La Corte Suprema afferma che Biden può porre fine alla politica di immigrazione dell’era Trump “rimanere in Messico”.

Fin dall’inizio della sua amministrazione, Biden ha cercato di soffocare la politica, rimandando in Messico alcuni cittadini non messicani che erano entrati negli Stati Uniti – invece di trattenerli o rilasciarli negli Stati Uniti – dove si svolgevano le loro attività di immigrazione. Fuori.

La sentenza 5-4 è stata e la legge sull’immigrazione offre al governo federale la possibilità di interrompere il programma, formalmente noto come Codice di protezione dell’immigrazione. Il caso tornerà ai tribunali inferiori per ulteriori azioni sul suo recente tentativo di porre fine al progetto. C’è un ostacolo nel tentativo di Biden di completare il progetto, ma la sentenza di giovedì ha suggerito che l’ordine dovrebbe essere revocato presto.

Scrivendo per la maggioranza, il Presidente della Corte Suprema John Roberts ha chiarito che la legge sull’immigrazione in materia” Opzionale Il potere di rimpatriare gli stranieri in Messico mentre le loro attività di insediamento sono in sospeso”.

L’uso della parola “può” nella questione legale “rende chiaro che il ritorno territoriale continuo (DHS) è uno strumento per il segretario di avere “autorità ma non dovere”, ha scritto Roberts.

La decisione della Corte Suprema è una vittoria importante per l’agenda sull’immigrazione di Biden, poiché l’amministrazione ha subito una serie di perdite nei tribunali di grado inferiore nei suoi sforzi per cambiare le drastiche politiche sull’immigrazione di Trump. Molti Stati rossi hanno contestato la sospensione delle politiche di protezione dell’immigrazione e hanno intentato causa contro gli altri tentativi di Biden di rompere con l’approccio aggressivo del suo predecessore.

Roberts è stato raggiunto dai giudici liberali e dal giudice Brett Kavanagh, e Kavanagh ha presentato un’opinione concordante. I giudici Samuel Alito e Amy Connie Barrett hanno scritto opinioni dissenzienti, insieme ad altri manifestanti.

La corte ha stabilito che i tribunali di grado inferiore dovrebbero ora valutare se il governo rispetta l’ultima legge – l’amministrazione Biden, in una nota emessa ad ottobre – per porre fine alla politica di mandato di Trump.

Il tentativo di Biden di fermare il progetto è stato contestato da un tribunale della Red States Coalition guidato dal Texas, sostenendo che la sua conclusione era illegale ai sensi della legge sull’immigrazione. Hanno anche affermato che l’amministrazione stava violando il Codice di condotta – che le agenzie dovrebbero adottare determinate misure pratiche durante l’attuazione della politica – e come ha infranto l’etica della protezione dell’immigrazione.

READ  Google rilascia nuovi cookie popup in Europa con la possibilità di "eliminare tutto"

I tribunali di grado inferiore, che hanno rifiutato di prendere in considerazione la nota di ottobre, esamineranno ora se l’ultimo tentativo di porre fine al piano sia in linea con il diritto di procedura amministrativa.

Roberts scrive che l’autorità del governo di rilasciare alcuni immigrati sulla parola, piuttosto che trattenerli o deportarli in Messico, non è “illimitata”, mentre la legge sull’immigrazione richiede che la libertà condizionale sia utilizzata “caso per caso”.

“E ai sensi dell’APA, l’esercizio della discrezionalità all’interno di tale quadro giuridico (del Dipartimento per la sicurezza interna) deve essere equo ed equo”, ha affermato Roberts.

Citando una sentenza del tribunale giovedì, ha affermato che il tribunale di grado inferiore non è riuscito a impedire che il piano di Biden venisse interrotto.

I tribunali della prossima tornata di cause su “Resta in Messico” non hanno il potere di fermare il tentativo di Biden di completare il progetto, ma non è immediatamente chiaro se la direzione possa completare immediatamente la politica.

Avere giurisdizione sotto la magistratura potrebbe impedire futuri tentativi di sfidare le politiche di immigrazione delle amministrazioni democratiche e repubblicane in tribunale, il che significa che gli attivisti per i diritti dell’immigrazione potrebbero aver avuto successo a breve termine con la sentenza di giovedì, mentre hanno subito battute d’arresto a lungo termine. .

“Siamo lieti che la decisione di oggi porrà fine al programma brutale e disumano in Messico. Aaron Reichlin-Melnick, direttore politico del Consiglio per l’immigrazione degli Stati Uniti, ha affermato in una nota. “Limitare l’accesso alla giustizia per contestare i casi di applicazione dell’immigrazione costituisce un pericoloso precedente dando alle agenzie il potere illimitato di arrestare, detenere ed espellere”.

Il piano, attuato per la prima volta nel 2019 sotto l’allora presidente Donald Trump, è stato criticato dai difensori dei diritti dell’immigrazione, sostenendo che è disumano ed espone i richiedenti asilo a condizioni pericolose e abusive in Messico con affermazioni credibili.

Prima che l’amministrazione Trump implementasse il programma “Resta in Messico”, nessun’altra amministrazione aveva adottato un approccio del genere nei confronti dei richiedenti asilo non messicani. Biden ha fatto una campagna per porre fine alla politica, dicendo che era “contro tutto ciò che rappresentiamo come nazione di immigrati”.

Nel mezzo di massicce migrazioni nell’emisfero occidentale, Biden ha lottato con l’aumento dei valichi di frontiera durante la sua amministrazione. Da ottobre, i funzionari di frontiera hanno incontrato più di un milione di immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico, sebbene molti siano stati deportati in base a una regola separata di emergenza epidemica. Tuttavia, il Dipartimento per la sicurezza interna sostiene che la politica del “rimanere in Messico” ha un costo umano elevato e che le risorse non vengono utilizzate in modo efficace.

READ  UEFA Champions League Live: il Liverpool segna contro il Villarreal

Giovedì, gli avvocati per i diritti dell’immigrazione hanno celebrato il verdetto. Taylor Levy, un avvocato specializzato in immigrazione che ha lavorato su centinaia di casi MPP, ha affermato in una dichiarazione che “il successo di decine di migliaia di persone che vivono in Messico è stato inimmaginabile”.

Judy Rabinowitz, consigliere speciale del Programma per i diritti di immigrazione dell’ACLU, ha affermato nella dichiarazione che una volta che il caso è tornato alla corte di grado inferiore, l’amministrazione Biden potrebbe agire rapidamente per porre fine finalmente al suo “soggiorno in Messico”. Il risultato è stato lungo e ingiustamente ritardato».

Secondo il Dipartimento di Giustizia di Biden, la legge sull’immigrazione in materia non ha spiegato in precedenza la necessità di espellere i migranti in Messico.

“Ogni amministrazione presidenziale comprende che questa sia un’autorità completamente discrezionale.

Ha anche affermato che la pratica di “stare in Messico” non avrebbe risolto il problema essenziale: il Congresso aveva consigliato ai funzionari dell’immigrazione di trattenere i richiedenti asilo.

“Il ritorno in territorio continuo non potrebbe essere la soluzione qui”, ha affermato Preloger, aggiungendo che mentre l’amministrazione Trump stava attuando la politica, solo il 6,5% degli immigrati incontrati al confine era iscritto al programma.

“Ha restrizioni intrinseche”, ha detto Preloger, indicando l’acquisto di una nazione sovrana, il Messico.

Nella sua collaborazione, Kavanagh ha denunciato “l’incapacità decennale dei rami politici di fornire al DHS strutture adeguate per trattenere i non cittadini che cercano di entrare negli Stati Uniti in attesa delle loro attività di immigrazione”.

In un disaccordo congiunto con i giudici Clarence Thomas e Neil Korsch, ha scritto che il governo stava “cercando di liberare un numero indicibile di stranieri in questo paese”.

“Questa pratica viola le chiare disposizioni della legge, ma il tribunale la vede diversamente”, ha scritto.

Il giudice Amy Connie Barrett, insieme ad altri tre oppositori, ha scritto un parere dissenziente, affermando di non ritenere che i tribunali inferiori avessero il potere di raggiungere le questioni legali alla base del caso.

READ  Gli Stati Uniti sono stati scossi da 3 massicce sparatorie durante il fine settimana di Pasqua; 2 persone sono morte

Biden ha cercato per la prima volta di sospendere il piano nel giorno della sua inaugurazione nel 2021, provocando una causa da parte degli Stati rossi. Quel giugno, il segretario del DHS Alejandro Myorgos ha emesso una nota che poneva formalmente fine alla politica, ma un giudice federale del Texas ha bloccato la mossa ad agosto. Pochi giorni dopo la Corte Suprema rifiutò di annullare quella sentenza e l’appello era terminato, richiedendo a Biden di rinnovare di fatto “il soggiorno in Messico”.

In ottobre, Mayerkas ha pubblicato una nuova nota che cerca di affrontare le carenze procedurali menzionate nella sentenza di agosto del tribunale distrettuale. Se la nota di ottobre abbia ribaltato le precedenti sentenze ritenendo che la 5a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti non lo abbia fatto è oggetto di controversia nei procedimenti dei tribunali di grado inferiore.

La politica è stata rilanciata lo scorso dicembre. L’Organizzazione internazionale per le migrazioni afferma che oltre 5.000 immigrati sono tornati in Messico nell’ambito del programma. Nicaragua, Cuba, Colombia e Venezuela sono tra le gare nazionali elencate nel programma.

Soccorso di migranti al confine tra Stati Uniti e Messico tra caldo estremo e livelli dell'acqua alti

La questione più importante nel caso è la quantità di volontà lasciata al potere esecutivo dalle leggi sull’immigrazione, che sono state modificate in diverse occasioni nel secolo scorso. Una norma di legge afferma che le richieste dei richiedenti asilo sono ancora “verificate” e che tali azioni sono pendenti.

Un’altra norma adottata nel 1996 prevedeva che gli immigrati potessero “ritornare” al governo federale, che attende ancora le loro operazioni nel territorio in cui sono entrati. Un’altra regola afferma che, in base a “ogni caso”, i funzionari dell’immigrazione possono rilasciare l’immigrato in attesa del processo.

Gli oppositori dell’amministrazione Biden in questo caso hanno sostenuto che l’amministrazione dovrebbe rilasciare gli immigrati sulla parola, il che va oltre lo schema “caso per caso” delineato nella legge.

“I firmatari non vogliono scegliere tra le opzioni offerte dal Congresso, ovvero la detenzione, la libertà vigilata individuale o l’espulsione di uno straniero chiuso”, ha affermato succintamente il Texas. “Stanno invece cercando il potere degli Stati Uniti per liberare in massa le classi aliene”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply