Il razzo Artemis 1 della NASA potrebbe subire venti dannosi mentre si avvicina la tempesta

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

La missione Artemis I, che dovrebbe inviare un veicolo spaziale senza pilota in una missione sperimentale intorno alla Luna, è stata nuovamente posticipata, poiché il sistema di lancio spaziale della NASA incontra la tempesta tropicale Nicole, che ora dovrebbe Rafforzamento in un uragano prima di colpire la costa orientale della Florida.

L’agenzia spaziale puntava al 14 novembre per il suo terzo tentativo di lancio, ma ora non vede l’ora che arrivi il 16 novembre, “in attesa che i dipendenti possano tornare al lavoro, così come le ispezioni dopo che la tempesta è passata”, ha affermato la NASA in una dichiarazione martedì sera. . Il 16 novembre introdurrà una finestra di lancio di due ore che si apre all’1:04 ET

Il meteorologo della CNN Brandon Miller ha notato che il razzo, spesso indicato come SLS, è sulla rampa di lancio del Kennedy Space Center, che si trova appena a nord di dove dovrebbe atterrare il centro della tempesta. Ciò significa che la regione può aspettarsi alcuni dei venti più forti che il sistema trasporterà.

Se l’uragano è di 75 mph (120 km/h) come uragano di categoria 1, come previsto, potrebbe raffiche tra 80 e 90 mph (da 130 a 145 km/h), secondo Miller. Ciò potrebbe significare che il missile sarà esposto a venti superiori ai limiti predeterminati di ciò che il missile può sopportare. I funzionari hanno affermato che l’SLS è progettato per resistere a raffiche di vento fino a 85 mph (137 km/h).

“Inoltre, il National Weather Service di Melbourne, in Florida, prevede venti massimi giovedì mattina a 86 mph”, ha aggiunto Miller. “Quindi sì, è del tutto possibile che le raffiche di vento superino questo limite”.

L’ultimo rapporto del National Hurricane Center offre anche una probabilità del 15% che Cocoa Beach, situata a circa 20 miglia (32 chilometri) a sud del sito di lancio, resista a forti venti di uragano.

Tuttavia, la NASA ha affermato nella sua dichiarazione: “Le previsioni prevedono che i maggiori rischi per la piattaforma sono i venti forti che non dovrebbero superare il design dell’SLS”.

“Il missile è progettato per resistere a forti piogge sulla rampa di lancio e i portelli del veicolo spaziale sono stati fissati per prevenire perdite d’acqua”, ha aggiunto la dichiarazione.

L’agenzia spaziale ha deciso di lanciare il razzo SLS sulla rampa di lancio la scorsa settimana, poiché la tempesta era ancora lì Un sistema senza nome si produce al largo della costa orientale. A quel tempo, i funzionari si aspettavano che questa tempesta portasse venti sostenuti di circa 25 nodi (29 mph) con raffiche fino a 40 nodi (46 mph), che erano considerati entro limiti prestabiliti di ciò che il missile poteva sopportare. , secondo a Mark Berger, ufficiale meteorologico al lancio negli Stati Uniti Il 45° Squadrone meteorologico della Space Force, in una conferenza stampa della NASA il 19 novembre

“Il National Hurricane Center ha una probabilità del 30% di diventare una tempesta designata”, ha detto Burger giovedì scorso. “Tuttavia, tuttavia, i modelli sono molto coerenti nello sviluppo di una sorta di bassa pressione”.

Ma la tempesta si è evoluta in un sistema omonimo lunedì, tre giorni dopo il lancio del missile sulla rampa di lancio.

La forza della tempesta è straordinaria, con Nicole che dovrebbe essere il primo uragano a colpire gli Stati Uniti a novembre in quasi 40 anni.

In preparazione alla tempesta, la NASA ha affermato che i suoi team hanno lanciato la navicella spaziale Orion, che si trova in cima al razzo SLS, insieme ai booster laterali del razzo e ad altri componenti.

Secondo la dichiarazione, gli ingegneri hanno anche installato una copertura rigida sulla finestra del sistema di aborto del lancio, hanno tirato la leva di accesso dell’equipaggio e l’hanno fissata al lanciatore mobile e hanno regolato le impostazioni del sistema di controllo ambientale sul veicolo spaziale e sugli elementi missilistici. “I team stanno anche lavorando per proteggere i dispositivi nelle vicinanze e condurre visite per potenziali detriti nell’area”.

Lo ha annunciato il Kennedy Space Center su Twitter alimentazione Martedì che “è nell’evento di HURICON III e continua a prepararsi per la prossima tempesta prendendo precauzioni prudenti in tutti i nostri programmi, attività e forza lavoro prima della tempesta”.

I preparativi per HURICON III includono “la messa in sicurezza di strutture, proprietà e attrezzature” nonché il dispiegamento di una squadra di guida, una squadra che sarà sul posto per valutare eventuali danni.

Il missile SLS è stato nascosto per settimane dopo che i problemi di perdita di carburante hanno ostacolato i primi due lanci e poi L’uragano rotolante Ian Florida, costringendo il missile a evacuare la rampa di lancio a settembre.

I funzionari della NASA hanno restituito il razzo sulla rampa di lancio la scorsa settimana Con l’obiettivo di lavorare verso un terzo tentativo di lancio il 14 novembre. Non è chiaro come o se la tempesta possa influenzare questi piani.

L’obiettivo generale del programma Artemis della NASA è riportare gli esseri umani sulla luna per la prima volta in mezzo secolo. La missione Artemis I – che dovrebbe essere la prima di molte – getterà le basi, testando il razzo, la navicella spaziale e tutti i loro sottosistemi per garantire che siano abbastanza sicuri da consentire agli astronauti di viaggiare sulla luna e ritorno.

READ  Gli astrofisici "risolvono un'impronta gravitazionale fondamentale attorno a un buco nero"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply