Jiang Zemin, leader della Cina, muore all’età di 96 anni dopo le proteste di piazza Tiananmen

“In un certo senso, questo è stato l’inizio di questo atteggiamento vivi e lascia vivere nei confronti della corruzione che Xi Jinping si trova ora ad attaccare”, ha detto. Joseph Fewsmithprofessore alla Boston University che studia la politica della leadership cinese.

Quando il signor Jiang si è ritirato dalla leadership del partito nel 2002 e dalla presidenza nel 2003, la sua influenza e la sua autostima erano aumentate al punto che era riluttante a lasciare la scena politica. (Il suo successore, Hu Jintao, era già stato nominato dal signor Ding.)

Il signor Jiang è rimasto presidente della Commissione militare centrale del partito e ha supervisionato l’Esercito popolare di liberazione fino al 2004, e poi ha continuato a svolgere un ruolo dietro le quinte nelle promozioni. Gli addetti ai lavori del partito hanno affermato che il signor Jiang ha usato la sua influenza per plasmare la formazione di leadership che il signor Xi ha ereditato quando è diventato leader del partito nel novembre 2012.

Nell’agosto 2015, il People’s Daily, il principale quotidiano del partito, ha emesso un avvertimento insolitamente schietto che I leader in pensione dovrebbero stare fuori dalla politica E “calmati” come una tazza di tè dopo che l’ospite se ne va. Il commento ha scatenato voci secondo cui il signor Xi si era infastidito dagli sforzi del signor Jiang per esercitare il potere dietro le quinte, ma i due uomini sono apparsi poco dopo sul podio con l’ex presidente Hu Jintao. Durante una parata militare a Pechino.

Ma l’influenza di Jiang e della sua confraternita di alleati, a volte nota come la fazione di Shanghai, è svanita nell’ultimo decennio. In un congresso del Partito Comunista il mese scorso, Xi ha creato un nuovo comitato permanente del Politburo, i Seven Men Run China, che è composto interamente dai suoi lealisti, senza funzionari con stretti legami con i suoi predecessori, Jiang e Mr. lui è.

READ  La morte di Daria Dugina: gli Stati Uniti ritengono che elementi all'interno del governo ucraino abbiano permesso l'assassinio vicino a Mosca, affermano fonti

“Jiang Zemin ha continuato a esercitare influenza anche dopo le sue dimissioni, ma ciò ha danneggiato la sua reputazione”, ha detto il signor Yang, uno storico di Pechino. “Lo ha fatto perché era a suo agio con il potere, ma anche perché intorno a lui c’era una cerchia di persone che si affidavano a lui e lo adulavano per fargli credere di essere indispensabile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply