Kohl è un pasticcio in più di un modo

Giovedì la catena di supermercati ha offerto una prospettiva cupa per il 2022, affermando che prevede un calo delle vendite per l’intero anno dal 5% al ​​6% rispetto allo scorso anno e ha accusato l’elevata inflazione di impedire agli acquirenti, in particolare ai consumatori a reddito medio, di spendere di più. nei suoi negozi. La società ha anche registrato un calo delle vendite e dei profitti per il trimestre terminato il 30 luglio.

Le azioni di Kohl sono scese di oltre il 4% negli scambi mattutini.

Ma l’economia non è il suo unico problema. Cole, (KSS) Simile ad altre grandi catene tra cui mirare (TGT) E il Walmart (WMT)bloccato con un sacco di scorta in eccedenza che non può essere cancellato. L’inventario della catena nel trimestre è stato del 48% superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

“Abbiamo rivisto i nostri piani e implementato misure per ridurre le scorte e ridurre i costi per soddisfare le aspettative di una domanda inferiore”, ha dichiarato il CEO di Cole Michael Gass in una nota.

Ovviamente instabile

Con oltre 1.100 negozi negli Stati Uniti e circa 19 miliardi di dollari di vendite annuali, Kohl’s è la più grande catena di grandi magazzini degli Stati Uniti. Ma l’azienda ha lottato per trovare una via da seguire da sola.

Kohl che galleggia e poi tira l’idea Vendersi al Franchise Group (FRG), la holding che possiede The Vitamin Shoppe e altri marchi di vendita al dettaglio.
Il rivenditore prova una varietà di approcci per rimanere rilevante, soprattutto per i consumatori più giovani. E ha recentemente collaborato con il famoso marchio di cosmetici Sephora per aprirlo Minimarket Sephora le loro posizioni. Kohl’s ha affermato che la mossa ha aiutato a guadagnare 1 milione di nuovi clienti dallo scorso agosto che sono più giovani, più diversificati e fanno acquisti più frequentemente del consumatore medio.

E la scorsa settimana, il rivenditore ha annunciato che lancerà un’opzione di ritiro automatico in tutti i suoi negozi online entro due ore.

READ  Futures Dow: i tecnici guidano il mercato azionario verso la ripresa; Gli investitori vedono la fine del rialzo dei tassi della Fed

Tutti questi sforzi, sebbene necessari per Kohl’s, ha affermato Neil Saunders, analista di vendita al dettaglio e amministratore delegato di GlobalData Retail, non possono mascherare completamente il problema alla base della catena.

“A nostro avviso, la principale fonte dei problemi di Kohl è interna. In particolare, l’azienda ha perso terreno in termini di marketing e pianificazione della gamma e sembra adottare un approccio casuale all’acquisto. Il risultato è un guazzabuglio di prodotti smontati nei negozi , esacerbato da un gravissimo deterioramento degli standard di gestione del negozio”, ha affermato Saunders in una nota giovedì.

“Era solo che, sebbene Coles fosse un po’ poco stimolante, era sia disciplinato che elegante nella sua presentazione. Nell’ultimo anno, è andato tutto fuori dalla finestra”, ha detto Saunders. “In questo tipo di ambiente economico, i consumatori abbandoneranno rapidamente acquisti e negozi ad alto sforzo per una ricompensa molto piccola”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply