La Florida Space Coast è sulla buona strada dopo Ian e dovrebbe essere lanciata 3 volte in 3 giorni

Ingrandisci / La United Launch Alliance sposta il suo booster Atlas V nella struttura di integrazione verticale adiacente al complesso Space Launch-41 presso la Cape Canaveral Space Force Station lunedì 26 agosto.

Alleanza di lancio unita

L’uragano Ian ha tagliato una devastante falcata in tutta la Florida questa settimana, passando il suo nucleo direttamente sopra il Kennedy Space Center e Cape Canaveral giovedì.

Tuttavia, a quel punto, Ian si era indebolito in una tempesta tropicale moderatamente forte, con la maggior parte delle piogge torrenziali a nord delle piattaforme di lancio lungo la costa atlantica. Di conseguenza, i danni alle strutture di lancio della NASA al Kennedy Space Center e alle piattaforme di lancio della Space Force a Cape Canaveral sono stati minimi.

Di conseguenza, entro venerdì, erano già in corso i lavori presso le strutture situate lungo la “Space Coast” in Florida per un rapido fuoco consecutivo per tre lanci entro tre giorni.

SES-20 e SES-21

In primo luogo, una missione commerciale sul razzo Atlas V della United Launch Alliance per lanciare i satelliti SES-20 e SES-21 dell’operatore satellitare lussemburghese SES. Impilato nella sua configurazione “531”, questo missile Atlas ha un carico utile di cinque metri di diametro, tre propulsori a razzo solido e un motore Centaur nello stadio superiore.

Venerdì, la United Launch Alliance ha affermato che tutto continua a progredire verso il lancio di questa missione martedì 4 ottobre dallo Space Launch Complex-41 alla Cape Canaveral Space Force Station. Il lancio è previsto per le 17:36 EDT (21:36 UTC). Si prevede un clima favorevole, con una probabilità del 70% di condizioni favorevoli per il lancio.

READ  Il James Webb Telescope trova due delle galassie più antiche e distanti di sempre Telescopio spaziale James Webb

Dopo il lancio, il razzo Atlas V sposterà una coppia di satelliti per comunicazioni in orbite geosincrone semicircolari. Una volta separati, i satelliti utilizzeranno i sistemi di propulsione di bordo per ruotare le loro orbite a 35.900 km sopra l’equatore.

Equipaggio 5

La prossima tappa in Florida è la missione Crew-5 della NASA, che verrà lanciata su un razzo Falcon 9 verso la Stazione Spaziale Internazionale. Funzionari della NASA hanno confermato che questa missione rimane in programma per mezzogiorno EST (16:00 UTC) il 5 ottobre dal Launch Complex-39A al Kennedy Space Center.

L’equipaggio di quattro persone – gli astronauti della NASA Nicole Mann e Josh Casada, l’astronauta JAXA Koichi Wakata e l’astronauta Roscosmos Anna Kekina – è rimasto confinato al Johnson Space Center di Houston, in attesa dell’esito dell’uragano Ian. Tuttavia, sabato si recheranno in Florida in preparazione per il lancio.

Nel frattempo, SpaceX farà girare un razzo Falcon 9 con la sua navicella spaziale Crew Dragon sulla rampa di lancio venerdì o sabato notte, prima del test di fuoco costante di domenica. Sembra che non ci siano problemi tecnici significativi su cui lavorare prima del lancio mercoledì prossimo.

Galassia 33 e 34

Infine, il 6 ottobre, SpaceX ha in programma un ulteriore lancio. Per questa missione, dallo Space Launch Complex-40 di Cape Canaveral, il razzo Falcon 9 trasferirà i satelliti per telecomunicazioni Intelsat Galaxy 33 e 34 su un’orbita di trasferimento geostazionaria. Il lancio è fissato per le 19:07 EDT (23:07 UTC).

Degno di nota per questa missione, questo primo stadio del booster Falcon 9 farà il suo 14° lancio. Questa è la prima volta che un razzo SpaceX ha fatto volare un carico utile puramente commerciale durante o dopo il suo decimo volo. Ciò suggerisce fortemente che il mercato dei satelliti commerciali sta diventando sempre più a suo agio con il rinnovamento di SpaceX anche per i razzi ben utilizzati.

READ  Un'esplosione di supernova insolitamente massiccia e potente nello spazio scoperta dagli scienziati

Artemide I

La NASA ha anche affermato venerdì che i suoi strumenti Artemis I sono sopravvissuti bene all’uragano Ian, poiché erano alloggiati in sicurezza all’interno del grande edificio di assemblaggio dei veicoli al Kennedy Space Center. L’agenzia mirerà ad avere il missile pronto per un tentativo di lancio in circa sei settimane.

“Mentre i team completano le operazioni di recupero post-tempesta, la NASA ha deciso di concentrare gli sforzi di Artemis I per avviare gli sforzi di pianificazione nel periodo di lancio che inizia il 12 novembre e termina il 27 novembre”, Lo ha detto la NASA in un post sul blog. “Nei prossimi giorni, i direttori valuteranno la portata del lavoro da svolgere mentre è al VAB e fisseranno una data specifica per il prossimo tentativo di lancio”.

Nei prossimi giorni, ingegneri e tecnici amplieranno le piattaforme di accesso attorno al razzo Space Launch System e alla navicella spaziale Orion all’interno del Vehicle Assembly Building per condurre ispezioni e iniziare i preparativi per il prossimo tentativo di lancio, incluso il test del sistema di terminazione del volo.

Il razzo e la navicella spaziale sono in questo stato completamente impilato da più di 11 mesi, quindi la NASA vuole assicurarsi che tutte le diverse batterie, propellenti immagazzinati e altri “oggetti a vita limitata” sui veicoli siano ancora in buone condizioni. rimettersi sulla rampa di lancio altro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply