La candidatura dell’Ucraina all’UE rafforzerà l’Europa mentre la Russia minaccia la libertà – Zelensky

  • La candidatura dell’Ucraina all’Unione Europea rafforzerà l’Europa – Zelensky
  • Il presidente del Consiglio europeo afferma: “Il nostro futuro è insieme”
  • Una candidatura all’Unione Europea farebbe arrabbiare Mosca
  • La Russia continua a bombardare il Donbass

Kiev (Reuters) – Il presidente Volodymyr Zelensky ha affermato che la candidatura formale dell’Ucraina all’adesione all’Unione europea è stato un passo importante verso il rafforzamento dell’Europa in un momento in cui la Russia stava mettendo alla prova la sua libertà e unità.

La Russia ha continuato la sua offensiva a tutto campo nella regione del Donbass nell’Ucraina orientale venerdì, il giorno quattro mesi dopo che il presidente Vladimir Putin ha invaso il suo vicino, scatenando il più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale, uccidendo migliaia di persone, sradicando milioni di persone e riducendo le città in macerie.

Ha anche innescato una crisi energetica e alimentare globale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Dopo non aver ottenuto una rapida vittoria catturando Kiev, le forze di Putin sono ora concentrate sul controllo dell’Ucraina orientale in quella che è diventata una guerra di logoramento, senza fine, e il rischio che il conflitto si estenda all’Europa.

Zelensky ha detto giovedì ai leader dell’Unione Europea a Bruxelles che la loro decisione di accettare la candidatura di Kiev è stata tra le più importanti dell’Ucraina dalla sua separazione dall’Unione Sovietica 31 anni fa.

“Ma questa decisione non è stata presa esclusivamente nell’interesse dell’Ucraina. È il più grande passo verso il rafforzamento dell’Europa che si sarebbe potuto fare ora, ai nostri giorni, quando la guerra russa sta mettendo alla prova la nostra capacità di mantenere la libertà e l’unità”, ha affermato .

READ  parere | La vittoria di Doug Ford in Ontario dovrebbe essere un campanello d'allarme contro l'inazione

Dopo la decisione, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha twittato: “Un momento storico”, aggiungendo: “Il nostro futuro è insieme”. Leggi di più

L’approvazione della candidatura di Kiev all’Unione Europea farebbe infuriare la Russia, interessata alle strette relazioni dell’Ucraina con l’Occidente.

Mosca ha lanciato la sua “operazione militare speciale” il 24 febbraio per proteggere i suoi confini. Kiev e l’Occidente affermano che Putin ha lanciato un’invasione non provocata.

Anche la Moldova è diventata un candidato ufficiale per l’Unione Europea, indicando l’intenzione del blocco di penetrare in profondità nell’ex Unione Sovietica.

Il percorso verso l’adesione all’UE sarà un enorme stimolo per il morale in Ucraina, ma sarà lungo e potrebbe richiedere anni.

Zelensky ha promesso di non riposare fino a quando la sconfitta e la piena adesione della Russia non saranno state assicurate.

“Possiamo sconfiggere il nemico, ricostruire l’Ucraina, entrare nell’Unione Europea e poi possiamo riposare”, ha detto in un video diffuso dal suo ufficio.

La mossa di Ucraina e Moldova di aderire all’Unione Europea va di pari passo con le richieste di Svezia e Finlandia di aderire alla NATO sulla scia dell’invasione russa – indicazioni che le azioni militari del Cremlino si stanno ritorcendo contro i suoi obiettivi geopolitici.

assassini russi

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha affermato che gli attacchi russi per impadronirsi del Donbass, il cuore industriale dell’Ucraina, sono continuati mentre Mosca cercava di collegarlo alla penisola della Crimea già occupata nel sud. Mosca ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014.

Lo stato maggiore ucraino ha affermato che le forze russe stanno bombardando le infrastrutture civili in diverse città. Mosca nega di prendere di mira i civili, ma Kiev e l’Occidente hanno accusato le forze russe di aver commesso crimini di guerra contro i civili.

READ  Xi chiede più leggi tecniche e punta a una maggiore regolamentazione in futuro

L’obiettivo principale delle truppe russe erano le città gemelle di Severodonetsk e Lysechhansk, che si trovano sulle sponde opposte del fiume Seversky Donets nella provincia di Luhansk.

Il governatore della regione ucraina ha dichiarato venerdì che le forze ucraine “dovranno ritirarsi” dalla regione prevalentemente russa di Severodonetsk. Leggi di più

Alcune delle battaglie più feroci dell’intera invasione russa sono scoppiate a Severodonetsk, dove le battaglie strada per strada sono in corso da un mese, con la Russia che lentamente e aggressivamente ha conquistato più territorio.

“Rimanere in posizioni che sono state fatte a pezzi per diversi mesi solo per rimanere lì non ha senso”, ha detto in televisione il governatore di Luhansk Serhi Gaidai.

Lo stato maggiore ha affermato che la Russia ha lanciato attacchi di bombardamenti con carri armati, mortai, artiglieria e aerei vicino a Lyschansk, Severodonetsk, Béla Hora, Vovchoyarvka, Sberny e Perestovo.

Reuters non ha potuto verificare immediatamente i rapporti.

Lo stato maggiore russo ha aggiunto che le forze russe stavano ostacolando le comunicazioni navali ucraine nella parte nord-occidentale del Mar Nero e stavano cercando di riprendere l’offensiva nella regione di Mykolaiv.

Mykolaiv, un porto fluviale e un centro di costruzione navale al largo del Mar Nero, era un baluardo contro gli sforzi russi di dirigersi a ovest verso la principale città portuale di Odessa in Ucraina.

Zelensky ha esortato gli alleati dell’Ucraina ad accelerare le spedizioni di armi pesanti per eguagliare la Russia sul campo di battaglia.

Il ministro della Difesa ucraino ha affermato che più sistemi missilistici HYMARS erano arrivati ​​dagli Stati Uniti.

Giovedì, funzionari statunitensi hanno affermato che gli Stati Uniti forniranno ulteriori 450 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza all’Ucraina, inclusi più sistemi missilistici a lungo raggio. Leggi di più

READ  Gli Stati Uniti vietano le importazioni di petrolio russo e Biden avverte dei "costi"

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna è pronta ad aiutare a liberare le mine al largo della costa meridionale dell’Ucraina e sta valutando la possibilità di fornire un’assicurazione per le navi per il trasporto di milioni di tonnellate di grano bloccate nel paese. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. scrittura di Michael Berry; A cura di Himani Sarkar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply