In una svolta, le vecchie centrali a carbone stanno contribuendo a fornire energia rinnovabile. Ecco come.

In tutto il paese, le vecchie centrali elettriche a carbone stanno guadagnando nuova vita come progetti di energia solare, batteria e altri progetti di energia rinnovabile, in parte perché hanno un vantaggio vecchio di decenni che sta diventando sempre più prezioso: sono già collegate alla rete elettrica.

I chilometri di cavi e torri ad alta tensione necessari per collegare le centrali elettriche ai clienti su larga scala sono spesso costosi, dispendiosi in termini di tempo e controversi da costruire da zero. Quindi i progetti solari e di altro tipo evitano problemi di regolamentazione e forse accelerano la transizione verso l’energia rinnovabile, collegandosi a connessioni inutilizzate lasciate quando il carbone diventa antieconomico per continuare a bruciare.

Solo nell’Illinois, ci sono almeno nove impianti a carbone che sono sulla buona strada per diventare parchi solari e impianti di stoccaggio di batterie nei prossimi tre anni. Progetti simili stanno prendendo forma in Nevada, New Mexico, Colorado, North Dakota, Nebraska, Minnesota e Maryland. In Massachusetts e New Jersey, due centrali a carbone in pensione lungo la costa sono state riproposte per collegare le turbine eoliche offshore alle reti elettriche regionali.

“Un vantaggio di avere tutte queste centrali elettriche sporche è che ora abbiamo linee di trasmissione abbastanza forti in quei luoghi”, ha affermato Jack Darin, direttore della sezione dell’Illinois del Sierra Club, un gruppo di difesa ambientale. “Questo è un grande merito.”

Negli ultimi due decenni, secondo il quotidiano britannico The Guardian, sono stati ritirati più di 600 generatori a carbone con una capacità totale di circa 85 gigawatt. Amministrazione dell’informazione energetica degli Stati Uniti. (Le singole centrali elettriche possono avere più di un generatore.) La maggior parte delle restanti 266 centrali elettriche a carbone del paese sono state costruite negli anni ’70 e ’80 e si stanno avvicinando alla fine della loro vita operativa di quasi 50 anni.

La maggior parte di questa capacità in pensione non sarà sostituita dal carbone, poiché l’industria è sottoposta a pressioni da energia rinnovabile più economica e normative più severe sulle emissioni. Allo stesso tempo, i produttori di energia rinnovabile incontrano ostacoli nel collegare i loro progetti alla rete. Costruire nuove linee elettriche è Costoso e controverso Perché i vicini sono spesso contrari alle linee di trasmissione, che possono disturbare le viste panoramiche o ridurre i valori degli immobili vicini. Inoltre, può essere necessario molto tempo prima che i progetti di linee elettriche vengano approvati dalle autorità di regolamentazione.

Realizzazione e gestione di progetti di energia rinnovabile È sempre stato più economico delle stazioni di combustibili fossili. Joseph Rand, uno scienziato del Lawrence Berkeley National Laboratory, che conduce ricerche per conto del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, ha affermato che la barriera “non è più l’economia”. “La parte più difficile è garantire l’interconnessione e l’accesso alla trasmissione”.

READ  Bitcoin pronto ad attaccare le principali linee di tendenza, affermano i dati poiché il prezzo di BTC detiene $ 20.000

Ciò rende le vecchie centrali a carbone un’opzione interessante come luoghi per progetti di energia rinnovabile. Non solo le vecchie sottostazioni si collegano al sistema di trasmissione, ma contengono anche sottostazioni che aiutano a convertire l’elettricità in una fonte adatta all’uso in abitazioni e aziende.

Questo è stato un fattore importante nella scelta della centrale elettrica di Brayton Point come punto di connessione alla rete per un parco eolico da 1.200 megawatt a 37 miglia al largo della costa del Massachusetts, ha affermato Michael Brown, CEO della società di sviluppo eolico offshore Mayflower Wind.

L’impianto a carbone, con una capacità di 1.600 megawatt, era il più grande del New England quando è andato in pensione nel 2017. L’impianto stesso, situato nella località balneare di Somerset, sarà sostituito da una fabbrica di cavi sottomarini di proprietà del gruppo italiano Prismian . . Il progetto eolico offshore si collegherà alla rete di Brighton Point, sfruttando la sottostazione esistente lì.

In uno degli sforzi più ambiziosi, Vistra Corp. , una centrale elettrica con sede in Texas che possiede anche una varietà di centrali elettriche in California e Illinois, ha dichiarato che spenderà 550 milioni di dollari per convertire almeno nove delle sue strutture a carbone nell’Illinois in siti di stoccaggio di pannelli solari e batterie.

READ  Perché i rialzisti del mercato azionario incoraggiano l'S&P 500 a chiudere sopra 4231

Il più grande stabilimento di Baldwin, Illinois, che andrà in pensione entro il 2025, avrà 190.000 pannelli solari su 500 acri di terreno. Insieme, i pannelli genereranno 68 megawatt di potenza, sufficienti per alimentare tra 13.600 e 34.000 case, a seconda del periodo dell’anno. Avrai anche una batteria da 9 MW, che aiuterà a distribuire l’elettricità al picco della domanda o quando il sole non splende.

L’amministratore delegato di Vestra, Curtis Morgan, ha affermato che era diventato chiaro che la compagnia energetica avrebbe dovuto “lasciarsi alle spalle il carbone” e che desiderava costruire nuovi progetti a emissioni zero per sostituire parte dell’energia di quegli impianti. Tuttavia, ha affermato, il lento processo per ottenere l’approvazione dagli operatori di rete, che coordinano e monitorano la fornitura di elettricità, è stato un ostacolo a una serie di progetti Vistra proposti.

Secondo lui, un’ondata di proposte per progetti di accumulo di energia eolica, solare e batteria ha sopraffatto le autorità di regolamentazione negli ultimi anni. Analisi del Lawrence Berkeley National Laboratory, che si affaccia sul campus di Berkeley dell’Università della California. Nel 2021, i tempi di attesa sono quasi raddoppiati da un decennio fa a quasi quattro anni fa, e questo non include il numero crescente di progetti che si ritirano completamente dal processo.

Se tutti i progetti attualmente in attesa di approvazione fossero realizzati, “potremmo raggiungere l’80% di energia pulita entro il 2030”, ha affermato Rand, autore principale del rapporto. “Ma saremo fortunati se un quarto di quanto già proposto sarà realizzato”.

Tre dei progetti di stoccaggio delle batterie di Vistra in Illinois – presso centrali a carbone all’Avana, Juba ed Edwards – hanno anche beneficiato di un’infusione di sovvenzioni dalla legge statale, il Climate and Equitable Jobs Act, che mira a sostenere una “transizione equa” per il carbone -comunità dipendenti verso le energie rinnovabili. Firmato dal governatore JB Pritzker lo scorso autunno, ha anche richiesto a tutti gli impianti di combustione di combustibili fossili di ridurre le proprie emissioni a zero entro il 2045, il che potrebbe portare alla loro chiusura, anche se la maggior parte delle centrali a carbone dell’Illinois erano già sul punto di chiudere. Entro un decennio.

Il Programma di sovvenzioni per lo stoccaggio del carbone all’energia solare Quanto emerso dalla normativa sostiene anche altri due progetti di batterie, di proprietà di NRG Energy, che saranno costruiti in centrali a carbone a Waukegan e Will County.

Silvia Garcia, direttrice dell’Illinois Department of Commerce and Economic Opportunity, che sovrintende al programma di conversione da carbone a solare, ha affermato che il vantaggio di costruire progetti di energia rinnovabile rispetto alle vecchie centrali a carbone è duplice. In primo luogo, i progetti sfruttano la facilità di riutilizzo di una connessione di rete esistente. In secondo luogo, è uno sforzo per “cercare di reinvestire nelle comunità che hanno perso queste centrali a carbone” in primo luogo, ha affermato.

READ  Elon Musk si assicura $ 46,5 miliardi per finanziare un'offerta Twitter potenzialmente ostile | Twitter

Mentre i nuovi progetti creeranno temporaneamente posti di lavoro nell’edilizia, di solito la gestione di una centrale solare o di un impianto di batterie Non richiede molti dipendenti. La fabbrica di Baldwin in precedenza impiegava circa 105 lavoratori a tempo pieno. Sebbene Vestra non abbia finalizzato i numeri sito per sito, i nove progetti dell’Illinois combinati creeranno 29 posti di lavoro a tempo pieno all’anno, ha affermato in una e-mail Miranda Cohn, direttore delle comunicazioni dell’azienda.

Anche le centrali a carbone si trovano solitamente su un grande pezzo di terra e riqualificare quei siti in progetti di energia rinnovabile è un modo per mettere qualcosa di produttivo su un pezzo di proprietà che altrimenti non potrebbe essere utilizzato.

“Trasforma davvero una risorsa molto negativa in una risorsa molto più positiva per la società”, ha affermato Jeff Bishop, CEO di Key Capture Energy, che prevede di localizzare un progetto di accumulo di batterie da 20 megawatt in una centrale a carbone in pensione vicino a Baltimora, nel Maryland. .

Julie Vitek, vicepresidente del governo e degli affari normativi per il produttore di energia Engie North America, ha affermato altrove a Holyoke, nel Massachusetts. . Dopo gli incontri con funzionari governativi, gruppi ambientalisti e residenti, ha affermato, un parco solare è emerso come il modo migliore per “dare nuova vita alla terra industriale di Mount Tom”.

Oggi, la proprietà ospita circa 17.000 pannelli solari e una piccola installazione di batterie che forma un progetto solare comunitario gestito da Holyoke Gas & Electric, una struttura di proprietà della città che offre ai clienti la possibilità di scegliere di ricevere energia solare dal progetto. I pannelli producono circa 6 megawatt di potenza, sufficienti per alimentare circa 1.800 case.

Non sono solo gli sviluppatori di energia solare, batterie ed eolico a cercare vecchie centrali a carbone per le loro infrastrutture. TerraPower, un progetto nucleare fondato da Bill Gates, sta individuando un avanzato reattore nucleare da 345 megawatt accanto a una centrale a carbone in pensione a Kemerer, UT. Il sito non solo consentirà al reattore di sfruttare la connessione alla rete esistente, ma consentirà anche di sfruttare il sistema di raffreddamento della centrale a carbone, ha affermato Chris Levesque, Presidente e CEO di TerraPower.

“In un certo senso, sarebbe davvero un peccato non sfruttare queste centrali a carbone”, ha affermato Levesque.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply