra, offrendo ai controllori di volo – e al pubblico – un posto in prima fila durante il volo di prova di 25 giorni.

NASA (entrambi)


Se tutto va bene, la NASA prevede di dare seguito alla missione Artemis 1 inviando quattro astronauti intorno alla luna sul secondo volo del programma – Artemis 2 – nel 2024. Il primo sbarco sulla luna seguirà nel periodo 2025-26 quando la NASA afferma che primo metterà piede.Presenta la donna e l’uomo successivi sulla Luna vicino al Polo Sud.

Mentre il volo del 2024 sembra realizzabile sulla base dei risultati della missione Artemis 1, l’atterraggio lunare di Artemis 3 deve affrontare un programma più difficile, che richiede una buona prestazione durante la missione Artemis 3 e il successo dello sviluppo e dei test di un lander lunare che la NASA paga a SpaceX $ 2,9. miliardi da sviluppare.

La sonda, una variante del razzo Starship della compagnia, non è ancora volata nello spazio. Ma saranno necessari diversi viaggi di rifornimento robotizzati in orbita terrestre bassa prima di dirigersi verso la luna per attendere un appuntamento con gli astronauti lanciati a bordo della capsula Orion.

SpaceX e la NASA hanno fornito alcuni dettagli sullo sviluppo del lander lunare Starship, e non si sa ancora quando sarà pronto per trasportare in sicurezza gli astronauti sulla luna.

READ  Un enorme pennacchio lungo un milione di miglia che sorge dal sole, catturato dall'astrofotografo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply