La diffusione del virus Corona sconcerta i residenti di Shanghai

Scritto da Brenda Goh

SHANGHAI (Reuters) – Veronica pensava di aver fatto tutto bene attenendosi a tutte le regole di lockdown dovute al COVID-19 nella città cinese di Shanghai.

Dopo che l’intera città è stata chiusa il 1 aprile, la sua famiglia di quattro persone ha meticolosamente seguito gli ordini del governo di rimanere a casa, uscendo dalla porta principale solo per un test PCR obbligatorio.

Quando le restrizioni sono state leggermente allentate a metà aprile, consentendo ai residenti di vagare all’interno dei loro complessi, Veronica e i suoi vicini hanno indossato maschere.

Per settimane, le loro proprietà residenziali sono state prive di COVID.

Ma alla fine di aprile, dopo quello che Veronica crede fosse il suo dodicesimo test PCR, lei, un altro membro della sua famiglia e alcuni vicini sono risultati positivi al virus.

“Non ho idea di come l’abbiamo scoperto”, ha detto Veronica, che ha rifiutato di fornire il suo nome completo, citando la privacy.

La sua costruzione fu dichiarata “chiusa”. Lei, la sua famiglia e altri risultati positivi sono stati mandati in quarantena. A qualcun altro è stato ordinato di entrare per altri 14 giorni.

“Ho seguito tutte le regole”, ha detto Veronica dal centro di quarantena dove lei e la sua famiglia erano prenotate con centinaia di persone in una spaziosa sala.

Veronica è tra le migliaia di persone che hanno contratto il COVID in veicoli privi di coronavirus e bloccati da settimane.

I casi sottolineano quanto sia difficile fermare la diffusione della variante altamente trasmissibile dell’Omicron poiché la Cina si attiene a una politica zero-COVID, perpetuando un ciclo di blocco, oltre a sconcerto, angoscia e rabbia.

READ  L'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite ha individuato 3 aree in cui gli Stati Uniti potrebbero intervenire presto contro l'Ucraina

Tra il 21 aprile e il 2 maggio, i residenti di 4.836 indirizzi diversi si sono trovati in una situazione simile, con infezioni emerse dopo settimane di chiarezza, secondo un esame Reuters dei dati del governo di Shanghai.

Solo il 30 aprile, 471 indirizzi sono stati registrati per aver trovato almeno un caso, dopo che nessuno era stato registrato nei 29 giorni precedenti. La popolazione di un determinato indirizzo varia da una manciata a centinaia.

Le misure di blocco a Shanghai sono state molto rigide, soprattutto durante le prime due settimane di aprile, quando ai residenti è stato permesso di uscire dalle piscine solo per motivi eccezionali, come le emergenze mediche. A molti non è permesso uscire dalla porta di casa per socializzare con i vicini.

Il numero di casi giornalieri di Shanghai è diminuito per sei giorni consecutivi, ma ogni giorno vengono ancora trovati migliaia di nuovi casi, alimentando speculazioni su come si diffonderà il COVID, il dibattito sulla saggezza della politica “zero COVID” e la paura del contagio.

lavoro, al punto

Durante la ricerca di risposte, molti residenti riferiscono di fare la fila per frequenti test PCR o consegne di cibo e altri articoli, che si affidano tutti a volontari, personale di gestione della proprietà e corrieri.

Alcune persone stanno persino iniziando a rifiutare i test PCR e ad imporre sanzioni per la non conformità.

Il governo di Shanghai, che ha richiesto un commento, ha fatto riferimento alle dichiarazioni rilasciate il 14 aprile dal funzionario sanitario della città Wu Huanyu, secondo il quale non è possibile escludere l’infezione attraverso la distribuzione di forniture, tra le altre possibilità.

READ  Passeggiata spaziale interrotta a causa di un problema con la tuta del cosmonauta russo

Gli esperti sanitari affermano che la continua diffusione indica la difficoltà della Cina a rispettare il suo obiettivo di sradicare il coronavirus emergente.

“La loro politica zero-COVID funziona in una certa misura, ma poi continueranno a subire un duro colpo, soprattutto quando non usano quel tempo per ottenere una copertura elevata per la popolazione più vulnerabile”, ha affermato Paul Hunter, M.D., professore di medicina all’Università dell’Est. Anglia, riferendosi ai tassi di vaccinazione relativamente più bassi in Cina rispetto ad altri luoghi.

Jaya Dantas, esperta di salute pubblica presso la Curtin School of Population Health australiana, ha affermato che l’approccio della Cina ha avuto costi elevati e che l’eliminazione completa della trasmissione richiederebbe mesi.

“È stato efficace ma davvero difficile con i test in corso in termini di risorse, occupazione e finanze”, ha detto. “E gli impatti sulla salute mentale sulla popolazione sono significativi”.

I blocchi a Shanghai e in dozzine di altre città hanno suscitato rare proteste pubbliche, soprattutto perché il continuo emergere di relativamente poche infezioni prolunga la reclusione di altri milioni.

Ogni nuovo caso ha molteplici conseguenze: una persona infetta dal virus COVID e i suoi contatti stretti devono andare in quarantena. Tutti i vicini nel loro edificio devono essere isolati per 14 giorni, con l’orologio che si azzera ogni volta che viene trovato un nuovo caso.

Veronica dice di essere rimasta sfregiata dall’esperienza.

“Non lasciare il tuo appartamento”, ha detto, “ma non so nemmeno se questo aiuta più.”

(Segnalazione di Brenda Goh; Segnalazione aggiuntiva di Natalie Grover a Londra; Montaggio di Tony Munro e Robert Percell)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply