La NASA afferma che questi due pianeti sono fatti di acqua



Cnn

Due pianeti lontani Probabilmente è fatto di acquaSecondo una ricerca condotta con i telescopi Hubble e Spitzer della NASA.

I cosiddetti “mondi d’acqua” orbitano attorno a una stella nana rossa, che è il tipo di stella più piccolo e più freddo. Secondo un comunicato stampa del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

La NASA afferma che i pianeti acquatici sono a 218 anni luce di distanza nella costellazione della Lyra. L’agenzia ha affermato che “non assomigliano a nessun pianeta del nostro sistema solare”.

Il risultato è che i pianeti sono molto probabilmente composti da acqua Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy Giovedì. Un gruppo di ricerca guidato da Caroline Piaulet, una studentessa di dottorato presso l’Institute for Exoplanet Research dell’Università di Montreal, ha utilizzato i telescopi spaziali Hubble e Spitzer della NASA per osservare il lontano sistema planetario.

Il sistema planetario che hanno studiato si chiama Kepler-138 perché si trova nel campo visivo della navicella spaziale Kepler della NASA. I ricercatori sapevano dell’esistenza di tre esopianeti – il termine per i pianeti al di fuori del nostro sistema solare – all’interno del sistema Kepler-138, ma hanno appena scoperto che solo due di essi potrebbero essere fatti di acqua.

Scoprono anche prove di un quarto pianeta che non è stato descritto prima.

Ma il risultato non è così semplice come potrebbe sembrare. Gli scienziati non hanno rilevato direttamente l’acqua sui pianeti esterni Kepler-138c o Kepler-138d. Invece, hanno confrontato le dimensioni e le masse dei pianeti con modelli per il confronto.

Quando hanno confrontato i pianeti con i modelli, hanno scoperto “che una buona parte del loro volume, anche la metà, deve essere costituita da materiali più leggeri della roccia ma più pesanti dell’idrogeno o dell’elio”.

La NASA afferma che l’acqua è il candidato più probabile per una sostanza più leggera della roccia ma più pesante dell’idrogeno o dell’elio.

Bjorn Bencke, coautore dello studio e professore di astrofisica all’Università di Montreal, ha dichiarato nel comunicato. “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, sono di natura molto diversa e che gran parte del loro intero volume è probabilmente composto da acqua”.

“È la migliore prova finora per i mondi acquatici, un tipo di pianeta che gli astronomi hanno a lungo ipotizzato esistesse”, ha continuato Beneke.

Le alte temperature su questi pianeti indicano che potrebbero essere circondati da un’atmosfera vaporosa, secondo la NASA.

“È probabile che la temperatura nell’atmosfera di Kepler-138d sia superiore al punto di ebollizione dell’acqua, e ci aspetteremmo un’atmosfera densa e densa fatta di vapore su questo pianeta”, ha detto Piaolet nella dichiarazione. “Solo, sotto questa atmosfera vaporosa, può esserci acqua liquida ad alta pressione, o anche acqua in un’altra fase che si verifica ad alte pressioni, chiamata liquido supercritico”.

I “mondi d’acqua” si trovano al di fuori della zona abitabile della loro stella, la regione in cui le temperature consentono all’acqua liquida di esistere sulla superficie di un pianeta roccioso, potenzialmente supportando la vita. Ma il nuovo pianeta descritto dai ricercatori, Kepler 138-e, si trova proprio nella regione giusta, secondo il comunicato.

READ  Il gas potrebbe nascondersi in un campione lunare di 50 anni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply