La bolla immobiliare si prepara a scoppiare: le vendite in attesa scendono a giugno, le scorte aumentano, i prezzi salgono a causa dell’aumento dei tassi ipotecari

Improvvisamente appare il display represso: quelle case vuote che nessuno avrebbe considerato vacanti.

di Lupo Richter per Via del lupo.

Negli ultimi due anni, la storia è stata che non ci sono scorte da vendere, che c’è una carenza di alloggi, motivo per cui i prezzi sono aumentati. Poi ci sono state altre persone come me che hanno sottolineato più e più volte che le persone non hanno messo in vendita le loro vecchie case dopo averne acquistata una nuova, che queste persone ora possiedono due o tre case e che andranno a cavallo il mercato immobiliare più caldo di sempre con prezzi in aumento del 20% o 30% o più all’anno, e poi vendono quelle case vuote che nessuno ha mai considerato libere.

E poiché vivevano già in una casa, potevano vendere le loro case vuote senza doverne acquistare un’altra. Questo è il “stock ombra” che ora sta entrando nel mercato, proprio quando i tassi dei mutui sono aumentati e le vendite stanno scendendo. E per far muovere le cose, i tagli dei prezzi sono alle stelle.

Offerta soppressa, vendite in calo: è solo l’inizio, ma sta succedendo.

I menu attivi sono saltati A giugno è aumentato del 20% rispetto a maggio e del 19% rispetto allo scorso anno, il secondo aumento annuale consecutivo dopo un balzo dell’8% a maggio, entrambi i primi aumenti annuali da giugno 2019. Ci sono stati circa 98.000 persone Di più Case in vendita a giugno rispetto allo scorso anno, secondo i dati della National Association of Realtors di oggi (dati in agente immobiliare.com):

Le inserzioni attive sono saltate per due motivi:

Le vendite di ONE, in attesa di giugno, sono diminuite del 16% su base annuaDopo un calo del 12% a maggio e un calo del 9% ad aprile, i potenziali acquirenti hanno perso interesse per l’aumento dei prezzi delle case e dei tassi ipotecari. Si tratta di inserzioni in varie fasi del processo di vendita, ma prima della conclusione dell’affare. Giugno è stato il decimo mese consecutivo di calo anno su anno. A giugno, NAR ha riferito che “Le vendite chiuse sono diminuite a maggio per il decimo mese consecutivo. Questo non fa ben sperare per le vendite chiuse di giugno:

READ  La donazione di 5,7 miliardi di dollari di Elon Musk solleva interrogativi sulla donazione

Due, nuove inserzioni sono aumentate a giugno a 562.000 abitazioni, il secondo livello più alto di giugno degli ultimi anni, dopo solo giugno 2019. E, cosa interessante, i nuovi menu rosa a giugno, quando negli anni normali ha raggiunto il picco a maggio ed è diminuito a giugno. Ho ruotato i giugno precedenti (dati tramite realtor.com).

I tagli ai prezzi sono aumentati vertiginosamente del 50% in giugno da maggio e sulla debolezza Su base annuale, mentre i venditori cercano di convincere gli acquirenti a presentarsi e dare un’occhiata mentre il traffico pedonale è crollato e le guerre di offerte sono regredite in bei ricordi. Questo è un ripristino improvviso. Ma più venditori hanno a che fare con una nuova realtà: i prezzi devono andare dove sono gli acquirenti e gli acquirenti sono da qualche parte, ma molto più bassi (dati tramite realtor.com):

Tariffe ipotecarie sacre – così chiamato perché è quello che dicono le persone quando vedono per la prima volta la rata del mutuo per una casa che vogliono comprare – intorno al 6% per un mutuo fisso di 30 anni, il doppio di quello che erano nel 2020 (dati tramite realtor.com).

Questo tipo di tassi ipotecari, essendo raddoppiati non molto tempo fa, e i prezzi delle case che sono aumentati del 40% o più nello stesso periodo di due anni sono una pessima combinazione. Qualcosa ha da offrire e non saranno gli acquirenti – perché non possono, sono intrappolati – ma i venditori. Oppure non c’è accordo.

e acquirenti chi Potevo Comprano, famosi acquirenti in contanti, loro non voglio Acquistate anche a questi prezzi, ora che la follia sta cominciando a uscire dal mercato. Nessuno vuole pagare più del dovuto al culmine della frenesia per quello che era un mercato completamente folle.

READ  Bitcoin scivola dopo che il prestatore di criptovalute Celsius Network ha bloccato i prelievi

Grande differenza negli elenchi tra le 50 aree metropolitane più grandi.

Tra le 50 aree metropolitane più grandi, il numero di inserzioni attive a giugno è aumentato di più ad Austin (+144% anno su anno), Phoenix (+113%) e Raleigh (112%). In altre 31 regioni del centro le quotazioni attive sono aumentate a doppia cifra. Le quotazioni attive sono diminuite solo in alcune aree centrali, guidate da Chicago (-13%), Virginia Beach (-14%) e Miami (-16%).

La tabella è ordinata per variazione percentuale annuale degli elenchi attivi (dati tramite realtor.com):

Le più grandi aree metropolitane, annunci attivi, giugno 2022 Variazione percentuale anno su anno
Austin-Round Rock, Texas 144%
Phoenix Mesa Scottsdale, Arizona 113%
Raleigh, Carolina del Nord 112%
Salt Lake City, Utah 98%
Nashville Davidson – Murfreesboro – Franklin, Tennessee 86%
Riverside-San Bernardino-Ontario, California 72%
Seattle Tacoma Bellevue, Washington 66%
Sacramento – Roseville – Arden – Arcade, California 65%
Dallas Fort Worth Arlington, Texas 62%
Denver Aurora Lakewood, Colorado 58%
Tampa St. San Pietroburgo Clearwater, Florida 56%
Tucson, Arizona 55%
San Antonio – New Braunfels, Texas 54%
San Francisco-Oakland-Hayward, California 46%
Paradiso di Henderson di Las Vegas, Nevada 45%
Jacksonville, Florida 38%
Oklahoma City, va bene 37%
Charlotte Concord Gastonia, Carolina del Nord 37%
San Jose, Sunnyvale, Santa Clara, California 34%
Memphis, Fig.- MS-AR 33%
Orlando Kissimmee Sanford, Florida 31%
Portland Vancouver Hillsboro, Oregon, Washington 31%
Kansas City, Missouri 28%
Birmingham Hoover, AL 26%
San Diego Carlsbad, California 25%
Atlanta Sandy Springs – Roswell, Georgia 23%
Indianapolis-Carmel-Anderson, IN 22%
Contea di Louisville/Jefferson, Kentucky 22%
Los Angeles Long Beach – Anaheim, California 20%
Detroit Warren Dearborn, Michigan 18%
New Orleans-Metairie, Los Angeles 16%
Buffalo Chictoaga Cascate del Niagara, New York 13%
Colombo, Ohio 12%
Houston-The Woodlands-Sugar Land, Texas 10%
Providence Warwick, RI-MA 6%
St. Louis, Missouri-IL 5%
Cincinnati, oh-ki-in 5%
Pittsburgh, Pennsylvania 4%
Washington-Arlington-Alessandria, DC-VA-MD-WV 2%
Baltimora Columbia Towson, MD 1%
Boston-Cambridge-Newton, MA-NH 0%
New York – Newark – Jersey City, New York – New Jersey – Pennsylvania 0%
Minneapolis St. Paul Bloomington, Minnesota, Wisconsin 0%
Cleveland Illiria, Ohio -2%
Philadelphia Camden Wilmington, PA-NJ-DE-MD -2%
Rochester, New York -4%
Milwaukee-Waukisha-West Alice, Wisconsin -4%
Richmond, Virginia -6%
Chicago Naperville Elgin, IL-IN-WI -13%
Virginia Beach – Norfolk – Newport News, Virginia, Carolina del Nord -14%
Miami, Fort Lauderdale, West Palm Beach, Florida -16%
READ  Le consegne di Tesla sono aumentate nel trimestre che Elon Musk descrive come eccezionalmente difficile

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi supportarlo? Usa gli ad blocker – capisco perfettamente il motivo – ma vorresti supportare il sito? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Clicca su un bicchiere di birra e tè freddo per imparare a farlo:

Vuoi essere avvisato via email quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply