il rialzo del dollaro per il persistere delle pressioni inflazionistiche; Occhi puntati sulle riunioni della banca c

SINGAPORE (Reuters) – Il dollaro è salito lunedì dopo che i dati di venerdì hanno mostrato che i prezzi alla produzione statunitensi sono aumentati più del previsto il mese scorso, indicando pressioni inflazionistiche persistenti e una possibilità per la Federal Reserve di mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo.

Il dollaro è salito dello 0,35% contro lo yen giapponese, a 137,05. Contro un paniere di valute, l’indice del dollaro USA ha guadagnato lo 0,12%, a 105,18.

L’euro è sceso dello 0,2% a $ 1,0509.

Lunedì la sterlina inglese è scesa dello 0,31% a 1,2229 dollari, mentre la sterlina è scesa dello 0,34% a 0,6773 dollari.

Allo stesso modo, il kiwi è sceso, in calo dello 0,34%, a 0,6393$.

I dati pubblicati venerdì hanno mostrato che l’indice dei prezzi alla produzione degli Stati Uniti per la domanda finale a novembre è aumentato dello 0,3% rispetto al mese precedente e del 7,4% rispetto all’anno precedente, una leggera sorpresa rispetto alle aspettative di un aumento rispettivamente dello 0,2% e del 7,2%.

“C’era poca preoccupazione su come l’inflazione continuerà a salire e incoraggerà la Fed a mantenere la politica a un livello vincolato più a lungo di quanto previsto in precedenza”, ha affermato Carol Kong, analista valutario presso la Commonwealth Bank of Australia (CBA). .

Gli operatori sono stati anche all’erta mentre si preparano per i principali eventi di rischio di questa settimana, inclusi i dati sull’inflazione degli Stati Uniti e una serie di importanti riunioni delle banche centrali.

La Fed è di nuovo al centro della scena e si prevede che aumenterà i tassi di interesse di 50 punti base, sebbene l’attenzione sia rivolta alle prospettive economiche aggiornate della banca centrale e alla conferenza stampa del presidente della Fed Jerome Powell.

READ  Come la Cina è diventata ground zero per la carenza di chip per auto

“Se parlasse di più dei rischi per l’economia… Penso che i mercati sarebbero probabilmente visti come accomodanti dai mercati e, naturalmente, ai mercati piacciono i commenti accomodanti e come il FOMC presterebbe maggiore attenzione ai rischi al ribasso all’economia». CBA Kong ha detto.

Anche la Banca d’Inghilterra e la Banca centrale europea (BCE) si incontreranno questa settimana e ciascuna dovrebbe aumentare i tassi di interesse di 50 punti base.

“Ci è stato detto dai funzionari della BCE che si preoccupano di più dell’inflazione core, che è rimasta alta”, ha detto Kong a proposito dell’imminente riunione della BCE.

“Se aumentano di 50 punti base… potrebbero dare seguito ad alcuni commenti da falco alla conferenza Lagarde dopo l’incontro”.

In vista della riunione del FOMC, i dati sull’inflazione statunitense per novembre sono previsti martedì, con gli economisti che prevedono un tasso di inflazione core annuo del 6,1%.

“La reazione del mercato alle sorprese sull’inflazione statunitense è stata finora irregolare nel 2022, con sorprese negative che hanno avuto un impatto maggiore di quelle rialziste”, hanno affermato gli analisti di Barclays.

Hanno aggiunto: “È probabile che i dati sull’inflazione siano il fattore trainante più importante dei due, (data) la guida della Fed per aumenti minori”, riferendosi agli effetti sul dollaro USA. Lo yuan esterno è sceso leggermente a 6,9798 rispetto al dollaro, appesantito dalle preoccupazioni per un possibile aumento dei casi di coronavirus, poiché la Cina ha allentato le sue rigide restrizioni sul coronavirus.

Segnalazione di Ray Wei. Montaggio di Lincoln Feist e Bradley Perrett

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply