La Fed ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto e segnala che ne seguiranno altri

“Il lavoro non è completamente finito”, ha detto.

Finora, le prove della moderazione del mercato del lavoro, in particolare, rimangono inconcludenti: le richieste iniziali di indennità di disoccupazione rimangono modeste e il tasso di disoccupazione è basso come lo è stato per mezzo secolo. Le offerte di lavoro sono aumentate a dicembre e ora ci sono 1,9 posti di lavoro disponibili per ogni lavoratore disoccupato.

“Il mercato del lavoro continua ad essere molto stretto”, ha detto Powell mercoledì. Venerdì, il Dipartimento del Lavoro rilascerà i dati sull’occupazione e sulla disoccupazione per gennaio.

Questo crea una fonte di tensione per la Fed. I funzionari si aspettavano sempre che i prezzi iniziassero a raffreddarsi man mano che i problemi della catena di approvvigionamento della pandemia si risolvevano e i consumatori lavoravano attraverso grandi scorte di risparmio e la loro spesa rallentava – e il rallentamento sta mostrando. Ma alcuni politici temono che la rapida crescita dei salari possa mantenere l’inflazione nei servizi – hotel, ristoranti ed eventi sportivi – ostinatamente più alta di quanto non fosse prima della pandemia.

“Abbiamo riconosciuto che il quadro dell’inflazione sta migliorando, ma ciò non significa che la Fed stia per dichiarare vittoria su di esso in alcun modo”, ha affermato Sarah House, capo economista di Wells Fargo.

Né l’economia globale è debole come molti si aspettavano, con un inverno mite che ha attenuato i problemi legati all’energia in Europa e mentre la Cina riapre da un blocco prolungato. Nella loro dichiarazione, i funzionari della Fed hanno sottolineato il fatto che la crescita globale è meno a rischio di quanto sembrava l’anno scorso, ignorando la linea secondo cui la guerra in Ucraina “sta pesando sull’attività economica globale”.

READ  Il Dow è in rialzo di 100 punti nel commercio instabile poiché gli investitori valutano solidi profitti e rendimenti più elevati

Invece, i politici della Fed hanno affermato che la guerra “stava contribuendo alla crescente incertezza globale”.

Tali segnali di resilienza economica potrebbero aiutare la Fed a ritirarsi da un atterraggio morbido, in quanto modera l’inflazione senza causare una profonda deflazione. D’altro canto, la continua forza economica può sostenere la domanda e impedire che gli aumenti dei prezzi si raffreddino a sufficienza, se la crescita si rivela troppo forte.

I funzionari della Fed si concentreranno su dove si sta dirigendo l’economia – e quanto pensano che debba rallentare – nei prossimi mesi, determinando quanto in alto possono aumentare i tassi e quanto tempo hanno bisogno per lasciarli alti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply