La NASA cattura i veri colori di Giove ed è uno spettacolo speciale

Al giorno d’oggi, ogni volta che vedo l’immagine di qualcosa nell’universo, mi lamento nel dubbio prima di godermi lo stupore. Mi ritrovo a chiedermi: è questo Infatti Come appare questa cosa?

Il più delle volte, gli scienziati aggiungono motivi artistici alle loro immagini spaziali. Questo non è solo per divertimento (anche se molto divertente), ma perché un po’ di colorazione fa molto quando ci si concentra su immagini grezze del pianeta o sulla fotografia di luce cosmica. Non può essere rilevato dai discepoli umani.

Ciò significa, per noi astronauti, che non importa quanto sia difficile Telescopio spaziale James Webb della NASA Potresti aver cercato di convincerci che la Nebulosa Karina non è per niente come una caramella calda e sciolta. Nonostante quello che dicono i libri di scuola elementare, Un fiore non è una pallina di senape gialla. Contrariamente a quanto suggerisce il telescopio spaziale Hubble, La Nebulosa Velo purtroppo non è un verme arcobaleno. posso andare avanti.

Quindi, quando guardo l’immagine di un mondo extraterrestre lo so No Colorato, sto fissando un po’ più a lungo del solito – e martedì siamo benedetti con una tale meraviglia.

Ecco, il lato sinistro dell’immagine seguente, scattata dalla navicella spaziale Juno della NASA. È più o meno come sarebbe la superficie di Giove se potessimo in qualche modo fissarla come se fossimo un ammiratore della Luna. re del sistema solareInfatti.

Sulla sinistra c'è una versione beige morbida di Giove.  Sulla destra c'è la stessa immagine, fatta eccezione per le sfumature di blu, arancione e giallo.

Il 43° sorvolo ravvicinato di Giunone del pianeta gigante, il 5 luglio 2022, ci ha dato questa immagine di Gioviano.

Dati della NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS, elaborazione delle immagini di Björn Jónsson

Non puoi fare a meno di guardare a destra? stesso. Ma fa attenzione. Questa è una di quelle foto sospette che sono state elaborate. Ha aumentato la saturazione del colore e il contrasto per rendere più nitide le caratteristiche gioviane su piccola scala, NASA Ha detto in una dichiarazione. L’agenzia spiega che questa manipolazione era importante per ridurre il rumore o altri artefatti nell’immagine.

“Questo rivela chiaramente alcuni degli aspetti più interessanti dell’atmosfera di Giove”, ha detto la NASA, “incluso il contrasto dei colori causato dalla differenza nella composizione chimica, la natura tridimensionale dei vortici di Giove e le piccole nuvole luminose “emergenti”. che si formano nelle parti superiori dell’atmosfera.

Naturalmente, questa versione della pelle marmorizzata di Giove è senza dubbio più sorprendente, ma considera come il lato sinistro sia la nostra realtà. Nello spazio c’è un’orbita fatta di gas rotante che può ospitare più di 1300 terreno in esso. E… forse suona così?

La nebulosa della Carina: le stelle brillano su uno sfondo indaco sopra nubi di gas color bronzo arrugginito

Immagine del telescopio spaziale James Webb della nebulosa della Carina.

Nasa

Il merito del nostro nuovo obiettivo privato su Giove va allo scienziato cittadino Bjorn Johnson, che ha raccolto e raccolto dati pubblicamente disponibili dalla missione Juno della NASA. Juno è una navicella spaziale che si estende per la larghezza di un campo da basket Fa lunghe orbite circolari intorno al mondo rosso e marrone mentre cattura informazioni e immagini sulla sua ispirazione planetaria.

Dal suo lancio dalla Terra nel 2011, Giunone è stata una forza.

. è ritornato immagini fantastiche Dalle immagini di Giove, che vanno da vortici Colorato in azzurro cielo e opale, per un bell’aspetto display rosa Da Joe Jovian e ancor più sbiadito, Immagini più realistiche dei suoi strati.

Immagine della NASA di vortici simili a vortici che rappresentano tempeste giganti su Giove.

L’ultima immagine di JunoCam delle enormi tempeste che adornano il polo nord di Giove.

Elaborazione di immagini NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS di Brian Swift

Inoltre, il 9 aprile Giunone è arrivata al punto di avvicinarlo all’acquirentearrivando a poco più di 2.050 miglia (3.300 km) sopra le cime delle nuvole del pianeta, ponendo le basi per questo tipo di film in stop-motion.

Il 9 aprile, JunoCam ha catturato come sarebbe viaggiare con la navicella spaziale. Il cittadino scienziato Andrea Lack ha creato questa sequenza animata utilizzando i dati di immagine grezzi di JunoCam.

Dati NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS, elaborazione immagini di AndreaLuck

In connessione con la nuova immagine del gigante gassoso rivelata da Jónsson, Giunone si trovava a circa 3.300 miglia (5.300 km) sopra le cime della nuvola di Giove a una latitudine di circa 50 gradi. “In quel momento, il veicolo spaziale stava viaggiando a circa 130.000 miglia orarie (209.000 chilometri orari) rispetto al pianeta”, ha affermato la NASA.

Un’altra vittoria per Giunone, e un altro tesoro spaziale introspettivo per noi.

Cose del genere evocano dentro di me una sorta di strana sensazione: un misto di terrore esistenziale, stupore, silenzio. È un promemoria della nostra piccola, ma straordinariamente intelligente, visione dell’universo.

READ  Il persistente rover esplora il sito di lancio per la prima missione di lancio su Marte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply