Il Senato approva Powell per il secondo mandato mentre la Fed combatte l’inflazione

Giovedì il Senato ha confermato la nomina di Jerome Powell per un secondo mandato di quattro anni come Presidente della Federal Reserve, dando sostegno bipartisan allo sforzo ad alto rischio di Powell per frenare il tasso di inflazione più alto degli ultimi quattro decenni.

Il voto 80-19 rifletteva l’ampio sostegno del Congresso alla campagna della Fed per combattere l’aumento dei prezzi attraverso una serie di forti aumenti dei tassi. Potrebbe estendersi al prossimo anno. L’obiettivo della Fed è rallentare abbastanza l’indebitamento e la spesa per allentare le pressioni inflazionistiche.

Da febbraio, quando è scaduto il suo primo mandato, Powell è stato temporaneamente alla guida della banca centrale.

Affronta il difficile e pericoloso compito di cercare di raffreddare l’inflazione senza indebolire l’economia tanto quanto provocare una recessione. Il mercato del lavoro va ancora forte È potenziato al punto in cui Powell ha affermato che è “insostenibile caldo” e contribuisce a un’economia di surriscaldamento.

L’aumento dei prezzi in tutta l’economia ha causato la sofferenza di milioni di americani i cui salari non corrispondono al costo di beni di prima necessità come cibo, gas e affitto. La prospettiva di tassi di interesse in costante aumento ha destabilizzato i mercati finanziari, con il crollo delle quotazioni azionarie per settimane.

In un’intervista con “Marketplace” di NPR giovedì scorso, Powell ha riconosciuto la capacità della Fed di farlo Il successo nel rallentare l’economia e ridurre l’inflazione senza provocare una recessione – un cosiddetto “atterraggio morbido” – dipende da “fattori che non controlliamo”, come l’invasione russa dell’Ucraina e il rallentamento della crescita in Cina.

Ciò contrasta con i precedenti commenti più fiduciosi di Powell, incluso solo la scorsa settimana quando ha detto: “Abbiamo buone possibilità di ottenere un atterraggio morbido o tranquillo”.

Il sostegno di Powell giovedì al Senato è stato più o meno in linea con quello che ha ricevuto quattro anni fa, dopo che il presidente Donald Trump lo ha nominato per la prima volta presidente. All’epoca, il Senato votò 84 contro 13 per confermarlo.

READ  Wall Street balza presto dopo le recenti vendite; Lo yen scende contro il dollaro

In una certa misura, il sostegno di Powell al Congresso riflette la colpa che la maggior parte dei repubblicani attribuisce al pacchetto di aiuti COVID da 1,9 trilioni di dollari del presidente Joe Biden – piuttosto che ai tassi ultra bassi della Fed – per aver causato l’aumento dell’inflazione. Molti economisti, compresi quelli che hanno prestato servizio nelle precedenti amministrazioni democratiche, concordano sul fatto che la legislazione di Biden abbia svolto un ruolo nell’accelerazione dei prezzi.

La conferma di Powell arriva poiché molti economisti sono stati molto critici nei confronti della Federal Reserve Aspettare così tanto per rispondere all’inasprimento dell’inflazione, rendendo il suo compito più difficile e più pericoloso.

I prezzi sono aumentati per la prima volta un anno fa, dopo che gli americani hanno aumentato le loro spese una volta somministrati i vaccini e le restrizioni COVID hanno iniziato a diminuire. L’aumento della domanda ha attirato molte aziende impreparate e l’offerta scarseggia, facendo salire alle stelle i prezzi di beni come automobili, mobili ed elettrodomestici – se i consumatori riescono a trovarli. Da allora, l’inflazione elevata si è diffusa nella maggior parte del resto dell’economia, compresi gli affitti e altri servizi come camere d’albergo, pasti al ristorante e assistenza medica.

Per diversi mesi, Powell ha ribadito la sua opinione secondo cui l’inflazione era semplicemente “transitoria” e si sarebbe rapidamente attenuata quando le strozzature dell’offerta fossero state risolte. La Fed ha continuato ad acquistare Treasury e mutui fino a marzo, quando i tassi sono saliti dell’8,5% rispetto all’anno precedente. L’obiettivo dell’acquisto di obbligazioni era di mantenere bassi i tassi di prestito a lungo termine. Solo due mesi fa, la banca centrale ha alzato il tasso di interesse di riferimento da quasi zero a un intervallo compreso tra lo 0,25% e lo 0,5%.

READ  Mercati europei aperti alla chiusura, dati, decisione Bce

ha affermato Kristin Forbes, economista presso la Sloan School of Management del MIT ed ex membro del comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra.

Powell e altri funzionari da allora hanno riconosciuto che la Fed avrebbe potuto iniziare a ridurre lo stimolo prima. Tuttavia, suggeriscono che la maggior parte degli economisti al di fuori della Federal Reserve inizialmente credeva anche che un’inflazione più elevata sarebbe stata di breve durata.

“La gerarchia dice che avremmo dovuto agire prima”, ha ammesso Powell durante un’audizione al Senato all’inizio di marzo.

Powell ha ammesso che l’opinione della Fed secondo cui l’inflazione riflette principalmente gli shock dell’offerta che presto svaniranno “si è rivelata sbagliata”, “forse non è concettualmente sbagliata, ma ci vuole molto più tempo perché il lato dell’offerta si riprenda di quanto pensassimo”.

Christopher Waller, un membro del consiglio di amministrazione della Fed, ha dichiarato la scorsa settimana che la banca centrale è stata in parte bloccata dai rapporti dello scorso agosto e settembre secondo cui il mercato del lavoro si stava indebolendo. Un’assunzione più lenta avrebbe reso difficile per i lavoratori assicurarsi ampi aumenti salariali e quindi avrebbe contribuito a tenere sotto controllo l’inflazione.

Waller ha affermato che i rapporti sull’occupazione, e i tre successivi, sono stati successivamente rivisti al rialzo di circa 1,5 milioni di posti di lavoro, sottolineando la domanda insolitamente elevata di lavoro che ha anche aumentato notevolmente i salari.

“Se avessimo saputo ciò che sappiamo ora, penso che (i responsabili politici federali) sarebbero stati rapidi a ridurre (acquisti di obbligazioni) e aumentare i tassi di interesse prima”, ha detto Waller venerdì. “Ma nessuno lo sa, e questa è la natura della politica monetaria in tempo reale”.

Il Senato ha già confermato tre delle altre scelte di Biden per il Board of Governors della Fed: Lyle Brainardche ora è la vicepresidente, Lisa Cook e Filippo Jefferson. I tre voteranno sulle decisioni della banca centrale sui tassi di interesse e sulle politiche di regolamentazione finanziaria.

READ  Il senatore pubblica la legge sulle criptovalute su GitHub e ne consegue il caos

Cook e Jefferson sono entrambi neri, il che significa che il Consiglio della Federal Reserve ora ha due membri neri per la prima volta nei suoi 108 anni di storia. Cook, professoressa di economia e relazioni internazionali presso lo stato del Michigan, sarà la prima donna di colore a far parte del consiglio.

Biden ha anche nominato Michael Barr, l’ex funzionario del Tesoro che ha contribuito alla stesura del Financial Regulation Act del 2010, Dodd Frank, come il più grande regolatore bancario della Federal Reserve e per riempire l’ultimo posto aperto nel consiglio di amministrazione di sette membri. Il senatore Sherrod Brown, democratico dell’Ohio e presidente della commissione bancaria del Senato, ha dichiarato giovedì che la sua commissione terrà un’audizione sulla nomina di Barr la prossima settimana.

In passato, i politici spesso si opponevano ai tassi di interesse più elevati per paura che avrebbero causato la perdita di posti di lavoro. L’elevata inflazione cronica degli anni ’70 è stata attribuita, in parte, alla pressione politica che ha spinto la Federal Reserve ad abbandonare i forti aumenti dei tassi di interesse sotto i presidenti Lyndon Johnson e Richard Nixon.

Lo stesso Powell è stato oggetto di pesanti critiche da parte di Trump quando la Fed ha aumentato i tassi di interesse nel 2017 e nel 2018 dopo che il tasso di disoccupazione ha toccato il minimo da mezzo secolo del 3,5%. Powell ha invertito alcuni di questi guadagni nel 2019, dopo che l’economia ha rallentato sulla scia dei dazi di Trump sulle importazioni cinesi.

Questa settimana, Biden ha affermato che, pur rispettando l’indipendenza della Fed, sostiene i suoi sforzi per aumentare i tassi di prestito, che hanno già fatto aumentare i costi di mutui, prestiti automobilistici e prestiti commerciali.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply