Il rover della NASA deposita il primo campione su Marte – NASA Mars Exploration

Perseverance deposita il suo primo campione su Marte: Una volta che il team di Perseverance ha confermato che il primo tubo campione era in superficie, ha posizionato una telecamera WATSON situata all’estremità del braccio robotico del rover per scrutare sotto il rover, controllando che il tubo non rotolasse nel percorso del rover. Ruote. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS. scarica l’immagine ›


Pieno di rocce, il tubo campione sarà uno dei 10 che formano un deposito di tubi che potrebbe essere preso in considerazione per il viaggio verso la Terra con la Mars Sample Return Campaign.


Un tubo di titanio contenente un campione di roccia poggia sulla superficie del Pianeta Rosso dopo essere stato collocato lì Il 21 dicembre dal Mars Orbiter della NASA. Nei prossimi due mesi, il rover depositerà un totale di 10 tubi nel sito, chiamato “Three Forks”, per costruire il primo deposito di campioni umani su un altro pianeta. Il magazzino rappresenta un primo passo storico nel Campagna di restituzione del campione di Marte.

La perseveranza stava campionando duplicati di bersagli rocciosi scelti dal compito. Il rover ha attualmente l’altro 17 campioni (incluso un campione aereo) preso finora nella sua pancia. Basato sull’architettura della Mars Sample Return Campaign, il rover consegnerà campioni a un lander robotico in futuro. La sonda, a sua volta, utilizzerà un braccio robotico per mettere i campioni in una capsula di contenimento a bordo di un piccolo razzo che decollerà nell’orbita di Marte, dove un altro veicolo spaziale raccoglierà il contenitore del campione e lo riporterà sano e salvo sulla Terra.

READ  Schiacciata! Lo SpaceX Crew-4 della NASA torna sano e salvo sulla Terra

Il magazzino fungerà da riserva se Perseverance non può consegnare i suoi campioni. In questo caso, verrà chiamata una coppia di elicotteri per il recupero dei campioni per completare il lavoro.

Il primo campione lasciato cadere era un nucleo delle dimensioni di un gesso rocce vulcaniche Chiamato informalmente “malese”, è stato raccolto il 31 gennaio 2022 in un’area del cratere Jezero di Marte chiamata “South Séítah”. complesso di perseveranza Sistema di campionamento e tamponamento Gli ci volle quasi un’ora per estrarre il tubo di metallo dalla pancia del rover e osservarlo un’ultima volta all’interno CacheCame facendo cadere il campione di circa 3 piedi (89 cm) su una zona accuratamente selezionata della superficie marziana.

Gli ingegneri stanno usando OPTIMISM, una replica a grandezza naturale del rover Perseverance della NASA, per testare come depositare il primo tubo campione su Marte.
Esempio di test di caduta a Mars Yard: Gli ingegneri stanno usando OPTIMISM, una replica a grandezza naturale del rover Perseverance della NASA, per testare come depositare il primo tubo campione su Marte. Fonte: NASA/JPL-Caltech. scarica l’immagine ›

Ma il lavoro non è stato fatto per gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che hanno costruito la Perseverance e guidato la missione. Una volta confermato che il tubo era caduto, il team si è allestito Watson La telecamera all’estremità del braccio robotico di 2 metri per guardare sotto il rover, controllando che il tubo non rotolasse nel percorso delle ruote del rover.

Volevano anche assicurarsi che il tubo non crollasse in modo tale da rimanere in piedi (ogni tubo aveva un’estremità piatta chiamata “guanto” per facilitare la raccolta in futuro). Ciò è accaduto meno del 5% delle volte durante i test con Perseverance Gemello terrestre A Mars Yard al JPL. Nel caso in cui ciò accadesse su Marte, la missione ha scritto una serie di comandi a Persevere per colpire con cautela il tubo con la parte della torre all’estremità del suo braccio robotico.

Gli ingegneri reagiscono con sorpresa mentre testano come il rover Perseverance della NASA deposita i suoi campioni sulla superficie di Marte.
L’OTTIMISMO dimostra l’atterraggio: Gli ingegneri reagiscono con sorpresa mentre testano come il rover Perseverance della NASA deposita i suoi campioni sulla superficie di Marte. Fonte: NASA/JPL-Caltech. scarica l’immagine ›

Nelle prossime settimane, avranno più possibilità di vedere se Perseverance ha bisogno di usare la tecnica mentre il rover deposita più campioni nella cache di Three Forks.

READ  Uno studio suggerisce che la circolazione di "acqua cerebrale" può significare che il nostro cervello usa l'aritmetica quantistica: ScienceAlert

“Vedere il nostro primo campione sulla Terra è un incredibile culmine del nostro periodo di missione principale, che termina il 6 gennaio”, ha dichiarato Rick Welch, vice project manager per Perseverance al JPL. “È un bell’allineamento, mentre iniziamo la nostra cache, chiudiamo anche questo primo capitolo della ricerca.”

Maggiori informazioni sulla missione

L’obiettivo principale della missione Mars Perseverance è Astrobiologia, compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e immagazzinare rocce e regolite marziane (rocce rotte e polvere).

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione lunare della NASA a Marte, che include Artemide Le missioni sulla Luna aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

Il Jet Propulsion Laboratory, gestito dal Caltech della NASA a Pasadena, in California, ha costruito e gestito le operazioni del rover.

Ulteriori informazioni sulla perseveranza:
mars.nasa.gov/mars2020/

Notizie Media Contatti

Andrew Judd/DC Agile
Laboratorio di propulsione a reazione, Pasadena, California.
818-393-2433 / 818-393-9011
andrew.c.good@jpl.nasa.gov / agle@jpl.nasa.gov

Karen Fox/Alana Johnson
Sede della NASA, Washington
301-286-6284 / 202-358-1501
karen.c.fox@nasa.gov / alana.r.johnson@nasa.gov

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply