Immagini straordinarie rivelano la visione più dettagliata della Via Lattea nelle onde radio: ScienceAlert

Due importanti programmi di ricerca astronomica, chiamati EMU e PEGASUS, hanno unito le forze per risolvere uno dei misteri della nostra Via Lattea: dove sono tutti i resti di supernova?

un Resto di supernova È una nube di gas e polvere in espansione che rappresenta lo stadio finale della vita di una stella, dopo che è esplosa come supernova. Ma il numero di resti di supernova che abbiamo rilevato finora utilizzando i radiotelescopi è molto basso.

I modelli prevedono cinque volte, quindi dove sono i modelli mancanti?

Abbiamo raccolto osservazioni da due dei principali radiotelescopi del mondo in Australia, vale a dire ASKAP Radiotelescopio e il Radiotelescopio Parkes, Moryangper rispondere a questa domanda.

gas interstellare

La nuova immagine rivela sottili viticci e ciuffi di nubi legati dal gas idrogeno che riempie lo spazio tra le stelle.

Possiamo vedere i siti in cui si stanno formando nuove stelle, così come i resti di supernova. Solo in questo minuscolo granello, solo circa l’uno percento dell’intera Via Lattea, abbiamo rilevato più di 20 possibili nuovi resti di supernova di cui solo sette erano noti in precedenza.

Immagine ASKAP/EMU (R. Kothes/NRC/E. Carretti/INAF).
Dettagliati viticci verdi di gas riempiono i vuoti interstellari
ASKAP/EMU più il collage di Parkes/PEGASUS. (R. Kothes/NRC/E. Carretti/INAF).

Queste scoperte sono state guidate dalla studentessa di dottorato Brianna Ball dell’Università canadese di Alberta, in collaborazione con il suo supervisore, Roland Kothes del Consiglio nazionale delle ricerche del Canada, che ha preparato l’immagine.

Queste nuove scoperte indicano che siamo un passo più vicini all’identificazione dei resti mancanti.

Perché li vediamo ora quando non potevamo prima?

Il potere di unire le forze

guido il Mappa evolutiva dell’universo O il programma EMU, un ambizioso progetto con ASKAP per realizzare il miglior atlante radiofonico dell’emisfero australe.

READ  U di M scienziati hanno scoperto il luogo dell'incidente di un enorme meteorite sotto Inver Grove Heights

L’UEM misurerà circa 40 milioni di nuove e meravigliose galassie distanti buchi neriPer aiutarci a capire come sono cambiate le galassie nel corso della storia dell’universo.

I primi dati dell’UEM hanno già portato a una scoperta singoli circuiti radio (o “ORC”)rivelato Anomalie rare come “fantasmi danzanti”.

Per qualsiasi telescopio, la risoluzione delle sue immagini dipende dalla dimensione della sua apertura. Interferometri come ASKAP simulano l’apertura molto più grande di un telescopio. Con 36 antenne relativamente piccole (ciascuna di 12 metri e 40 piedi di diametro) ma una distanza di 6 chilometri (4 miglia) che collegano la più lontana di queste antenne, ASKAP simula un singolo telescopio con una parabola larga 6 chilometri.

Ciò conferisce ad ASKAP una buona precisione, ma a scapito della perdita di emissione radio su scale più grandi. Nel confronto precedente, l’immagine ASKAP da sola appare molto strutturale.

Per recuperare queste informazioni mancanti, ci siamo rivolti a un progetto complementare chiamato PEGASUS, guidato da Ettore Caretti dell’Istituto Nazionale di Astrofisica italiano.

PEGASUS utilizza il telescopio Parkes/Murriyang di 64 metri, uno dei più grandi radiotelescopi a parabola singola al mondo, per mappare il cielo.

Anche con una parabola così grande, la precisione di Parkes è alquanto limitata. Combinando le informazioni di Parkes e ASKAP, colmano le lacune dell’altro per darci l’immagine più accurata di questa regione della nostra galassia, la Via Lattea.

Questa combinazione rivela l’emissione radio a tutte le scale per aiutare a rivelare i resti di supernova mancanti.

La correlazione dei set di dati di EMU e PEGASUS ci consentirà di scoprire altre gemme nascoste. Nei prossimi anni avremo una visione senza precedenti di quasi tutta la Via Lattea, circa cento volte più grande di questa immagine iniziale, ma con lo stesso livello di dettaglio e sensibilità.

READ  Due enormi punti nel mantello terrestre confondono gli scienziati con le loro incredibili proprietà

Stimiamo che ci possano essere fino a 1.500 o più nuovi resti di supernova ancora da scoprire. Risolvere il mistero di questa reliquia perduta aprirà nuove finestre sulla storia della nostra galassia, la Via Lattea.

ASKAP e Parkes sono di proprietà e gestiti da CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana, come parte dell’Australia National Telescope Facility. Il CSIRO riconosce il popolo Wajarri Yamatji come proprietario tradizionale e proprietario originario dell’Osservatorio di radioastronomia Inyarrimanha Ilgari Bundara e CSIRO Murchison, dove si trova ASKAP, e il popolo Wiradjuri come proprietario tradizionale dell’Osservatorio Parkes.Conversazione

Andrea HopkinsProfessore di astronomia Università Macquarie.

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Con licenza Creative Commons. Leggi il L’articolo originale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply