Il petrolio scende del 4%, sotto i 100 dollari a causa della chiusura della Cina, piano di rilascio delle riserve

Un sollevatore per pompe di petrolio e gas vicino a Granum, Alberta, Canada, 6 maggio 2020. REUTERS/Todd Korroll/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • I membri dell’AIE rilasciano 240 milioni di barili in 6 mesi
  • Il dollaro USA è destinato a salire per l’ottavo giorno al massimo da maggio 2020
  • Redigere proposte dell’UE per un embargo petrolifero sulla Russia
  • La domanda di petrolio della Cina vede un calo, Shanghai allenta il blocco

NEW YORK (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi lunedì di quasi il 4 per cento, con il greggio Brent che è sceso sotto i 100 dollari al barile per i timori che la pandemia di COVID-19 taglierà la domanda in Cina e come pianificato dall’Agenzia internazionale per l’energia. Il rilascio di quantità record di petrolio da stock strategici.

Gli Stati Uniti West Texas Intermediate (WTI) hanno chiuso al livello più basso dal 25 febbraio, un giorno dopo che le forze russe hanno invaso l’Ucraina, una misura che Mosca chiama “operazione militare speciale”.

I futures sul greggio Brent sono scesi di $ 4,30, o del 4,2 per cento, attestandosi a $ 98,48 al barile, mentre il greggio West Texas Intermediate è sceso di $ 3,97, o del 4,0 per cento, attestandosi a $ 94,29. È il livello di chiusura più basso per il Brent dal 16 marzo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Gli analisti della società di consulenza Eurasia Group hanno affermato che il consumo di carburante in Cina, il più grande importatore di petrolio al mondo, si è bloccato con il blocco del COVID-19 a Shanghai. Shanghai, il centro finanziario della Cina, ha iniziato lunedì ad allentare i blocchi in alcune aree anche se sono state segnalate oltre 25.000 nuove infezioni da COVID-19. Leggi di più

READ  Le scarpe Lululemon sono un nuovo prodotto per affrontare Nike, Adidas

“Anche quando le restrizioni verranno revocate a Shanghai, è probabile che le politiche cinesi anti-Covid-19 rimarranno un freno alla domanda”, ha affermato l’Eurasia Group, osservando che il blocco a Shanghai probabilmente ha ridotto il consumo totale di petrolio della Cina di ben 1,3 milioni. barili al giorno.

Per contribuire a compensare la carenza di greggio russo dopo l’imposizione delle sanzioni a Mosca, gli stati membri dell’AIE, compresi gli Stati Uniti, rilasceranno 240 milioni di barili di petrolio nei prossimi sei mesi. Leggi di più

Gli analisti di JP Morgan hanno affermato che il rilascio dei volumi della Strategic Petroleum Reserve equivale a 1,3 milioni di barili al giorno nei prossimi sei mesi, sufficienti per compensare la carenza di un milione di barili al giorno nelle forniture petrolifere russe.

“L’emissione (SPR) sarà la più grande di sempre e ha già rotto la parte posteriore della curva dei prezzi WTI”, ha affermato Robert Yuger, direttore esecutivo dei futures sull’energia di Mizuho, ​​osservando che gli spread stavano scivolando verso il contango.

Contango indica un eccesso di offerta nel mercato. Questo è il momento in cui i prezzi dei mesi successivi sono superiori ai prezzi del mese anteriore.

Al contrario, quando le preoccupazioni per la carenza di offerta erano elevate all’inizio di marzo, la curva del West Texas Intermediate era in quello che Yuger ha definito un “ultra-delay” poiché ogni mese è sceso di almeno $ 1 al barile dal mese precedente fino a novembre 2023.

E ciò che aumenta la pressione sui prezzi del greggio in dollari USA (DXY.) Era sulla buona strada per consolidarsi per l’ottavo giorno consecutivo contro un paniere di altre valute. Un dollaro più forte rende il petrolio più costoso per i detentori di altre valute. Leggi di più

READ  Fascino degli amici del primo lavoro

Con una mossa che potrebbe restringere le forniture globali di petrolio, l’esecutivo dell’Unione Europea sta lavorando a proposte per vietare il petrolio russo, anche se non c’è ancora un accordo per vietare il greggio russo. Leggi di più

L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) ha dichiarato all’Unione Europea che le sanzioni contro la Russia potrebbero creare uno dei peggiori shock di approvvigionamento petrolifero di sempre e che sarebbe impossibile sostituire questi volumi. L’OPEC ha indicato che non pomperà più petrolio. Leggi di più

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro indiano Narendra Modi hanno tenuto colloqui lunedì mentre Washington ha spinto il suo alleato asiatico a sostenere la sua risposta all’invasione russa. Leggi di più

L’India, il terzo importatore mondiale di petrolio, ha aumentato i suoi acquisti di greggio russo negli ultimi mesi perché Mosca è stata costretta a vendere il suo petrolio a prezzi scontati dall’invasione dell’Ucraina.

La domanda di carburante in India è salita ai massimi degli ultimi tre anni a marzo, con le vendite di benzina che hanno raggiunto il massimo storico. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Bozorgmehr Sharafuddin a Londra, Florence Tan e Isabel Kwa a Singapore e David Gavin a New York. Montaggio di David Goodman, Mark Potter, Will Dunham e David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply