John Vicentine, CEO di Xerox, muore a 59 anni

John Vicentine, CEO di Xerox, che ha guidato l’azienda di imaging e tecnologia attraverso una tempestosa pandemia in un momento in cui la domanda di documenti stampati e inchiostro è diminuita, è morto martedì. Aveva 59 anni.

Il signor Vicentin, che è diventato amministratore delegato nel maggio 2018 ed è stato anche vicepresidente del consiglio, è morto per “complicazioni di una malattia in corso”, ha affermato la società in una nota. dichiarazione. Un portavoce della Xerox non ha fornito dettagli sulla malattia né ha detto se il signor Vicentin ne avesse parlato all’azienda.

La società ha affermato che Steve Bandruchak, presidente e direttore operativo di Xerox, fungerà da CEO ad interim.

“La visione di John era chiara e il team Xerox continuerà a fornire, non solo per adempiere ai nostri impegni nei confronti dei nostri azionisti, clienti e partner, ma anche per seguire l’eredità di John”, ha affermato Bandrochak in una nota.

Prima di assumere la posizione di vertice in Xerox, Visentin è stato immerso nel mondo della tecnologia e degli affari: è stato consulente del Presidente del Consiglio di amministrazione di Exela Technologies, una società di automazione, ed è stato partner operativo di Advent International, una società di private equity.

Dopo essere entrato in Xerox, Visentin ha cercato di espandere l’offerta dell’azienda. Per molti anni, Xerox è stata conosciuta come il centro della tecnologia per ufficio, in particolare la macchina xerografica, o la macchina Xerox, un mega-prodotto onnipresente che commercializza il processo di realizzazione di fotocopie su carta.

James Nelson, presidente del consiglio di amministrazione di Xerox, ha dichiarato in una dichiarazione che il signor Vicentin ha attirato maggiore attenzione sui “servizi digitali, i servizi informatici, i servizi finanziari e le tecnologie dirompenti”.

READ  Gli investitori istituzionali stanno ora accumulando bitcoin e uno dei maggiori concorrenti di Ethereum: CoinShares

Sotto la guida di Vicentin, l’azienda ha anche cercato di fare progressi nella stampa 3D.

In precedenza è stato selezionato come CEO nel 2018 da Xerox Corporation Annullamento dell’accordo di fusione con Fujifilm Il Giappone, dopo aver raggiunto un accordo con un azionista attivista e un altro importante investitore, si è opposto fermamente all’accordo.

Nel novembre 2019, Xerox ha fatto un’offerta per acquisire HP, una società sinonimo di stampanti, nel tentativo di riunire le due società e ridurre i costi.

La fusione è stata sostenuta da Visentin, che sembrava ritenere che il settore avesse bisogno di una sorta di consolidamento per soddisfare gli azionisti preoccupati per l’erosione accelerata del business della stampa tradizionale.

L’accordo è fallito dopo che HP ha scoperto che il denaro e l’offerta di azioni di Xerox stavano riducendo il valore dell’azienda. Più tardi quel mese, Ho ufficialmente rifiutato l’offerta pubblica di acquistoinfliggendo un duro colpo ai piani aziendali del signor Visentin.

Dopo essersi laureato alla Concordia University di Montreal, il signor Visentin ha iniziato la sua carriera in IBM, secondo lui. LinkedIn Profilo personalmente. Ha lavorato lì per oltre 20 anni e poi si è trasferito in HP. Dal 2013 al 2017 è stato CEO di Novitex Enterprise Solutions La biografia dell’azienda afferma.

Nella sua dichiarazione, Xerox ha descritto il signor Vicentin come un leader che ha “attraversato l’azienda attraverso tempi e sfide senza precedenti”.

Ha lasciato la moglie e cinque figlie.

Gesù Jiménez Contribuire alla redazione dei rapporti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply