La cosa più eccitante della scienza è quando scopriamo che ci sbagliamo

Lo spazio è molto caldo in questo momento. Missione Artemis I senza equipaggio In viaggio verso l’orbita lunare, è la prima di una serie di missioni che prevedono di riportare gli esseri umani sulla luna entro la fine del decennio. passeggiata nello spazio La Stazione Spaziale Internazionale è crollata questa settimana, e lo è stata Hanno trasmesso in diretta. Li avevamo La merda oscilla contro gli asteroidi Per dimostrare la nostra capacità. E il nostro nuovo amico, il James Webb Space Telescope, sta facendo la sua parte, rivedendo silenziosamente la nostra intera comprensione di come funziona l’universo.

Il JWST fluttua a un milione di miglia dalla Terra e invia immagini che fanno sembrare Hubble un vero pezzo di merda. Comprensibilmente, le foto di Webb che ottengono i titoli dei giornali lo sono Quelli che fanno impazzire—Immagini particolarmente belle o stupende che ispirano soggezione. Il Web prende ancora molti di quelli. Ma quelle immagini artistiche sono, in un certo senso, il telescopio delle pubbliche relazioni per giustificare la loro esistenza al grande pubblico. La vera scienza accade nell’analisi di dati meno entusiasmanti: cose che non sono nemmeno nello spettro visibile, o nell’analisi ravvicinata di immagini relativamente poco spettacolari. La grande novità di ieri arriva da queste foto d’azione.

Scienze: NASA, Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Canadese, Tommaso Trio (Università della California); Elaborazione delle immagini: Zolt G. Levay (STScI)

Mi rendo conto che sto correndo il rischio di svendere questo, quindi: naturalmente Queste foto sono fantastiche, anche se non lo sono pilastri della creazione. E ciò che mostrano – cioè ciò che è esploso nella Figura 2 in basso al centro – è una formula assoluta che si fonde nel cervello. È la galassia GLASS-z12, e si ritiene che abbia 13,45 miliardi di anni, o solo 350 milioni di anni dopo che l’universo è nato nel Big Bang. È la luce stellare più lontana che abbiamo mai visto.

READ  La NASA ha dichiarato che la missione InSight su Marte terminerà quest'anno

Ma non era solo l’esistenza di una galassia a entusiasmare gli scienziati: sapevamo già che ci sarebbero state galassie in quel periodo e sapevamo che l’imaging superiore di JWST le avrebbe rivelate. Ciò che era inaspettato era quanto fosse facile da trovare.

“Sulla base di tutte le previsioni, abbiamo pensato di dover cercare in un’area molto più ampia per trovare tali galassie”, ha dichiarato Marco Castellano dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma, che ha guidato Uno Da Due Articoli di ricerca pubblicati giovedì in Lettere del diario astrofisico. Gli scienziati avevano un modello, basato sulla comprensione attuale, di quante di queste galassie luminose e completamente formate nei primi giorni dell’universo sarebbero state presenti lì. Questo modello prevedeva che per trovarlo sarebbe stato necessario un pezzo di cielo circa 10 volte più grande di quello catturato da Webb. Invece, scansiona il Web velocemente Due Queste galassie, scoperte dagli scienziati entro pochi giorni dalla pubblicazione dei dati per lo studio.

Ciò significa che è che i nostri modelli erano sbagliati e che le galassie luminose e densamente popolate potrebbero essersi formate più velocemente e più frequentemente dopo la fine del Medioevo stellare, circa 100 milioni di anni dopo il Big Bang, quando le condizioni nell’universo primordiale consentirono finalmente l’inizio della gravità costruendo stelle – di quanto avessimo immaginato.

Abbiamo sbagliato! È così carino! Sai che ci sbagliavamo, tipo, l’intero punto letterale della scienza! Sapere che i nostri modelli e le nostre previsioni erano imprecisi ci consente di creare nuovi modelli per spiegare meglio le osservazioni, avvicinandoci all’avere ragione. La scienza iterativa e queste piccole scoperte, piuttosto che immagini grandi e scintillanti, sono il modo in cui il JWST ci aiuterà a scrivere e riscrivere la storia primordiale del nostro universo.

READ  Gli scienziati di Princeton risolvono un mistero batterico

“Queste note ti fanno esplodere la testa.” ha dichiarato Paola Santini, coautore di Castellano et al. carta. “Questo è un capitolo completamente nuovo dell’astronomia. È come uno scavo archeologico, e all’improvviso trovi una città perduta o qualcosa che non conoscevi. È incredibile.”

Queste due nuove galassie fanno alcune osservazioni interessanti. E questo è Molto più luminoso di quanto ci aspettassimo e più luminoso di qualsiasi altra cosa più vicina alla Terra. “La sua estrema luminosità è un vero enigma”, ha detto Pascal Ochs, coautore del secondo articolo pubblicato oggi. Ma c’è una possibilità allettante. Si presume che all’inizio dell’Universo le stelle fossero costituite solo da idrogeno ed elio, semplicemente perché non avevano ancora avuto il tempo di produrre elementi più pesanti mediante la fusione nucleare. Quelle cosiddette stelle di Popolazione 3 sarebbero incredibilmente calde e incredibilmente luminose, e sebbene sia stata una teoria da molto tempo, non è mai stata notata. Forse ancora.

Questa è, letteralmente, merda calda. Grazie web.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply