Il vicepresidente degli Stati Uniti Harris chiede un’indagine sui crimini di guerra contro la Russia

VARSAVIA, Polonia (AP) – Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha adottato giovedì la richiesta di un’indagine internazionale sui crimini di guerra contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, citando le “atrocità” del bombardamento di civili, compreso un ospedale per la maternità..

Parlando al fianco del presidente polacco Andrzej Duda in una conferenza stampa a Varsavia, dove mostra il sostegno degli Stati Uniti agli alleati della NATO orientale, Harris ha espresso indignazione per l’attentato all’ospedale di maternità di mercoledì e le scene di donne incinte evacuate nel sangue, così come altri attacchi. sui civili. Ha smesso di accusare direttamente la Russia di crimini di guerra.

“Deve esserci sicuramente un’indagine e dovremmo tutti stare a guardare”, ha detto Harris, osservando che le Nazioni Unite avevano già avviato un processo per rivedere le accuse. “Non ho dubbi che gli occhi del mondo siano puntati su questa guerra e su ciò che la Russia ha fatto in relazione a questa aggressione e a queste atrocità”.

La visita di Harris in Polonia è arrivata nel mezzo di una lite tra Varsavia e Washington sulla proposta polacca di inviare aerei da combattimento di fabbricazione sovietica a una base statunitense e NATO in Germania in modo che potessero poi andare in Ucraina. La Polonia, a sua volta, riceverà gli F-16 americani.

La Polonia ha presentato pubblicamente la proposta senza prima consultare gli Stati Uniti Proprio quando Harris è arrivato a Varsavia alla fine di mercoledì, il Pentagono ha respinto l’idea a titolo definitivo, dicendo che avrebbe rischiato l’escalation della guerra russo-ucraina.

Alla conferenza stampa di giovedì, sia Harris che Duda hanno cercato di mettere da parte le divergenze sulla questione degli aerei da combattimento.

READ  Brookings Institution Margins generale in pensione nel mezzo di un'indagine federale

“Voglio essere molto chiaro, gli Stati Uniti e la Polonia sono uniti in ciò che abbiamo fatto e sono pronti a fare per aiutare l’Ucraina e il popolo ucraino, uno stop completo”, ha detto.

Duda, da parte sua, ha evitato le domande sul perché la Polonia abbia annunciato la sua proposta senza prima consultare gli Stati Uniti. Ha sottolineato che l’intenzione del suo governo era motivata dal desiderio della “NATO nel suo insieme di prendere una decisione congiunta” su questo tema.

“In breve, dobbiamo essere un membro responsabile della NATO”, ha detto Duda.

L’adesione di Harris all’indagine sui crimini di guerra è arrivata dopo che l’amministrazione Biden ha avvertito mercoledì che la Russia potrebbe cercare di utilizzare armi chimiche o biologiche in Ucraina poiché la Casa Bianca ha respinto le accuse russe di sviluppo di armi chimiche illegali nel paese invaso.

La Casa Bianca ha sollevato l’idea dopo che la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha accusato – senza prove – l’Ucraina di gestire laboratori di armi chimiche e biologiche con il sostegno degli Stati Uniti.

La scorsa settimana, il procuratore della Corte penale internazionale ha annunciato di aver avviato un’indagine Potrebbe prendere di mira alti funzionari ritenuti responsabili di crimini di guerra, crimini contro l’umanità o genocidio in mezzo a un alto numero di vittime civili e alla diffusa distruzione di proprietà durante l’invasione russa dell’Ucraina.

Ma le indagini della CPI richiedono molti anni e sono state vinte relativamente poche condanne. La Corte penale internazionale è stata istituita nel 2002 per giudicare i crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e il genocidio. Successivamente è stato aggiunto il reato di aggressione, che non può essere indagato in Ucraina perché né la Russia né l’Ucraina sono membri del tribunale.

READ  Blocco Sanya Covid: migliaia di turisti bloccati alle Hawaii in Cina

“Ci è chiaro che i russi in Ucraina stanno commettendo crimini di guerra”, ha detto Duda. Ha aggiunto che, a suo avviso, l’invasione “ha i segni distintivi del genocidio: mira a eliminare e distruggere una nazione”.

Harris ha elogiato il popolo polacco per la sua generosità nell’accogliere quasi 1,5 milioni di rifugiati da quando la Russia ha invaso l’Ucraina Lo scorso mese.

Harris ha detto in precedenza durante un incontro con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki poche ore dopo che la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato la risoluzione sul disegno di legge di spesa Compresi 13,6 miliardi di dollari di aiuti all’Ucraina e ai suoi alleati europei.

La legislazione include 6,8 miliardi di dollari per sponsorizzare i rifugiati e altri aiuti economici agli alleati.

Giovedì Harris ha incontrato sette rifugiati fuggiti dall’Ucraina in Polonia dall’inizio dell’invasione russa. Ha elogiato i rifugiati per il loro “coraggio” e ha detto che la conversazione avrebbe aiutato a informare gli sforzi di aiuto degli Stati Uniti. Il gruppo comprendeva una sostenitrice ucraina delle persone con disabilità, una studentessa universitaria marocchina, una produttrice cinematografica professionista di Odessa, una leader ed educatrice della comunità senegalese, un’attivista per i diritti LGBTQIA+ di Kiev, un’esperta di energia ucraina e sua figlia adulta.

“Siamo qui per supportarti e non sei solo”, ha detto Harris al gruppo. “E so che c’è così tanto nell’esperienza che hai vissuto che ti ha fatto sentire così solo. Non sei solo. Siamo in tutto il mondo a guardare. “

Il vicepresidente incontrerà anche il primo ministro canadese Justin Trudeau mentre si trova a Varsavia. Il leader canadese è stato nei giorni scorsi in Europa per incontrare gli alleati sull’Ucraina.

READ  Il Consiglio delle Nazioni Unite sconfigge la risoluzione umanitaria della Russia sull'Ucraina

La Casa Bianca ha descritto le rapide visite di Harris in Polonia e Romania come un’opportunità per il vicepresidente di consultarsi con due leader dei paesi della NATO orientale sulla crescente crisi umanitaria causata dall’invasione russa dell’Ucraina.

Già più di 2 milioni di rifugiati sono fuggiti dall’Ucraina – di cui più della metà è arrivata in Polonia – e se ne aspettano di più nei prossimi giorni.

Duda ha avvertito di un “disastro dei rifugiati” se la Polonia non avesse ricevuto più aiuto per ospitare e nutrire gli ucraini in fuga dal conflitto. Ha detto di aver chiesto a Harris per gli Stati Uniti di “accelerare” il processo per quei rifugiati ucraini che volevano andare negli Stati Uniti e avrebbero potuto avere una famiglia lì.

“Gli Stati Uniti sono pienamente preparati a fare ciò che possiamo e dobbiamo fare per sostenere la Polonia, rispetto all’onere che hanno sopportato”, ha affermato Harris.

Venerdì, Harris si recherà a Bucarest, dove incontrerà il presidente rumeno Klaus Iohannis.

___

Miller ha contribuito da Washington. Mike Corder a L’Aia, Paesi Bassi, ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply