In telefonata con Putin, Macron cerca una soluzione diplomatica in Ucraina

PARIGI – Il presidente francese Emmanuel Macron e il suo omologo russo Vladimir Putin hanno parlato domenica al telefono e hanno concordato sulla “necessità di dare la priorità a una soluzione diplomatica all’attuale crisi” e garantire un cessate il fuoco nell’Ucraina orientale nelle prossime ore, secondo un comunicato di L’ufficio del signor Macron.

Il comunicato aggiunge che “se le condizioni saranno soddisfatte”, la pista diplomatica dovrebbe consentire l’organizzazione di “un incontro al massimo livello per definire un nuovo ordine di pace e sicurezza in Europa”.

Tuttavia, il Cremlino ha mostrato scarso ottimismo. In una dichiarazione rilasciata dopo l’appello, ha affermato che Putin ha ribadito la sua affermazione secondo cui i paesi occidentali stanno spingendo il governo ucraino per una “soluzione militare” al suo conflitto con i separatisti sostenuti dalla Russia nell’est.

Il governo ucraino a Kiev insiste sul fatto che non ha in programma di lanciare un’offensiva sul territorio separatista, ma durante il fine settimana i leader separatisti hanno iniziato una “evacuazione” di donne e bambini, sostenendo che un simile attacco era imminente.

Dopo la sua telefonata con Putin, Macron ha parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, elogiando la sua “commozione” e “determinazione a prevenire l’escalation”.

Il sig. Macron ha parlato anche con il presidente Biden, il primo ministro britannico Boris Johnson e il cancelliere tedesco Olaf Schulz.

Nello specifico, i presidenti francese e russo, intervenuti per un’ora e 45 minuti, hanno convenuto di riprendere nel frattempo il lavoro diplomatico. Colloqui in formato Normandia – Un canale negoziale istituito sette anni fa da Francia, Germania, Russia e Ucraina per risolvere il conflitto regionale nell’Ucraina orientale. Nei prossimi giorni incontrerà anche i ministri degli Esteri francese e russo.

READ  Il sindaco di Kiev conferma che nella città è avvenuto un attacco missilistico

I presidenti hanno anche discusso vari modi per ridurre rapidamente la crisi della sicurezza in Ucraina e dintorni.

Lo ha annunciato domenica il ministro della Difesa bielorusso Il dispiegamento militare russo in Bielorussia sarà esteso nell’ambito di esercitazioni congiunte, facendo temere che possa essere utilizzato per invadere l’Ucraina. Ma un alto funzionario dell’ufficio di Macron, parlando in condizione di anonimato in linea con le pratiche del governo francese, ha affermato che Putin ha detto a Macron che “questi esercizi non saranno permanenti” e che le forze russe si ritireranno dalla Bielorussia a un certo punto.

L’ufficio di Macron ha anche affermato che “un ampio lavoro” sarà svolto per consentire l’incontro del Gruppo di contatto tripartito, un gruppo di funzionari di Ucraina, Russia e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa che ha cercato di facilitare una via diplomatica la guerra nella regione del Donbass dell’Ucraina orientale.

L’obiettivo di questo incontro, previsto per lunedì, è quello di “ottenere un impegno da tutte le parti coinvolte per un cessate il fuoco” in prima linea nell’Ucraina orientale tra i separatisti sostenuti dalla Russia e le forze governative ucraine.

Signor Zelensky ha scritto su twitter Ha detto a Macron durante il loro appello “l’attuale situazione della sicurezza e il nuovo attentato provocatorio”. L’ufficio di Macron ha affermato che l’appello faceva parte dei suoi sforzi “per preservare le vie d’uscita dalla crisi attraverso il dialogo e la diplomazia”.

“Il rischio è grande e la nostra preoccupazione è forte, ma riteniamo che le risorse per la diplomazia non siano state esaurite”, ha affermato l’alto funzionario francese.

READ  L'ex presidente cinese Hu Jintao viene scortato fuori dalla Conferenza del Partito

Sebbene il Cremlino abbia affermato che “la ricerca di soluzioni attraverso mezzi diplomatici” dovrebbe essere intensificata, ha anche “sottolineato” che Kiev “rifiuta fermamente l’attuazione degli accordi di Minsk e degli accordi raggiunti in formato Normandia”.

L’approccio di Macron alla crisi finora è stato quello di cercare di disinnescarla Intervista intensiva al signor Putin. La telefonata di domenica è stata la quarta conversazione tra i due leader sulle tensioni al confine ucraino da metà dicembre, inclusa la visita di Macron a Mosca questo mese. Questo approccio inizialmente ha spinto la Francia a non esprimere eccessiva preoccupazione per la possibilità che le forze russe invadano l’Ucraina.

Ma di fronte all’accumulo russo al confine ucraino, la posizione della Francia è cambiata poco negli ultimi giorni. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha dichiarato sabato in A affermazione Che “le azioni e le parole della Russia sono incoerenti” e che la Russia ha messo in guardia contro “ogni ulteriore violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Lo stesso giorno, il Ministero degli Affari Esteri francese Aggiornato i suoi consigli per i viaggiatori in Ucraina Ha esortato tutti i cittadini francesi che rimangono lì senza un motivo convincente a “lasciare il paese”. Ha inoltre consigliato ai cittadini francesi di posticipare qualsiasi viaggio in Ucraina.

A differenza degli Stati Uniti, la Francia ha mantenuto la sua ambasciata a Kiev, la capitale dell’Ucraina. “Restiamo a Kiev”, l’ambasciatore francese in Ucraina ha scritto su twitter a. Il sabato.

Anton Troyanovsky Contribuire alla redazione dei rapporti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply