Il vitello delfino malato migliora con il latte nutrito con tubo, aiutando le mani

RAYUNG, Thailandia (AP) – Il delfino vitello Irrawaddy – malato e troppo debole per nuotare – stava annegando in una pozza di marea su una spiaggia della Thailandia quando i pescatori l’hanno trovato.

I pescatori hanno subito allertato i difensori dell’ambiente marino, che hanno consigliato loro come fornire cure di emergenza in modo che la squadra di soccorso potesse portare il bambino al Centro di ricerca e risorse marine e costiere della Thailandia per l’attenzione veterinaria.

Il bambino è stato soprannominato Paradon, tradotto approssimativamente come “fardello fraterno”, perché i partecipanti sapevano fin dal primo giorno che salvargli la vita non sarebbe stato un compito facile.

I delfini Irrawaddy, considerati una specie in via di estinzione dall’Unione internazionale per la conservazione della natura, si trovano nelle acque costiere poco profonde del sud e sud-est asiatico e in tre fiumi in Myanmar, Cambogia e Indonesia. La loro sopravvivenza è minacciata dalla perdita di habitat, dall’inquinamento e dal bracconaggio.

I funzionari del Center for Marine Research ritengono che circa 400 delfini Irrawaddy rimangano lungo la costa orientale del Paese, al confine con la Cambogia.

Da quando i pescatori hanno trovato Paradon il 22 luglio, decine di veterinari e volontari hanno aiutato a prendersi cura di lui nel centro di Rayong, nel Golfo della Thailandia.

“Abbiamo detto tra noi che le possibilità che sopravvivessero erano molto basse, date le sue condizioni”, ha detto venerdì Thanavan Chomchoen, un veterinario del centro. Di solito i delfini che si trovano bloccati sulla spiaggia sono in uno stato così terribile. Le possibilità che questi delfini sopravvivano sono generalmente molto scarse. Ma quel giorno abbiamo fatto del nostro meglio”.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

I lavoratori lo hanno messo in una piscina di acqua di mare, hanno curato la polmonite che lo rendeva estremamente malato e debole e hanno assunto volontari per tenerlo d’occhio 24 ore su 24. Devono portarlo nella sua vasca per impedirgli di annegare e dargli il latte, prima con il tubo, poi con il biberon dopo che ha ripreso un po’ di forze.

Uno o due veterinari e volontari rimangono per ogni turno di lavoro di otto ore e gli altri lavoratori gestiscono durante il giorno la pompa dell’acqua, il filtro e producono il latte per il vitello.

Dopo un mese, le condizioni di Paradon stanno migliorando. Un vitello che si ritiene abbia un’età compresa tra 4 e 6 mesi ora può nuotare e non mostrare segni di infezione. Ma il delfino, che il 22 luglio era lungo 138 centimetri (4,5 piedi) e lungo circa 27 chilogrammi (59 libbre), è ancora debole e non assorbe abbastanza latte nonostante gli sforzi della squadra per dargli da mangiare ogni 20 minuti circa.

miniatura del video di YouTube

Thippunyar Thipjuntar, un consulente finanziario di 32 anni, è uno dei tanti volontari che vengono a lavorare nell’assistenza all’infanzia con Paradon.

Tipponia ha detto che il viso rotondo del bambino di Baradon e la bocca curva, simile a un sorriso, non poteva fare a meno di aggrapparsi a lui e preoccuparsi del suo sviluppo.

“Non sta mangiando abbastanza ma vuole solo giocare. Sono preoccupata che non stia ricevendo abbastanza nutrimento”, ha detto venerdì all’Associated Press mentre nutre Paradon addormentato, strillando nel suo braccio. Qui per essere un volontario, ovviamente tu auguragli di crescere forte e di vivere”.

Somana Kagunwatanakul, direttrice del centro marino, ha affermato che Paradon avrà bisogno di cure a lungo termine, forse fino a un anno, per essere svezzato dal latte e poter cercare cibo.

READ  Gli Stati Uniti inaspriscono le sanzioni contro l'Iran e prendono di mira le compagnie cinesi ed emiratine per il petrolio

“Se lo lasciamo andare quando starà meglio, il problema è che non potrà prendere il latte. Dovremo prenderci cura di lui fino a quando non avrà i denti, poi dovremo addestrarlo a mangiare il pesce, a far parte di un baccello. Ci vorrà del tempo “, ha detto Somana.

I caregiver di Paradon credono che valga la pena avere cure amorevoli e prolungate.

“Se riusciamo a salvare un delfino, sarà di aiuto alle nostre conoscenze, poiché non ci sono stati molti casi di successo nel trattamento di questo tipo di animale”, ha affermato il veterinario Thanavan. “Se riusciamo a salvarlo e lui sopravvive, avremo imparato molto da questo”.

“In secondo luogo, penso che salvandolo e dandogli una possibilità di vivere, stiamo anche sensibilizzando sulla conservazione di questo tipo di animale, che è raro, e di esso non è rimasto molto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply