Justin Thomas alla LIV Golf Invitational Series parla di questo sport: “È triste”

Brooklyn, Messa. – Giustino Tommaso Non ha giocato una sola buca lunedì durante il turno di prove degli US Open al Country Club, ma non importava. C’erano ancora molte domande per lui, principalmente sulla LIV Golf Invitational Series, di cui lo stesso Thomas ha detto che era stato il discorso all’interno dello sport nelle ultime settimane.

“Non puoi andare da nessuna parte senza che nessuno lo menzioni”, ha detto Thomas. “È triste. Questi sono gli US Open, questo è un posto incredibile, un posto con così tanta storia, una portata incredibile, così tante trame, eppure questo sembra essere l’argomento di tutte le domande. È un peccato”.

Tuttavia, Thomas era più che disposto a rispondere alle domande su LIV e condividere i suoi pensieri sulla lega di golf sostenuta dall’Arabia Saudita.

“Sinceramente egoisticamente, non voglio che nessuno se ne vada”, ha detto Thomas. “Tutto quello che posso fare è difendere il mio caso. Ma tutti qui sono adulti, possono prendere le proprie decisioni”.

Il giocatore numero 5 al mondo in classifica ha detto di non essere sorpreso dai giocatori in partenza per Liv, in particolare Phil Mickelson E il Bryson De Shampooma era rattristato dal fatto che le decisioni dei giocatori di andarsene avrebbero potuto danneggiare il PGA Tour.

“Ne stavano parlando non solo a molti dei loro coetanei, ma anche ad altre persone”, ha detto Thomas. “Sono soldi astronomici che spendono per le persone. Ognuno ha un prezzo per tutto.”

Il round ha sospeso 17 giocatori che hanno partecipato all’evento inaugurale LIV della scorsa settimana. L’USGA ha consentito a questi giocatori di giocare agli US Open se si sono qualificati o se è stata concessa un’esenzione. Alla domanda su come si aspetta che le principali società saranno colpite dalla scissione dello sport, Thomas ha detto che era in conflitto.

READ  La proposta della MLB CBA includeva il diritto di ridurre il numero di punti disponibili per i roster della lega minore

“Voglio solo giocare contro i migliori del mondo e voglio avere la possibilità di provare a vincere i grandi trofei”, ha detto Thomas. “Detto questo, i migliori giocatori del mondo devono essere qui, ma allo stesso tempo non voglio necessariamente che i ragazzi siano in grado di fare entrambe le cose”.

Thomas ha riconosciuto di non poter controllare questa decisione e che le major erano in una posizione difficile per il futuro. E mentre l’apparizione di LIV potrebbe influenzare negativamente lo stato del PGA Tour, che Thomas ha detto di aver sempre voluto far parte della crescita, ha ribadito di aver cercato di separare la decisione dalla persona che la prende.

“Puoi non essere d’accordo con la decisione”, ha detto Thomas. “Probabilmente vorresti che avessero fatto qualcosa di diverso”. “Ma per le persone a casa a dirlo Dustin Johnson Ora è una persona cattiva, non è giusto. …Vorrei che non l’avesse fatto, e ne sono un po’ triste? Sì, ma è così. Devi solo andare avanti e sfruttare al meglio quello che hai”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply